Papa: è guerra respingere in mare chi fugge da un Paese

Pubblicato il 07 agosto 2015 da redazione

Pope Francis  during an audience with members of the Eucharistic Youth Movement in the Paul VI hall, Vatican City, 07 August 2015.   ANSA/ETTORE FERRARI

Pope Francis during an audience with members of the Eucharistic Youth Movement in the Paul VI hall, Vatican City, 07 August 2015. ANSA/ETTORE FERRARI

CITTA’ DEL VATICANO. – Tensioni e conflitti si risolvono con il “dialogo” e “il rispetto delle identità”. Respingere i migranti Rohingya è “guerra, significa uccidere”. Questo e altro nel botta risposta tra il Papa e i ragazzi del Movimento eucaristico giovanile (Meg). Con loro papa Francesco ha parlato per circa 40 minuti anche della necessità di riconoscere la vera pace, contro la pace “superficiale” che viene dal “diavolo, un malpagatore che ti truffa”; della necessità di rispettare i nonni e la loro memoria; della eucaristia come centro della vita cristiana.

Certo però il riferimento ai profughi birmani è suonato significativo quando negli ultimi tre giorni nel Mediterraneo sono stati tratti in salvo oltre duemila migranti, mentre martedì 26 erano morti e duecento dispersi in un naufragio al largo delle coste libiche. Il tema dei conflitti è emerso da varie domande, che ognuno dei giovani ha pronunciato nella propria lingua – italiano, indonesiano, cinese, brasiliano, francese e argentino – e alle quali il Papa ha risposto in italiano.

“Pensiamo – ha detto papa Francesco partendo dalla domanda rivoltagli dal ragazzo indonesiano, che aveva parlato dei conflitti nel suo Paese, dove ‘si respira una grande diversità di culture’ – a quei nostri fratelli Rohingya che sono stati cacciati via da un Paese, da un altro, da un altro, vanno sul mare, quando arrivano a un porto, a una spiaggia, gli danno un po’ d’acqua, un po’ da mangiare e li cacciano via sul mare, questo è un conflitto non risolto, questo è guerra, questo si chiama violenza, si chiama uccidere”.

Papa Francesco era intervenuto diverse volte, anche con un appello della scorsa primavera, a favore dei migranti Rohingya, di religione musulmana, alla deriva nel mare delle Andamane, dopo che Indonesia, Malesia e Thailandia hanno deciso di respingerli. I Rohingya fuggono da Myanmar (Birmania), dove non gli viene concessa la cittadinanza e non gli vengono riconosciuti i diritti fondamentali.

“Anche i conflitti – ha osservato papa Bergoglio – possono farci bene, perché ci fanno capire le differenze, ci fanno capire come sono le cose diverse e ci fanno capire che se non troviamo una soluzione che risolva questo conflitto, ci sarà una vita di guerra. Il conflitto, per essere bene assunto, deve essere orientato verso l’unità, e in una società come la tua che ha una cultura con tante culture diverse dentro, deve cercare l’unità ma nel rispetto di ciascuna identità. Il confitto si risolve con il rispetto dell’identità”.

A questo punto il Papa ha citato i Rohingya. “I veri conflitti sociali, anche culturali, – ha detto ancora – si risolvono con il dialogo, ma prima con il rispetto dell’identità dell’altra persona. In Medio Oriente stiamo vedendo che tanta gente non è rispettata: le minoranze religiose, i cristiani &hellip non solo non sono rispettati, ma tante volte sono uccisi, perseguitati, perché non si rispetta la loro identità. Nella nostra storia, sempre ci sono stati conflitti di identità religiosa causati dal non rispettare l’identità dell’altra persona. ‘Ma, questo non è cattolico, non crede in Gesù Cristo &hellip’ Rispettalo. Cerca che cosa buona ha. Cerca nella loro religione, nella loro cultura, i valori che ha. Rispettalo. Così i conflitti si risolvono con il rispetto dell’identità altrui. si risolvono con il dialogo”.

Papa Bergoglio ha spiegato ai ragazzi come affrontare e governare le tensioni nella propria vita, senza ignorarle e senza farsene annientare: “Ognuno deve individuare le tensioni della sua vita”, che “fanno crescere” e ogni giovane deve avere la “virtù del coraggio” di affrontarle, “un giovane senza coraggio è annacquato”, “va in pensione a 20 anni”, “se vede tutto sicuro e tranquillo nella vita”. (giovanna.chirri@ansa.it)

(di Giovanna Chirri/ANSA)

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora