Usa 2016: Biden pronto alla sfida con Hillary Clinton

Pubblicato il 25 agosto 2015 da redazione

US President Barack Obama (R) speaks as US Vice President Joseph Biden (L) listens during a East Room Reception at the White House in Washington, DC, USA, 20 July 2015. EPA/Alex Wong / POOL

US President Barack Obama (R) speaks as US Vice President Joseph Biden (L) listens during a East Room Reception at the White House in Washington, DC, USA, 20 July 2015. EPA/Alex Wong / POOL

WASHINGTON. – C’è anche la benedizione di Obama, per sfidare Hillary Clinton alle primarie democratiche. E allora la strada per la candidatura di Joe Biden alle presidenziali del 2016 è definitivamente aperta. La luce verde del presidente è giunta nell’incontro privato tra i due alla Casa Bianca, secondo indiscrezioni raccolte dalla Cnn. Se – si affrettano tutti a precisare – non si tratta di un endorsement vero e proprio, certo era un passo obbligato, che facilita Biden ormai impegnato ad accelerare i preparativi della discesa in campo che deve arrivare entro il prossimo mese.

Non c’è tempo da perdere: dopo il ‘via libera’ di Obama, Biden avrebbe incontrato anche due dei principali consiglieri del presidente, Anita Dunn e Bob Bauer, al fianco di Obama per quasi un decennio. All’incontro – rivela sempre la Cnn – avrebbe partecipato anche il capo dello staff del vicepresidente Biden, Steve Ricchetti. Deve mettere a punto una squadra per preparare una campagna elettorale capace di sfidare la frontrunner Hillary Clinton. Questo è il punto: Hillary e’ in difficoltà, e da settimane ormai.

L”e-mailgate’, lo scandalo sull’ account di posta elettronica privato utilizzato durante il suo mandato da segretario di Stato sta mettendo a rischio il sogno della ex first lady. Pesa troppo perché il tallone di Achille per Hillary è la fiducia. E c’è già chi osserva che la candidata ha sbagliato a ‘lasciar correre’, a non voler dare risposte chiare come da più parti le si rimprovera. Anche per questo molti democratici possono a questo punto voler cambiare cavallo.

I sostenitori di Biden sono già in piena attività: e’ stata fatta circolare una lettera, a firma del gruppo a sostegno della candidatura ‘Draft Biden’, che invita figure chiave nell’ambito a considerare la possibilità di schierarsi con il vicepresidente. “Gli americani vogliono un presidente che dica le cose come stanno. Tutti conoscono lo stile diretto e l’approccio genuino di Joe Biden alla politica – si legge -. Si aggiunga poi a queste qualità un curriculum da peso massimo, decenni al Senato e sette anni e mezzo da vice alla Casa Bianca, e le motivazioni a favore di Joe Biden sono chiarissime”.

La stima che Biden riscuote a Washington è un fatto noto. Tanto che la prospettiva di una sua candidatura pone un vero a proprio dilemma anche tra lo staff della Casa Bianca. Diversi si erano già schierati con Hillary, mettendo a disposizione la propria forza politica, cambiare campo adesso pone un problema di lealtà. Lo stesso Obama non è in una posizione facile: se ha più volte dichiarato che scegliere Biden come suo vice è stata la sua decisione migliore, dall’altra anche di Hillary aveva detto che potrebbe essere un presidente eccezionale.

Biden adesso deve soppesare bene le sue forze per capire se può farcela: deve capire quanti soldi è in grado di raccogliere. Deve valutare l’impatto sulla famiglia, provata dal dolore per la recente scomparsa del figlio Beau. Deve decidere come presentarsi: l’erede naturale di Obama che promette il tutto e per tutto in un solo mandato? (Ha 72 anni, cinque più di Hillary). Potrebbe funzionare, senza aspettative di rielezione si sa, si osa di più. (Obama lo dimostra). Attenzione alla ‘macchina Hillary’ però. Se Biden deciderà davvero di correre sarà agguerritissima. E i primi scrutini primari, Iowa e New Hampshire a febbraio, fino al ‘SuperTuesday’ (con 12 primarie previste) il primo marzo, saranno decisivi.

Per Biden, se davvero scenderà in campo, sarà fondamentale resistere fino al 26 aprile, quando sono in calendario cinque primarie di cui tre a lui favorevoli: Pennsylvania e Delaware (dove gioca in casa), e Maryland. John Podesta, ex consigliere di Obama che presiede la campagna di Hillary Clinton, dice di non essere affatto nervoso all’idea che Biden possa scendere in campo, ma c’è da scommettere che al quartier generale di ‘Hillary for America’ a Brooklyn si stiano già affilando le armi. Molto dipenderà dalla performance di Hillary nelle prossime settimane, anche da come reagirà e commenterà le attuali turbolenze finanziarie, alla luce delle quali la campagna elettorale entrerà in una fase più decisiva.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora