India: pornografia online,governo ‘non può spiare cittadini’

(ANSA) – NEW DELHI, 11 AGO – In seguito alla revoca della messa al bando di oltre 800 siti a ‘luci rosse’, il governo indiano ha ammesso che “non può spiare i cittadini che fanno uso di pornografia sul loro telefonino o nella loro camera da letto”. Intervenendo davanti alla Corte Suprema, il Procuratore generale Mukul Rohatgi ha chiarito che la decisione di oscurare i siti pedopornografici “non è un’intrusione nella privacy”, ma che è assolutamente necessario bloccare la pornografia infantile online.

Condividi: