Turchia: falso complotto per uccidere la figlia di Erdogan

(ANSA) – ISTANBUL, 9 AGO – Il complotto per uccidere la figlia minore di Erdogan, Sumeyye, non c’è mai stato. A smentire la notizia, diffusa nel febbraio scorso dai quotidiani filo-governativi turchi, sono due magistrati di Istanbul. Il piano criminale era stato attribuito ai deputati Umut Oran e Akif Hamzacebi del maggiore partito di opposizione, i socialdemocratici del Chp, e al giornalista investigativo Emre Uslu, per screditare gli avversari del presidente turco Recep Tayyip Erdogan in vista del voto di giugno.

Condividi: