Il calo del prezzo del petrolio mette in ginocchio la Russia

Pubblicato il 20 agosto 2015 da redazione

FILE - In this Oct. 14, 2014 file photo, an oil pump works at sunset in the desert oil fields of Sakhir, Bahrain. Global oil consumption has never been higher _ and it is rising. Yet the price of a barrel of oil has fallen by more than half over the past six months because the world, experts say, is awash in oil. (ANSA/AP Photo/Hasan Jamali, File)

FILE – In this Oct. 14, 2014 file photo, an oil pump works at sunset in the desert oil fields of Sakhir, Bahrain. Global oil consumption has never been higher _ and it is rising. Yet the price of a barrel of oil has fallen by more than half over the past six months because the world, experts say, is awash in oil. (ANSA/AP Photo/Hasan Jamali, File)

MOSCA. – Il calo del prezzo del petrolio, insieme a quello delle materie prime, rischia di mettere in ginocchio la Russia e il Kazakhstan, i due giganti dell’ex Urss la cui economia dipende in gran parte dall’export di questi beni. Mosca è ormai entrata in recessione, con un pil crollato a -4,6% nel secondo trimestre e una divisa in caduta libera: euro e dollaro ieri hanno rispettivamente superato i 75 e i 67 rubli, avvicinandosi sempre di più alle soglie da panico di fine 2014. Le sanzioni occidentali per la crisi ucraina centrano poco o nulla, secondo gli esperti.

Anche Astana vacilla: ieri il tenge ha perso quasi il 30% del suo valore rispetto al biglietto verde dopo che il governo ha annunciato la libera fluttuazione del cambio, mantenuto dal 2014 a caro prezzo con iniezioni della banca centrale per un valore di 28 miliardi di dollari. Si tratta della peggiore svalutazione subita negli ultimi 17 anni dal Kazakhstan, che nel secondo semestre rischia una crescita economica zero. Il presidente Nursultan Nazarbaiev ha introdotto inoltre una moratoria sull’aumento degli stipendi e dei dipendenti pubblici sino al 2018. Del resto anche Astana deve fare i conti con il crollo del barile (che rappresenta un quarto del suo pil), nonchè con la recessione del vicino russo e la caduta della domanda in Cina, altro Paese che ha svalutato recentemente la sua moneta.

Il costo del petrolio, determinato anche dalla decisione dell’Opec di non tagliare la produzione e dall’imminente ingresso nel mercato del greggio iraniano, mette a nudo la fragilità di Russia e Kazakhstan. Colpita dalle sanzioni, Mosca ha cercato di sfruttare la situazione per diversificare l’economia incentivando la sostituzione dei prodotti di importazione ma finora senza risultati. E’ fallita anche la diversificazione dei Paesi di approvvigionamento per sostituire quelli occidentali. Colpa anche di una crisi che taglia redditi e soffoca la domanda: il salario medio reale, secondo l’agenzia statistica statale Rosstat, si è ridotto del 9,2% nell’ultimo anno, mentre i prezzi salgono, con una inflazione prevista dal governo a fine anno dell’11,9%.

Secondo Andrei Klepakh, capo economista della banca Veb ed ex vice ministro dello sviluppo economico, nel primo semestre il commercio al dettaglio è diminuito di oltre l’8%: ”è un grande shock, più grave di quello del 1998 (l’anno del default, ndr) e del 2009”, anno in cui non c’era stato un calo di redditi e stipendi. “La miglior opzione è stabilizzare la caduta”, titolava ieri l’autorevole quotidiano finanziario Vedomosti, riportando i commenti foschi di alcuni esperti, dopo che il pil è scivolato dal -2,2 del primo trimestre al -4,6% del secondo, con il timore che nel secondo semestre si avvicini al -5,3 del ’98 (il governo prevede ancora un -2,8 annuo).

Negativo anche il trend degli investimenti, con dati che riportano al 2009, secondo Vladimir Tikhomirov, della società di brokers Bks: -5,6 nel primo semestre (-8,5% in luglio). A confermare lo scenario negativo è stato pure il ministro russo dello sviluppo economico Alexiei Uliukaiev, dicendo di ritenere possibile una deflazione nel Paese, nonché un ulteriore calo del rublo.

”Se i prezzi del petrolio continuano a calare, cosa che mi sembra molto probabile, continuerà anche l’indebolimento del rublo”, ha ammesso. ”Il tempo gioca contro la Russia. L’economia è rimasta ferma nella sua struttura inefficiente, è diventata ostaggio del prezzo del petrolio, sembra che solo un vero shock di rottura del sistema possa portarla fuori da questa situazione”, ha commentato Serghiei Romanciuk, presidente della filiale russa dell’Aci (associazione internazionale dei mercati finanziari).

Un bel problema per Putin, che rischia di affrontare le elezioni legislative del prossimo anno con un Paese ancora in piena crisi mentre pensa già a ricandidarsi nel 2018 al Cremlino. Una corsa con l’incognita del prezzo del petrolio, e nella quale la sua recente immersione in batiscafo nelle riconquistate acque di Crimea potrebbe diventare la metafora di un Paese che affonda lentamente.

(Claudio Salvalaggio/Ansa)

  • Marino Izmailovich

    Europa USA end friends non se la sta cavando molto bene…. vedremo quando metteranno a nudo le borse …allora se ne scopriranno delle belle

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora