Bocci, proselitismo da coniugi espulsi

(ANSA) – PERUGIA, 7 AGO – Erano su “posizioni radicali e avevano abbracciato l’ideologia jihadista con fini di indottrinamento e proselitismo” i coniugi albanesi espulsi nell’ambito di un’indagine condotta dalla polizia di Perugia. A dirlo all’ANSA è il sottosegretario all’Interno Gianpiero Bocci. Che ha espresso “apprezzamento e soddisfazione” per il lavoro della questura guidata da Carmlo Gugliotta. Bocci ha sottolineato l’impegno dello Stato “per il contrasto ai fenomeni criminali e per la prevenzione”.

Condividi: