Rio 2016: vela in acque sporche, giallo su malattia atleta

(ANSA) – RIO DE JANEIRO, 17 AGO – Eyal Levine, atleta di Israele che ieri ha preso parte ai test event di vela in vista di Rio 2016, si è sentito male e ha dovuto ricorrere alle cure dei medici. Riprende così la polemica sull’inquinamento delle acque della ‘Cidade Maravilhosa’, in particolare quelle della Baia di Guanabara che ospiterà appunto la vela, e della Laguna Rodrigo de Freitas, sede del canottaggio. Oggi comunque un membro del comitato organizzatore ha detto che l’israeliano avrebbe avuto “solo un’insolazione”.

Condividi: