Avanti tutta sul fronte Rai. Eletti i sette nuovi componenti CdA

Pubblicato il 04 agosto 2015 da redazione

La statua del ''Cavallo morente '' di Francesco Messina, esposta all'ingresso della sede Rai di viale Mazzini a Roma, ANSA/ALESSANDRO DI MEO

La statua del ”Cavallo morente ” di Francesco Messina, esposta all’ingresso della sede Rai di viale Mazzini a Roma,
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – E’ bastata una seduta della Commissione di Vigilanza per arrivare all’elezione dei sette membri del cda Rai. Anche se rapido, il passaggio non è stato però indolore per il Pd, con una nuova spaccatura e strascichi polemici. I Dem hanno eletto Guelfo Guelfi, spin doctor vicino al premier, Rita Borioni, storica dell’arte dell’area di Matteo Orfini, e, con i centristi, l’ex segretario della Fnsi, Franco Siddi. Espressione di Ncd è, invece, l’editore di Formiche, Paolo Messa. E’ riuscita l’impresa di Forza Italia di portare a casa due consiglieri, con soli cinque voti nella bicamerale: grazie all’aiuto di Lega Nord e Fratelli d’Italia sono passati il direttore de L’Opinione, Arturo Diaconale, e quello de Il Giorno, Giancarlo Mazzuca. Il settimo consigliere, indicato dal Movimento 5 Stelle, è Carlo Freccero, che ha avuto anche il sostegno di Sel.

Chiuso il primo tempo della partita, ora il nodo è la scelta del presidente che deve avere il sì dei due terzi della Vigilanza. La trattativa, nonostante le aperture di M5S che vengono considerate dai Dem più tattiche che reali, è tutta con Forza Italia. Gli azzurri vogliono l’ultima parola e chiedono una rosa di nomi al premier, che invece punta a esprimere una personalità che abbia il maggior consenso possibile. Vista la scarsa presenza femminile in cda, la scelta dovrebbe cadere su una donna, come ad esempio Antonella Mansi di Fondazione Mps. L’ipotesi non suscita però grandi entusiasmi tra gli uomini di Silvio Berlusconi, che invece hanno proposto Enzo Iacopino e appoggerebbero Marcello Sorgi. Circola con insistenza anche il nome del presidente dell’Ansa, Giulio Anselmi, insieme a Stefano Folli.

Il premier, per il rinnovamento dell’azienda, punta tutto sul dg in pectore Antonio Campo Dall’Orto, che dal Giappone ha definito “uno tra i più interessanti innovatori della tv italiana”. Per questo potrebbe fare qualche concessione in più sul presidente, anche perché il tentativo è di chiudere la partita domani, con una possibile convocazione serale della Commissione di Vigilanza, dopo l’assemblea che deve ratificare i nomi. La pratica si definirà nelle prossime ore, con il ritorno di Renzi a Roma. Serve un’intesa blindata, perché i numeri sono risicati (la maggioranza con Forza Italia raggiunge esattamente i 27 voti, che valgono i due terzi) e tra i Dem c’è chi teme possibili sgambetti della minoranza dopo quello di oggi.

I due bersaniani in Vigilanza, Miguel Gotor e Federico Fornaro, hanno proposto il nome di Ferruccio De Bortoli, su cui – fanno sapere – i renziani hanno posto un veto perché considerato un nemico di Palazzo Chigi. ”La minoranza del partito è ormai abituata ad esercitare veti – replica il presidente Mario Orfini -. Si è presentata con un nome secco. Quello di De Bortoli è un nome autorevole ma è curioso che sia venuto dalla minoranza Pd”. L’ex direttore de Il Corriere – si racconta in ambienti Dem – non avrebbe gradito la decisione di essere tirato nella contesa a sua insaputa.

Nella maggioranza il ministro Angelino Alfano parla di “buoni risultati, buoni nomi” e aggiunge che “il patto di maggioranza ha tenuto”. Forza Italia esulta per il buon risultato raggiunto grazie all’intesa con Lega, Gal e Fratelli d’Italia, mentre M5S apre all’ipotesi di votare il presidente se sarà “di alto profilo”, ma allo stesso tempo, con Roberto Fico, dà del “buffone” a Renzi per la scelta di rinnovare il cda con la Gasparri. “La spartizione è servita”, è il commento dell’Usigrai. Sulla stessa linea la leader Cgil Susanna Camusso, che aggiunge rivolta al premier: “non è di buon gusto far eleggere il proprio spin doctor”.

(Michele Cassano/Ansa)

Ultima ora

21:32Tav: assalto cantiere, gip convalida arresto antagonisti

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Sono stati convalidati gli arresti degli antagonisti fermati dalla Digos in Val Susa per l'assalto al cantiere della Tav nel giorno dell'Immacolata. Il gip ha disposto per Umberto Raviola e Alice Scavone, esponenti del centro sociale torinese Askatasuna di 27 e 25 anni, l'obbligo di dimora a Torino, con presentazione alla p.g. due volte la settimana; per Cesare Pisano, 25enne del centro sociale Newrotz di Pisa, è scattato l'obbligo di dimora nella provincia di Pisa, con presentazione bisettimanale. Per i tre antagonisti No Tav è scattato pur il foglio di via con divieto di rientro per tre anni nei Comuni di Chiomonte, Susa, Giaglione, Chianacco, Bussoleno e anche Torino per il solo Cerulli). Con un successivo sopralluogo della Digos nella zona del cantiere in cui i tre sono stati fermati gli investigatori hanno sequestrato una roncola, uno zaino con due bottiglie di liquido infiammabile, due torce, rotoli di carta e una batteria per il lancio multiplo di artifici pirotecnici.

21:27Aspiranti toghe ‘in minigonna’: indaga anche Procura Bari

(ANSA) - BARI, 11 DIC - La Procura di Bari ha aperto un'indagine conoscitiva sulla vicenda relativa al giudice del Consiglio di Stato Francesco Bellomo, di origini baresi, che avrebbe obbligato le allieve della sua scuola privata di formazione per magistrati "Diritto e Scienza" a presentarsi ai corsi in minigonna, tacchi a spillo e trucco marcato, pretendendo anche che non fossero sposate. Questo è quanto denuncia il padre di una studentessa: denuncia, presentata a Piacenza, che ha dato avvio fino ad oggi a un procedimento disciplinare nei confronti del consigliere e ad accertamenti sull'intera vicenda anche sul piano penale, come scritto da alcuni quotidiani. La scuola ha tre sedi in Italia, a Milano, Roma e Bari. Oggi i magistrati di via Nazariantz hanno aperto un fascicolo "modello 45", cioè senza ipotesi di reato né indagati, proprio per accertare eventuali condotte illecite commesse anche nel capoluogo pugliese.

21:18Aeroporti: Galletti firma Via ampliamento Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - "Il ministro Galletti mi ha appena informato di aver firmato il decreto Via" sul progetto di ampliamento dell'aeroporto di Firenze. Lo dice su twitter il sindaco del capoluogo toscano Dario Nardella."Ora manca - aggiunge Nardella - solo la seconda firma di Dario Franceschini. Un'altra buona notizia. Avanti così per lavoro e sviluppo di città e regione".

21:15Rifiuti:Toscana,ok intesa Lazio ma per 6 mesi e 20.000 tonn.

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - La Giunta regionale della Toscana ha deliberato l'accordo con la Regione Lazio per lo smaltimento di un quantitativo complessivo di 20mila tonnellate di rifiuti che avrà validità di soli 6 mesi. Lo rende noto la stessa Regione Toscana. "Abbiamo ritenuto di accogliere la richiesta della Regione Lazio e del Comune di Roma - ha commentato l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni -, pur per un quantitativo minimo, in un'ottica di solidarietà istituzionale".

20:47Calcio: Corte Figc, legittima proroga commissariamento Lega

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' "legittimo e valido" il provvedimento di proroga al commissariamento della Lega Serie preso dal Consiglio Federale della Figc. E' questo - fa sapere la Figc - il parere espresso dalla Corte d'Appello Federale a seguito della richiesta in merito formulata dal presidente federale, Carlo Tavecchio. La Corte ha inoltre ritenuto che "la disposta proroga dei poteri, fino al 29 gennaio 2018, del Commissario straordinario della Lega di Serie A - si legge nel dispositivo - non configuri, neppure astrattamente, una ipotesi di 'impossibilità di funzionamento' istituzionale, come richiesta dallo Statuto Coni, a condizione affinché possa procedersi alla nomina di un Commissario straordinario della Figc".

20:44Calcio: Jovanotti “Sono ‘tottiano’, giorno addio ho pianto”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "L'addio al calcio di Totti? Ho pianto anche io davanti alla tv. Ero insieme alla mia famiglia e tutti avevamo gli occhi lucidi: è stato un momento pazzesco". Così Jovanotti, ospite del talk show sportivo 'Tiki Taka', in onda stasera su Italia 1 e di cui è stato anticipato uno stralcio. "Quando mi chiedono per quale squadro tifo dico che, essendo nato e cresciuto a Roma, sono un pochino romanista ma fondamentalmente sono 'tottiano', perché Totti mi piace molto. Anche perché c'è un po' questo orgoglio di essere nato il suo stesso giorno: abbiamo 10 anni di differenza. Il mio rapporto con lo sport? A me piace molto praticare sport, mi piace la fatica perché mi insegna delle cose. Mi piacciono le salite perché sono un modo per guadagnarsi le discese. Mi piacciono gli sport faticosi e quelli di resistenza, in particolare la bicicletta che mi fa impazzire".

20:10Calcio: Corvino, stagione per costruire nuova Fiorentina

(ANSA) - FIRENZE, 11 DIC - "La nuova stagione è cominciata con qualche difficoltà ma deve servire a capire quanto sono forti le fondamenta che abbiamo gettato e come irrobustirle, che è poi l'obiettivo della nostra proprietà". Così il dg della area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, durante il brindisi d'auguri con i media che si è tenuto allo stadio Franchi, presente anche l'allenatore, Stefano Pioli. "Il 2017 è stato un anno complicato, l'Europa League ci è sfuggita per pochi punti ma soprattutto le divisioni che ci sono state non ci hanno aiutato - ha proseguito Corvino -. Invece società, tifoseria e stampa devono camminare assieme". Intanto Pioli, comunque sempre in contatto coi proprietari, sta preparando la partita di Coppa Italia contro la Sampdoria mercoledì al Franchi. Il tecnico non esclude un po' di turnover inserendo qualche elemento finora poco utilizzato.

Archivio Ultima ora