Papa: lavoro non sia ostaggio della logica profitto

(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 19 AGO – “Quando il lavoro si distacca dall’alleanza di Dio con l’uomo, quando è in ostaggio della logica del solo profitto” la conseguenza è “un avvilimento dell’anima che contamina tutto” e “le conseguenze colpiscono soprattutto i più poveri”. Lo ha detto Papa Francesco all’udienza generale. Il Papa ha anche sottolineato la “pericolosa tendenza” a considerare la famiglia “un ingombro per la produttività” e ha ribadito che senza occupazione “manca la dignità di portare il pane a casa”.

Condividi: