Tripoli condanna a morte il figlio prediletto di Gheddafi

Pubblicato il 28 luglio 2015 da redazione

Gaddafi?s son warns of conspiracy as protests continue

IL CAIRO. – Condannato a morte per fucilazione. E’ la sentenza emessa da una Corte di Tripoli nei confronti di Saif al Islam Gheddafi, secondogenito e figlio prediletto del Colonnello. L’accusa è di crimini di guerra e di aver represso le proteste durante la rivoluzione del 2011. Insieme al delfino del dittatore, considerato l’erede politico del padre, sono stati condannati alla pena capitale otto persone, ex fedelissimi del rais, tra cui il capo dell’intelligence Abdullah Senussi, il responsabile dei servizi segreti Abuzed Omar Dorda e l’ex premier Baghdadi al Mahmoudi.

Tutti possono, in teoria, presentare appello entro 60 giorni. Tobruk, il cui governo è riconosciuto a livello internazionale, tuttavia respinge la sentenza, secondo quanto ha reso noto il ministro della Giustizia, Al Mabruk Qarira, che considera il tribunale di Tripoli “illegittimo” perché si trova in una città che non è sotto il controllo dello Stato. Immediata la replica di Tripoli che, invece, ha definito il processo equo.

In dichiarazioni ad un giornale libico, Al Sedik al Sour, responsabile dell’ufficio del procuratore generale, ha ribattuto che “la sentenza è il frutto di inchieste iniziate nel novembre del 2011 e agli imputati sono stati garantiti tutti i diritti”. “L’assenza di alcuni di loro – ha aggiunto – non significa che il tribunale sia illegittimo, perché il codice penale può emettere sentenze in contumacia”.

Saif al Islam (La spada dell’Islam) è stato infatti condannato in contumacia, in quanto è detenuto nel carcere di Zintan – 180 km a sud-ovest di Tripoli – e la milizia che lo tiene in custodia, vicina a Tobruk, rifiuta di consegnarlo. Proprio da questa città era partito nell’agosto del 2011 l’attacco dei ribelli contro Tripoli. Una offensiva che aveva costretto Gheddafi e i suoi alla fuga.

Dal carattere sfrontato, abile oratore, il secondogenito del Colonnello fu arrestato il 19 novembre 2011 mentre cercava di fuggire in Niger, un mese dopo la morte del padre. Dalla sua cattura i media internazionali, ma in primis gli stessi libici, hanno seguito con grande interesse il processo. Saif infatti potrebbe essere a conoscenza di numerosi retroscena della dittatura, sebbene non abbia mai avuto un ruolo ufficiale nel governo. Una delle ultime volte che era comparso in tribunale a fine aprile 2014, tramite video conferenza dalla prigione – una procedura definita una farsa da varie ong -, dopo avere ascoltato i capi di accusa e alla domanda se voleva nominare un legale aveva affermato: “Il mio avvocato è Allah”.

Numerose organizzazioni per i diritti umani hanno lanciato vari appelli alle autorità libiche a consegnarlo alla Corte dell’Aja, che nel giugno del 2011 aveva emesso un mandato di arresto accusandolo di aver compiuto crimini contro l’umanità. Ma la Libia ha sempre sostenuto di potergli garantire un procedimento equo. Nel corso del processo Saif è stato accusato tra l’altro di reclutare mercenari, pianificare attacchi contro i civili, formare gruppi armati, omicidio e stupro.

Del clan Gheddafi, Saif e Saadi sono dietro le sbarre, mentre altri tre figli, Mutassim, Saif el Arab e Khamis, sono morti nel 2011. Aisha, Hannibal e Mohamed hanno invece trovato rifugio all’estero insieme a Safiya, seconda moglie del colonnello. Sconcerto per la sentenza è stato espresso da Onu, Amnesty e da Cuno Tarfusser, giudice della Corte penale internazionale dell’Aja, che da sempre si batte contro la pena di morte che considera una “barbarie”.

In campo anche Thorbjor Jagland, segretario generale del Consiglio d’Europa, secondo il quale “la decisione su questo caso doveva essere presa dal Tribunale internazionale dell’Aja con un equo processo”.

(di Giuseppe Maria Laudani/ANSA)

Ultima ora

21:32Tav: assalto cantiere, gip convalida arresto antagonisti

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Sono stati convalidati gli arresti degli antagonisti fermati dalla Digos in Val Susa per l'assalto al cantiere della Tav nel giorno dell'Immacolata. Il gip ha disposto per Umberto Raviola e Alice Scavone, esponenti del centro sociale torinese Askatasuna di 27 e 25 anni, l'obbligo di dimora a Torino, con presentazione alla p.g. due volte la settimana; per Cesare Pisano, 25enne del centro sociale Newrotz di Pisa, è scattato l'obbligo di dimora nella provincia di Pisa, con presentazione bisettimanale. Per i tre antagonisti No Tav è scattato pur il foglio di via con divieto di rientro per tre anni nei Comuni di Chiomonte, Susa, Giaglione, Chianacco, Bussoleno e anche Torino per il solo Cerulli). Con un successivo sopralluogo della Digos nella zona del cantiere in cui i tre sono stati fermati gli investigatori hanno sequestrato una roncola, uno zaino con due bottiglie di liquido infiammabile, due torce, rotoli di carta e una batteria per il lancio multiplo di artifici pirotecnici.

21:27Aspiranti toghe ‘in minigonna’: indaga anche Procura Bari

(ANSA) - BARI, 11 DIC - La Procura di Bari ha aperto un'indagine conoscitiva sulla vicenda relativa al giudice del Consiglio di Stato Francesco Bellomo, di origini baresi, che avrebbe obbligato le allieve della sua scuola privata di formazione per magistrati "Diritto e Scienza" a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e trucco marcato, pretendendo anche che non fossero sposate. Questo è quanto denuncia il padre di una studentessa: denuncia, presentata a Piacenza, che ha dato avvio fino ad oggi a un procedimento disciplinare nei confronti del consigliere e ad accertamenti sull'intera vicenda anche sul piano penale, come scritto da alcuni quotidiani. La scuola ha tre sedi in Italia, a Milano, Roma e Bari. Oggi i magistrati di via Nazariantz hanno aperto un fascicolo "modello 45", cioè senza ipotesi di reato né indagati, proprio per accertare eventuali condotte illecite commesse anche nel capoluogo pugliese.

21:18Aeroporti: Galletti firma Via ampliamento Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - "Il ministro Galletti mi ha appena informato di aver firmato il decreto Via" sul progetto di ampliamento dell'aeroporto di Firenze. Lo dice su twitter il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella."Ora manca - aggiunge Nardella - solo la seconda firma di Dario Franceschini. Un'altra buona notizia. Avanti così per lavoro e sviluppo di città e regione".

21:15Rifiuti:Toscana,ok intesa Lazio ma per 6 mesi e 20.000 tonn.

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - La Giunta regionale della Toscana ha deliberato l'accordo con la Regione Lazio per lo smaltimento di un quantitativo complessivo di 20mila tonnellate di rifiuti che avrà validità di soli 6 mesi. Lo rende noto la stessa Regione Toscana. "Abbiamo ritenuto di accogliere la richiesta della Regione Lazio e del Comune di Roma - ha commentato l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni -, pur per un quantitativo minimo, in un'ottica di solidarietà istituzionale".

20:47Calcio: Corte Figc, legittima proroga commissariamento Lega

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' "legittimo e valido" il provvedimento di proroga al commissariamento della Lega Serie preso dal Consiglio Federale della Figc. E' questo - fa sapere la Figc - il parere espresso dalla Corte d'Appello Federale a seguito della richiesta in merito formulata dal presidente federale, Carlo Tavecchio. La Corte ha inoltre ritenuto che "la disposta proroga dei poteri, fino al 29 gennaio 2018, del Commissario straordinario della Lega di Serie A - si legge nel dispositivo - non configuri, neppure astrattamente, una ipotesi di 'impossibilità di funzionamento' istituzionale, come richiesta dallo Statuto Coni, a condizione affinché possa procedersi alla nomina di un Commissario straordinario della Figc".

20:44Calcio: Jovanotti “Sono ‘tottiano’, giorno addio ho pianto”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "L'addio al calcio di Totti? Ho pianto anche io davanti alla tv. Ero insieme alla mia famiglia e tutti avevamo gli occhi lucidi: è stato un momento pazzesco". Così Jovanotti, ospite del talk show sportivo 'Tiki Taka', in onda stasera su Italia 1 e di cui è stato anticipato uno stralcio. "Quando mi chiedono per quale squadro tifo dico che, essendo nato e cresciuto a Roma, sono un pochino romanista ma fondamentalmente sono 'tottiano', perché Totti mi piace molto. Anche perché c'è un po' questo orgoglio di essere nato il suo stesso giorno: abbiamo 10 anni di differenza. Il mio rapporto con lo sport? A me piace molto praticare sport, mi piace la fatica perché mi insegna delle cose. Mi piacciono le salite perché sono un modo per guadagnarsi le discese. Mi piacciono gli sport faticosi e quelli di resistenza, in particolare la bicicletta che mi fa impazzire".

20:10Calcio: Corvino, stagione per costruire nuova Fiorentina

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - "La nuova stagione è cominciata con qualche difficoltà ma deve servire a capire quanto sono forti le fondamenta che abbiamo gettato e come irrobustirle, che è poi l'obiettivo della nostra proprietà". Così il dg della area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, durante il brindisi d'auguri con i media che si è tenuto allo stadio Franchi, presente anche l'allenatore, Stefano Pioli. "Il 2017 è stato un anno complicato, l'Europa League ci è sfuggita per pochi punti ma soprattutto le divisioni che ci sono state non ci hanno aiutato - ha proseguito Corvino -. Invece società, tifoseria e stampa devono camminare assieme". Intanto Pioli, comunque sempre in contatto coi proprietari, sta preparando la partita di Coppa Italia contro la Sampdoria mercoledì al Franchi. Il tecnico non esclude un po' di turnover inserendo qualche elemento finora poco utilizzato.

Archivio Ultima ora