Sisma L’Aquila: nuova bufera su ricostruzione, cinque arresti

Pubblicato il 27 luglio 2015 da redazione

SEI ANNI DAL SISMA: DELRIO, L'AQUILA CE LA FARA'

L’AQUILA.- “Potevo dire tante cose alla magistratura e non le ho dette, per questo ti chiedo un aiuto economico”. In questa intercettazione c’è l’elemento chiave della nuova bufera giudiziaria sulla ricostruzione post-terremoto dell’Aquila: secondo la procura distrettuale antimafia del capoluogo abruzzese, l’ex consigliere comunale di centrodestra Pierluigi Tancredi minaccia un imprenditore per avere un sostegno “non di 20mila, ma di 2-3mila euro per tirare a campare perché sennò scoppio”.

Tancredi finì ai domiciliari già nel gennaio 2014 per un’inchiesta analoga che portò alle dimissioni, poi ritirate, del sindaco Massimo Cialente e dell’allora vice sindaco, Roberto Riga. Ora Tancredi e l’imprenditore intercettato, insieme ad altri tre imprenditori impegnati nella ricostruzione, sono finiti ai domiciliari nell’ambito di un’inchiesta portata avanti dai Carabinieri sugli appalti relativi al mega affare, secondo alcune stime 500 milioni di euro di soldi pubblici, per la messa in sicurezza dei moltissimi edifici pericolanti a causa del sisma del 6 aprile 2009, affidati direttamente per le deroghe legate all’emergenza. Una sesta persona, un faccendiere, ha l’obbligo di dimora e di firma. Tredici gli altri indagati a piede libero, tra cui dipendenti del Comune dell’Aquila, accusati di abuso d’ufficio, e tecnici nei guai per truffa.

Tancredi, ex assessore della Giunta di centrodestra negli anni Duemila, ritenuto figura centrale, oltre che di estorsione deve rispondere di corruzione, che sarebbe stata commessa dopo il sisma quando, tra le polemiche, fu nominato da Cialente consigliere delegato alla ricostruzione. Un incarico che poi lasciò, abbandonando successivamente anche il Consiglio comunale: i fatti che prendono spunto dall’inchiesta dello scorso anno si riferiscono in particolare a tre interventi nella zona del centro storico del capoluogo, affidati nel 2010, svolti e pagati tra il 2011 e il 2012.

A tale proposito sono stati sequestrati circa 450 mila euro, somma equivalente al denaro pubblico versato nelle casse delle imprese alle quali, come ha spiegato il pubblico ministero titolare dell’inchiesta, Antonietta Picardi, venivano liquidate somme superiori ai lavori fatti. Ai 19 indagati vengono contestate a vario titolo anche le accuse in concorso tra loro di subappalto irregolare e dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

“Episodi di corruzione datati sono stati rivitalizzati dal comportamento degli indagati, uno dei quali ha chiesto di essere ulteriormente finanziato altrimenti avrebbe rivelato alla magistratura quello che non aveva detto. Noi abbiamo colto l’invito e siamo pronti ad aspettarlo”, ha spiegato il procuratore distrettuale antimafia Fausto Cardella, in una conferenza stampa.

Le indagini sono state svolte anche dal Capitano Ultimo, il colonnello dei carabinieri che arrestò Totò Riina, oggi vice comandante del Nucleo operativo ecologico (Noe).

(di Berardino Santilli/ANSA)

Ultima ora

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

08:43Russiagate: Mueller accede a migliaia email transition team

(ANSA) - WASHINGTON, 17 DIC - Il team del procuratore speciale per il Russiagate Robert Mueller ho ottenuto l'accesso a migliaia di email private mandate e ricevute da collaboratori di Donald Trump prima che si insediasse alla Casa Bianca. Materiale, riferisce l'Ap, di cui gli investigatori sono venuti in possesso non chiedendo direttamente al transition team del tycoon ma attraverso la General services administration, che spesso archivia i documenti della transizione presidenziale nei suoi computer. Una mossa che potrebbe sollevare obiezioni legali. Un avvocato del transition team ha gia' inviato una lettera al Congresso per segnalare che all'indagine di Mueller sono state fornite "rivelazioni non autorizzate" da parte di questa agenzia federale. Il materiale comprende comunicazioni di una decina di dirigenti all'epoca della transizione, tra cui Michael Flynn, che ha raggiunto un accordo con gli inquirenti per aver mentito all'Fbi.

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

Archivio Ultima ora