Usa 2016: è guerra tra Fox News e Trump

trump

WASHINGTON. – Sembrava tregua e invece è guerra, tra Fox News a Donald Trump. Il presidente e Ceo di Fox News, Roger Ailes, questa volta ci va giù duro e chiede le scuse pubbliche del miliardario candidato per la nomination repubblicana dopo che questo e’ tornato a twittare attacchi contro la conduttrice del network Megyn Kelly, già bersaglio di Trump dopo aver moderato il primo dibattito TV tra i candidati.

Lei era stata dura e incalzante e lui l’aveva accusata di non essere stata imparziale, abbandonandosi pero’ anche a commenti offensivi e sessisti. Ailes era intervenuto di persona già in quell’occasione, aveva voluto un chiarimento diretto con Trump e la cosa sembrava finita lì. Eccolo invece di nuovo all’attacco del candidato che, sprezzante del pericolo, e’ ritornato su twitter per sottolineare quanto preferisse il programma condotto dalla giornalista di Fox, dal titolo ‘The Kelly Files’, nel periodo in cui la conduttrice era in ferie ed era stata quindi temporaneamente sostituita.

Da lì, un fiume in piena, a la Trump. Ma il boss di Fox non ci sta e scrive: “Gli attacchi non provocati di Donald Trump contro Megyn Kelly sono inaccettabili”. Difende a spada tratta la professionista che, dice, “rappresenta il meglio del giornalismo americano” ed esige le scuse di Trump. Poi, ancora su Twitter, messaggi su messaggi a sostegno della conduttrice, soprattutto da colleghi alla Fox.

Si sa però che Trump non teme di inimicarsi i media, convinto com’è (forte dei sondaggi ancora a suo favore) che la gente e’ con lui, proprio perche’ – ritiene – lui dice senza paura quello che tutti pensano. E allora, invece di porgere le scuse richieste o lasciare semplicemente che la bufera si plachi da sè, ribatte: “Non sono d’accordo dichiara – non credo che Medyn Kelly sia una giornalista di qualità”.