Ecco i calendari della Serie A, niente teste di serie

Serie_A_2015-2016

ROMA. – Si alza il sipario, nel pomeriggio a Milano, sulla nuova Serie A 2015-2016. La presentazione del calendario si svolgerà nella sede di Expo 2015, con diretta tv a partire dalle ore 19.15: il campionato prenderà il via sabato 22 agosto, con i primi anticipi della stagione, per concludersi il 15 maggio del prossimo anno.

La Lega di serie A ha intanto reso noti i criteri per la compilazione dei calendari. Tra gli altri, è stato stabilito che nei turni infrasettimanali non sono possibili incontri tra Inter, Juventus, Milan, Napoli e Roma, né si svolgono i derby di Milano, Genova, Roma, Torino e Verona. Analogamente, tutti i derby non sono possibili né alla prima né all’ultima giornata e comunque devono svolgersi in giornate diverse. Non sono previste ‘teste di serie’, per cui tutte le squadre possono incontrarsi anche alla prima o all’ultima giornata.

La Lega ha anche stabilito che nella prima giornata non possono incontrarsi tra loro, indipendentemente dall’ordine casa/trasferta, società che si sono già incontrate nella prima giornata negli ultimi due campionati, così come nell’ultima giornata non possono incontrarsi tra loro squadre che si sono già incrociate nell’ ultima giornata degli ultimi due campionati.

Le squadre che partecipano alla Champions League (Juventus, Roma e Lazio) non incontrano le squadre partecipanti all’Europa League (Fiorentina, Napoli e Sampdoria), nelle giornate poste tra un turno di Europa League e un turno successivo di Champions League (7/a, 10/a, 13/a e 17/a giornata).

Tra gli altri criteri che verranno garantiti dall’urna: 1) nelle ultime quattro giornate le gare in casa saranno alternate a quelle in trasferta; 2) non vi possono essere più di due coppie di incontri consecutivi in casa e/o in trasferta per girone; 3) nel caso in cui vi siano due coppie di incontri consecutivi in casa e/o in trasferta, una coppia di incontri deve necessariamente essere in casa e l’altra in trasferta; 4) è prevista l’alternanza assoluta degli incontri in casa ed in trasferta per le squadre di Verona, Genova, Milano, Torino e Roma.

Infine, nelle nelle città che presentano due squadre che condividono lo stesso stadio (Genova, Milano, Roma e Verona), quest’anno l’ordine di esordio in casa è invertito rispetto al campionato scorso; di converso, le società che, nel campionato 2014/2015, hanno disputato fuori casa l’ultima gara giocano in casa l’ultima partita.

Condividi: