Dal Giappone Renzi frena le proteste della minoranza Pd

Pubblicato il 04 agosto 2015 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi (L) raises his glass for a toast with Japan's Prime Minister Shinzo Abe (R) during a welcome dinner hosted by Abe at his official residence in Tokyo, Japan, 03 August 2015.  ANSA/FRANCK ROBICHON/POOL

Italian Prime Minister Matteo Renzi (L) raises his glass for a toast with Japan’s Prime Minister Shinzo Abe (R) during a welcome dinner hosted by Abe at his official residence in Tokyo, Japan, 03 August 2015.
ANSA/FRANCK ROBICHON/POOL

KYOTO. – Il premier giapponese Shinzo Abe ha già passato 330 ore a discutere in Parlamento per archiviare lo storico pacifismo nipponico in Costituzione. Matteo Renzi racconta lo sfogo del collega ma non fa previsioni su quanto tempo impiegherà lui per piegare le resistenze della minoranza dem. Quello di cui appare sicuro è che “le polemiche quotidiane di una minoranza, che è una parte della minoranza di un anno fa”, non hanno fermato le riforme finora, “i risultati ci sono e il Parlamento non ha mai lavorato così tanto dal ’48”.

Il premier chiude la missione in Giappone con un viaggio da Tokyo a Kyoto sul mitico Shinkansen, il treno super veloce che l’anno scorso ha accumulato in totale solo due minuti di ritardo. Troppo facile per Renzi la contrapposizione tra il tranquillo ordine nipponico e un’Italia “divisa in due, tra chi ci prova e chi si lamenta”, non vedendo, anche al sud, “le tante cose che funzionano accanto ai problemi”.
Lui comunque non ha alcuna intenzione di rallentare: “Mi pagano per cambiare l’Italia e lo chiede la gente del Pd”, dice ai giornalisti in un’improvvisata conferenza stampa sul treno dove elenca le riforme, dal jobs act al “nuovo tassello” della P.A, arrivata finalmente in porto, mai realizzate “con tanta intensità”. In questo percorso riformista Renzi inserisce “la scommessa di grande respiro” della riforma della Rai. Per la quale, “essendo un’azienda da 3 miliardi”, non c’era alternativa al rinnovo ancora in base alla legge Gasparri. “Mi stupiscono le polemiche anche della minoranza e le accuse di aver forzato per il rinnovo, la forzatura sarebbe stata se non si cambiavano i vertici scaduti”.

Oggi il governo indicherà i nomi “di professionisti di livello, competenza e indipendenza” che gli spettano. E sul nome del direttore generale della tv pubblica il premier si sbilancia, mostrando pochi dubbi sulla scelta: “Campo Dall’Orto è tra i più interessanti innovatori della tv pubblica, un nome di altissimo valore che ha i criteri di autorevolezza e capacità”. C’è un altro parametro, l’autonomia dall’appartenenza politica, che il premier rivendica come “novità unica” nella scelta di tutti i manager pubblici nominati finora. “Non so mica come votano Starace o De Scalzi”, chiarisce rigettando però soprattutto l’accusa che le nomine avvengano sempre tra i fedelissimi. “Parlano di giglio magico – dice chiarendo che ‘non è uno sfogo ma un richiamo alla realtà’ – di nomine nel cerchio stretto dei soliti noti ma non si può dire che De Scalzi, Marcegaglia, Grieco, Starace, Todini, Caio, Moretti e da ultimo Costamagna e Gallia appartengano al club dei renziani inventati tra Scandicci e Pontassieve”.

Per il premier più che il team dei fedelissimi intorno a lui ci sono “i migliori, dirigenti di grandissimo valore come si vede dai risultati che stanno raggiungendo e che sono sotto gli occhi di tutti”. Così come sono “sotto gli occhi di tutti”, secondo Renzi, i passi avanti dell’Italia nell’ultimo anno e mezzo. “Basta pensare che l’economia era in continua discesa mentre ora non siamo più un problema in Europa”, dice sottolineando come dal caos greco “non c’è stato alcun contagio per l’Italia”.

Certo, ammette, riforme come il jobs act sono costate scioperi, polemiche continue e anche “i dati del consenso non sono più alti come l’anno scorso”. Ma la minoranza, avverte il premier prima di ripartire per l’Italia, si rassegni e deponga “l’effervescenza dialettica”: “I loro numeri non ci hanno fermati, la conclusione è che le riforme si fanno e con gli occhiali giusti vedrete dove saremo tra un anno”.

(Cristina Ferrulli/Ansa)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora