Elena Ceste: Cassazione, fu aggressione violentissima

(ANSA) – TORINO, 6 AGO – E’ del tutto corretto ipotizzare che Elena Ceste sia stata vittima di una “aggressione violentissima”. Così la Cassazione nella sentenza con cui ha confermato il carcere per il marito della donna di Costigliole d’Asti, Michele Buoninconti, accusato di omicidio. La Corte non ha ravvisato contraddittorietà nelle posizioni prese dal tribunale di Torino, che fra l’altro ritiene che il delitto sia stato compiuto fra le 8’43 e le 8’55 del giorno della scomparsa della donna. La morte fu “immediata”.(ANSA).

Condividi: