Continua l’ondata di migranti, salvati 4.400 in un solo giorno

Pubblicato il 23 agosto 2015 da redazione

Un momento delle operazioni di soccorso da parte della Nave Vega, inserita nel dispositivo Mare Sicuro, e nave Cigala Fulgosi in pattugliamento nel Mediterraneo nell'ambito della Vigilanza Pesca di 939 migranti a bordo di due barconi sovraffollati e senza le minime dotazioni di sicurezza, 22 agosto 2015. ANSA/ UFFICIO STAMPA MARINA MILITARE

Un momento delle operazioni di soccorso da parte della Nave Vega, inserita nel dispositivo Mare Sicuro, e nave Cigala Fulgosi in pattugliamento nel Mediterraneo nell’ambito della Vigilanza Pesca di 939 migranti a bordo di due barconi sovraffollati e senza le minime dotazioni di sicurezza, 22 agosto 2015.
ANSA/ UFFICIO STAMPA MARINA MILITARE

ROMA. – All’indomani della massiccia operazione di soccorso coordinata dalla Guardia costiera italiana nelle acque del Canale di Sicilia, che alla fine ha portato al salvataggio-record di 4.400 persone in difficoltà su 22 imbarcazioni, non si fermano gli arrivi dal nord Africa. Anche oggi tre gommoni hanno lanciato l’sos a una trentina di miglia dalle coste libiche e la Guardia costiera ha inviato due motovedette che hanno recuperato le 300 persone a bordo. Intanto tra i migranti portati in salvo in questi ultimi giorni si segnalano decine di casi di scabbia.

Un giorno e una notte di operazioni di soccorso hanno dunque portato al recupero di 4.400 persone che viaggiavano su gommoni e barconi in difficoltà al largo delle coste libiche. Quella di ieri è stata una giornata drammatica e difficile, ma per fortuna non si contano vittime. Alle 22 operazioni di salvataggio hanno preso parte nave Fiorillo, nave Diciotti, quattro motovedette e un aereo Manta Atr42 della Guardia costiera, unità della Marina militare e della Guardia di Finanza, la nave norvegese Siem Pilot e quella irlandese Le Niamh, entrambe inserite nel dispositivo Triton, e la nave Enterprise inserita nell’operazione Eunavfor Med.

Le testimonianze dei migranti riescono talvolta a dare un volto e un nome agli scafisti che li hanno fatti imbarcare e che spesso durante il viaggio si sono trasformati in aguzzini. Così, dopo gli arresti a Palermo, la polizia ha fermato a Messina tre egiziani e un palestinese, ritenuti tra gli scafisti delle 22 imbarcazioni soccorse ieri. I quattro sono arrivati, insieme a 291 migranti, al molo Marconi della città dello Stretto, condotti dal pattugliatore della Guardia di finanza “Monte Sperone” che li aveva raccolti nel Canale di Sicilia.

I 300 migranti recuperati oggi dalle motovedette partite da Lampedusa sono stati successivamente trasferiti a bordo della Dignity One, la nave di Medici senza Frontiere. Un’altra nave dell’organizzazione medico-umanitaria ha portato oggi pomeriggio altri 311 migranti di origine africana nel porto di Vibo marina, in Calabria, tra i quali ci sono un neonato, sette donne e venti minori non accompagnati. Nel corso dei controlli sanitari sono stati riscontrati una sessantina di casi di scabbia.

A eccezione dei ragazzi non accompagnati, gli immigrati saranno trasferiti in centri di accoglienza fuori dalla Calabria. Sospetti di scabbia anche tra i 506 migranti arrivati stasera nel porto di Augusta, sulla nave Cigala Fulgosi della Marina Militare. Si tratta sopratutto di eritrei: 293 uomini, 132 donne (una incinta) e 92 minori. Arriveranno invece domattina a Palermo, a bordo della nave Vega, altri 548 migranti che fanno parte dei 4.400 salvati ieri. Mentre dovrebbero sbarcare a Cagliari, domani, ben 935 persone a bordo della nave norvegese Siam Pilot che ha partecipato alle operazioni di salvataggio di ieri.

La Prefettura e la Questura hanno già predisposto tutto per l’accoglienza, ma da alcuni esponenti politici locali arriva un grido d’allarme: “la notizia dell’imminente arrivo a Cagliari di un migliaio di clandestini è gravissima. Il governo fermi il nuovo sbarco” insorge il consigliere regionale del Psd’Az Marcello Orrù, mentre Forza Italia ammonisce: la Sardegna è diventata la nuova Lampedusa”.

Polemiche anche a livello nazionale. Al governatore lombardo Roberto Maroni, che chiede campi profughi in Tunisia e in Libia per impedire le partenze, e al senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri che attacca il Governo “che assiste inerte a questa invasione”, replica la vicesegretaria nazionale del Pd e presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia, Debora Serracchiani: “Noi rinunciamo al consenso elettorale se serve a salvare vite umane”.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora