Minoranza Pd, Senato elettivo o niente. Renziani, no a veti

Pubblicato il 08 agosto 2015 da redazione

Panoramica dell'aula del Senato. Roma, 31 luglio 2015.    ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Panoramica dell’aula del Senato. Roma, 31 luglio 2015. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA.- Appena iniziate, sembrano già fallite le prime prove di dialogo nel Pd sulle riforme. “Non accettiamo veti: non ci chiedano modifiche tali da dover dire di no”, avverte la maggioranza Pd. “Chiediamo l’elezione diretta del Senato: non ci propongano inutili scorciatoie”, replica la minoranza Pd. Ed è già rispedita al mittente la proposta di mediazione che prevede l’elezione dei futuri senatori in un ‘listino’ alle elezioni regionali. La sinistra dem chiede di cambiare l’articolo 2 del ddl Boschi: pretesa irricevibile, per la maggioranza Pd, perché “vorrebbe dire ripartire da zero”. Con il rischio, avverte Debora Serracchiani, di fallire l’obiettivo riforme e “consegnare il Paese a Grillo e Salvini”.

Quasi a dare la misura della posta in gioco, Palazzo Madama non chiude i battenti quest’estate. Perché tutto possa essere pronto per le prime votazioni a settembre, oltre 150 dipendenti del Senato hanno dovuto rinunciare alle ferie. E’ impresa improba, infatti, esaminare e fascicolare i 513.499 emendamenti, raccolti in 100 tomi per complessive 80 tonnellate di peso. Opera in gran parte di Roberto Calderoli.

Ma al dunque, saranno in realtà una manciata di proposte di modifica a decidere il destino delle riforme e della stessa legislatura: quelle presentate non solo dalla minoranza Pd, ma anche da Pd, M5S, Lega e Sel per sostenere il Senato elettivo. Prima di partire per le ferie, Matteo Renzi vede a Palazzo Chigi prima Pier Ferdinando Casini, profondo conoscitore delle dinamiche del Senato, poi il ministro Maria Elena Boschi. “Si chiude un anno di grandi risultati parlamentari. Adesso qualche giorno di ferie e si riparte”, scrive al termine dell’incontro Boschi su Twitter.

A verbale per la riflessione ferragostana, i vertici del Pd lasciano “la più ampia disponibilità” al dialogo, ma anche un fermo no a “tornare indietro”. Il che vuol dire, in linea anche con l’opinione espressa dall’ex presidente Giorgio Napolitano, nessuna modifica all’articolo 2 del ddl costituzionale, che disciplina l’elezione del nuovo Senato. “E’ già stato votato in doppia lettura conforme anche alla Camera: è chiuso”, affermano i renziani. “Nessuno può pretendere di ricominciare daccapo”, dice dalla minoranza più ‘dialogante’ anche Cesare Damiano.

Gli spazi per una mediazione ci sono, affermano dal Nazareno: “Siamo assolutamente convinti che troveremo la disponibilità di tutti a un ragionamento comune”, dice la Serracchiani. E qualche parlamentare assicura che nelle prossime settimane si procederà a sondare uno per uno anche i senatori dell’opposizione più aperti al dialogo. Poi il vero confronto potrebbe partire a settembre con gli incontri tra partiti, a iniziare da Forza Italia. Non è escluso anche un faccia a faccia tra il premier e Berlusconi. Ma da Arcore resta per ora ferma la richiesta, speculare a quella della minoranza dem, di introdurre il Senato elettivo e di cambiare l’Italicum per inserire il premio alla coalizione e non più alla lista. Una richiesta esorbitante per i renziani, dal momento che l’Italicum ormai è stato approvato.

Ma è proprio la legge elettorale il vero convitato di pietra nel dibattito sulle riforme. Intanto, non raccoglie molti consensi la proposta del capogruppo Pd Luigi Zanda, ripresa da Ncd, di inserire una forma di elezione diretta del Senato con legge ordinaria nelle regionali, scrivendo “il principio” nell’articolo 10 e non nell’articolo 2 del testo. “Non è una proposta, è un ritorno di fiamma”, la boccia la senatrice della minoranza dem Doris Lo Moro, che invoca “una proposta vera”.

L’irrigidimento fa crescere nei renziani il sospetto che il vero obiettivo sia abbattere il governo e la legislatura. Ma una lettura del genere è “una mistificazione della realtà”, dice il senatore della minoranza Federico Fornaro. I ‘dissidenti’ Dem sono più di trenta, incluso un esponente del governo, assicura Lo Moro, che da capogruppo in commissione vuol continuare a cercare una mediazione. In tutto “sono 176 i senatori per il Senato elettivo: il governo non ha la maggioranza”, sostiene il Mattinale, la nota politica di FI alla Camera. Ma i renziani avvertono che i conti si faranno alla fine. E il governo, assicurano, per allora avrà i numeri.

(Di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora