Mattarella: avanti con le riforme, nessun pericolo di derive autoritarie

Pubblicato il 30 luglio 2015 da redazione

ROMA. – Le riforme sono uno dei “punti nevralgici” di questa legislatura e devono essere compiute. In Italia non c’è il rischio di “un uomo solo al comando” perché resterà “il sistema di equilibrio e controlli” tra i vari poteri. Ma basta “straripamenti dai propri confini”: bisogna fermare questa tendenza tutta italiana di cercare di appropriarsi di “funzioni che spettano ad altri”.

A sei mesi dalla sua elezione Sergio Mattarella si prepara alla pausa estiva confermando in pieno le linee guida della sua presidenza: rispetto ferreo delle regole, consapevolezza dei limiti e fiducia ragionata nel futuro. Il presidente della Repubblica ha scelto la tradizionale cerimonia della consegna del “ventaglio” da parte della stampa parlamentare per un richiamo al “rispetto rigoroso delle regole, presidio della democrazia, che vanno rispettate tutte”.

Un disagio espresso dal capo dello Stato forse legato alle troppe supplenze che la “mala-politica” incoraggia, facendosi ora commissariare, ora surrogando il processo legislativo alle sentenze dei giudici. Ma la cerimonia al Quirinale ha permesso al presidente di “svelarsi” un po’ dandogli modo di replicare con garbo anche a quanti, in questi mesi, “lo hanno tirato per la giacchetta”. Chiedendogli ad esempio, solo per citare il caso più recente, di non firmare la legge sulla riforma della scuola.

E il senso del limite che chiede vale in primo luogo per il Quirinale: “non si può pensare che il presidente della Repubblica possa intercettare o bloccare scelte politiche che competono al Parlamento o al governo. Le leggi ad esempio: il presidente della Repubblica non dispone di un potere di veto, può come è noto soltanto chiedere al Parlamento un riesame e soltanto quando riscontri una chiara violazione della Costituzione, un chiaro contrasto con la Costituzione”.

Nessun pericolo poi di derive autoritarie: “nessuno, tantomeno il Presidente della Repubblica, che non ha poteri di scelta politica, è un uomo solo al comando nel nostro Paese. Non è possibile in democrazia”, ha assicurato il presidente.

Sperando che le forze politiche abbiano compreso questo punto fondamentale per il Colle, Mattarella si è concentrato sulle riforme rinnovando l’invito fatto alle forze politiche (“i giocatori”) di aiutarlo “con la loro correttezza”. Il percorso riformatore è “uno dei punti centrali di questa legislatura”, ha spiegato alla stampa italiana riunita al salone delle Feste del Quirinale. Percorso nel quale Mattarella non entra ma del quale auspica una conclusione virtuosa.

E ne spiega le ragioni di fondo: le riforme hanno “due obiettivi, l’efficienza e la partecipazione”. C’è bisogno in sostanza di un “incremento del processo democratico nel rapporto collaborativo tra diversi livelli di governo”. Ma anche, e forse soprattutto, di assicurare un Governo che possa esprimere il proprio programma di legislatura e di un Parlamento che sia in grado di legiferare. “C’è l’esigenza – ha spiegato Mattarella in un discorso interamente “a braccio” – di assicurare al nostro assetto costituzionale una efficacia di azione, perché la democrazia deperisce quando non vi è partecipazione o quando questa decresce, ma anche quando il processo decisionale è inconcludente o privo di efficienza”.

Fin qui la parte più squisitamente politica. Ma il presidente non poteva non tornare su quella che è una delle sue più grandi preoccupazioni: il dilagante malaffare che stritola l’Italia. “Non mi stancherò di ripeterlo: la lotta alla corruzione e la lotta alle mafie costituiscono una priorità assoluta” e l’esempio deve partire dal pubblico, dalla politica che deve sciogliere al più presto “un sistema gelatinoso” che produce “costi altissimi di carattere economico e sociale”.

Nel pensiero di Mattarella ricorre poi, sempre più spesso, un’estrema attenzione ad un’Europa sempre più “in affanno”, stretta nella tenaglia di egoismi nazionali e populismo. “Non possiamo nasconderci la sensazione di un affievolimento dei vincoli di solidarietà nell’Unione”. Per questo serve una nuova “governance” dell’Eurozona “per affiancare alle regole comuni anche istituzioni comuni – senza limitarci alla Banca centrale – e visioni comuni, adeguate e democratiche”.

Ma non tutto va male e Mattarella sceglie di chiudere con un messaggio di “fiducia” per gli italiani. “Vi sono segnali di ripresa e occorre svilupparli e incoraggiarli. Non possiamo abbandonare un’intera generazione di giovani, non possiamo abbandonare il Meridione”. Non serve guardare indietro; “non dobbiamo compiere l’errore della moglie di Lot che diventa una statua di sale perché guarda indietro. Dobbiamo guardare avanti, progettare il futuro”.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora