Una perla di Mexes, e il primo derby va a Mihajlovic

Pubblicato il 25 luglio 2015 da redazione

menez-milan-inter

MILANO.- Una prodezza di Philippe Mexes regala il primo derby della stagione al Milan. Mihajlovic si aggiudica il confronto inaugurale con l’amico Mancini e deve ringraziare quel difensore francese, spesso sopra le righe, a cui vuole cambiare l’atteggiamento. “Sono contento della prestazione – ha commentato soddisfatto il tecnico serbo dopo l’1-0 in Cina – questa è la strada giusta. C’è ancora tanto da lavorare, ma i ragazzi sono disponibili. Mi è piaciuto lo spirito della squadra e il fatto di aver subito poco o niente. La mentalità deve essere quella, non solo nel derby, ma in tutte le gare”.

La partita, giocata a Shenzhen per l’International Champions Cup, non può dare grandi indicazioni tattiche e tecniche in vista del campionato. Per un’ora di gioco, infatti, Mancini ha schierato le riserve nerazzurre che non hanno mai messo in difficoltà la difesa rossonera. “Avremo due partite in 48 ore – ha spiegato il tecnico dell’Inter – e per questo ho cambiato la squadra nei primi 60 minuti. La cosa importante è preservarsi dagli infortuni e non volevamo correre nessun rischio”.

Per gran parte della gara ad entusiasmare le migliaia di tifosi presenti sugli spalti sono state le fiammate di Niang, neutralizzato da Carrizo e mal supportato da Matri. Anche Mihajlovic, infatti, ha aspettato fino al quarto d’ora della ripresa prima di far esordire Luiz Adriano e Carlos Bacca. Mezz’ora di gioco che hanno lasciato ottime sensazioni. Bene anche Bonaventura, perché è suo il calcio d’angolo su cui impatta al volo e in acrobazia Mexes. Una magia per coordinazione e gesto atletico festeggiata dall’allenatore serbo con un siparietto: grandi sorrisi, strette di mano e una simpatica pedata nel sedere. Testimonianza del clima positivo che si respira nell’ambiente rossonero.

Nonostante il ko, però, Mancini a fine gara vede comunque il bicchiere mezzo pieno: “Sono contento della nostra prestazione, anche se abbiamo perso la partita. La cosa più importante è che siamo migliorati. Quando sei in questa fase non puoi essere al 100 percento”. In realtà la reazione dei nerazzurri, dopo il gol subito, è tardata ad arrivare e la squadra è sembrata contratta e appesantita fisicamente dalla preparazione.

Al 90′, però, non potevano mancare i complimenti all’amico Mihajlovic: “Con Sinisa ci siamo salutati e abbiamo parlato un po’. Penso che farà bene, mi sembra che la sua squadra stia prendendo forma. Credo che sarà contento”.

Per far sorridere definitivamente il serbo, serve un rinforzo in difesa e continua il pressing per Romagnoli. L’arrivo di Ibrahimovic, poi, alzerebbe il livello di tutta la squadra. Ma lo svedese, ai microfoni di Espn, cambia ancora le carte in tavola: “Ho ancora un anno di contratto al Psg, grande club dove sono felice di giocare. Si parla molto del mio futuro, ci sono discussioni, ringrazio per l’interesse ma sono un giocatore del Psg”. L’addio di Ibrahimovic, in realtà, è molto probabile e il Milan resta alla finestra.

Mancini, invece, aspetta di ricevere in regalo gli innesti in attacco. Shaqiri anche nel derby è rimasto a guardare e Jovetic e Perisic, sono vicini, con il croato del Wolfsburg anche oggi contro il Villareal per l’Emirates Cup ha giocato titolare andando anche in gol. Perisic sta bene, scalpita e Mancini si sfrega le mani.

Ultima ora

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

22:03Calcio: Andreazzoli nuovo allenatore dell’Empoli

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 17 DIC - Aurelio Andreazzoli è il nuovo tecnico dell'Empoli. Dopo l'esonero quasi a sorpresa di Vincenzo Vivarini la società ha affidato la guida della prima squadra all'ex allenatore della Roma, a riposo da questa estate dopo aver lavorato come collaboratore di Luciano Spalletti. Andreazzoli sarà presentato domani e sarà coadiuvato dall'allenatore in seconda Giacomo Lazzini, ex centrocampista dell'Empoli nella stagione 1992-93. Andreazzoli ha firmato un contratto fino al 30 giugno, con opzione in caso di promozione in serie A. Andreazzoli torna a guidare una prima squadra dopo la stagione 2012-2013 quando in seguito all'esonero di Zeman, gli venne affidata la panchina della Roma, con cui perse la finale-derby di Coppa Italia contro la Lazio e dove rimase fino al termine della stagione per poi tornare al ruolo di collaboratore, prima con Rudi Garcia poi, di nuovo, con Luciano Spalletti. Dalla scorsa estate aveva deciso di rimanere a riposo. Ora la chiamata del presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi.

21:33Reagisce a rapinatore, ferito gestore pizzeria in Molise

(ANSA) - CAMPOMARINO (CAMPOBASSO), 17 DIC - Reagisce al rapinatore che, con volto coperto, entra in pizzeria e gli punta una pistola scacciacani, chiedendogli l'incasso. Tra i due inizia una colluttazione e il gestore del locale resta ferito al volto dopo il colpo con il calcio dell'arma scagliatogli contro dal malvivente. Nella concitazione del momento, il ladro esplode anche due colpi. Poi la fuga con 500 euro. "Abbiamo ancora la paura addosso - dice la moglie del titolare - non riusciamo a capacitarci dell'accaduto". Sull'episodio sono in corso indagini a 360 gradi dei Carabinieri, intervenuti intorno alle 23 di sabato sera, nel locale di Corso Marconi, nel centro di Campomarino (Campobasso). In base alle testimonianze, il malvivente è alto 1.80, sarebbe italiano e di corporatura robusta. "Il rapinatore mi ha ferito al capo con il calcio della pistola - spiega il titolare della pizzeria contattato telefonicamente - durante il corpo a corpo ha esploso dei colpi dalla scacciacani dentro il locale".Nella fuga - a quanto appreso - sembra che il rapinatore abbia perso un caricatore o un pezzo dell'arma, trovato dai Carabinieri e al vaglio degli inquirenti. Non sono state trovate, invece, telecamere funzionanti nei dintorni del locale. Accertamenti a tappeto da parte dei militari. Per tutto il giorno sono stati ascoltati in caserma i testimoni dell'accaduto compreso il gestore dell'attività che ha ripercorso in dettaglio l'accaduto. (ANSA).

21:32Austria: Gozi, mantenga impegni su quote rifugiati assegnate

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Per noi è fondamentale che l'Europa si attrezzi con politiche per governare immigrazione e asilo. Il minimo sindacale dell'Italia è che ogni Paese rispetti le quote di rifugiati loro assegnati. Ribadiremo questa posizione anche al nuovo governo austriaco". Così il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, su Twitter.

21:28Brexit: Tajani, britannici si stanno rendendo conto errore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se i britannici volessero fare marcia indietro (sulla Brexit) poi tutti gli stati dell'Unione Europea dovrebbero accettare. Certamente più si va avanti più si rendono conto dell'errore commesso": lo ha detto il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. "Fortunatamente - ha aggiunto Tajani - abbiamo risolto la prima parte e siamo riusciti a fare un accordo quadro in difesa dei diritti dei cittadini Ue in Gb, il problema dei confini tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica di Irlanda e l'accordo sul conto" di divorzio. "Adesso inizia la fase difficile della trattativa: trasformare l'accordo generale in un trattato e poi vedere quali saranno le relazioni future tra Gb e Ue. Non sarà facile", ha concluso il presidente dell'Europarlamento.

21:28Cile al voto, incerto ballottaggio ex presidente-ex cronista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Un ricco imprenditore conservatore e liberista ex presidente contro un ex giornalista progressista in Cile si contendono fino all'ultimo voto in un ballottaggio presidenziale che deciderà una continuità di centro-sinistra o una svolta a destra, in quelle che vengono considerate le elezioni più incerte della storia cilena. Il miliardario è il 68enne Sebastian Pinera, grande manager laureato a Harvard e già presidente della Repubblica dal 2010 al 2014, con un basso tasso di popolarità ma sotto il quale l'economia cilena ha conosciuto una crescita del 5%. E che nel primo turno, tenutosi a novembre, è arrivato primo con il 36,6%. L'ex giornalista televisivo è Alejandro Guillier, 64 anni, che ha riscosso l'endorsement della presidente di centro-sinistra uscente, Michelle Bachelet, i cui mandati presidenziali hanno preceduto e seguito quello di Pinera. Al primo turno ha preso il 22,7%, ma nei sondaggi delle ultime settimane è risalito, e ora si trova spalla a spalla con l'avversario.

Archivio Ultima ora