A Silverstone la prima di sette finali per Rossi

Yamaha rider Valentino Rossi from Italy adjusts his ear plugs during the third MotoGP third practice at the Masaryk circuit in Brno, Czech Republic, Saturday, Aug. 15, 2015. The Motorcycle Grand Prix of the Czech Republic is scheduled for Sunday Aug. 16, 2015. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)
Yamaha rider Valentino Rossi from Italy adjusts his ear plugs during the third MotoGP third practice at the Masaryk circuit in Brno, Czech Republic, Saturday, Aug. 15, 2015. The Motorcycle Grand Prix of the Czech Republic is scheduled for Sunday Aug. 16, 2015. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)
Yamaha rider Valentino Rossi from Italy adjusts his ear plugs during the third MotoGP third practice at the Masaryk circuit in Brno, Czech Republic, Saturday, Aug. 15, 2015. The Motorcycle Grand Prix of the Czech Republic is scheduled for Sunday Aug. 16, 2015. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)

ROMA. – Saranno sette gare di passione, una specie di sette ‘finali’, per Valentino Rossi, con il prossimo appuntamento, quello di Silverstone, di importanza cruciale per il campionato. “Sono sempre molto felice di andare in Inghilterra per il Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone – afferma Rossi – si tratta di una gara con tanta storia e l’atmosfera è sempre molto bello nel corso di questo fine settimana. Ci sono molti appassionati di corse e si può sentire la passione della folla ogni volta che si sposta nel paddock. Mi piace molto questo circuito, è molto veloce e tecnico. Ho fatto delle buone gare su questa pista e sono felice di tornarci, ma siamo a un punto molto importante della stagione e spero di poter fare una bella gara. Dobbiamo migliorare il set-up della moto per arrivare alla gara di domenica pronti”.

Rossi e Lorenzo sono entrambi in testa alla classifica a quota 211, mentre l’attuale campione del mondo Marc Marquez segue a 159. ”Ora che Jorge ed io siamo a pari punti – spiega Valentino – sarà molto importante essere costantemente veloce”. Rossi a Silverstone avrà anche il privilegio di essere accolto nel salotto buono della aristocrazia da corsa. “Sono molto onorato di essere stato invitato a diventare membro onorario del Club dei British Racing Drivers – ha detto Rossi – so che è molto difficile diventare un membro di questo club esclusivo, ci sono criteri molto selettivi. Non vi è nessun pilota della MotoGP nella BRDC, sarò il primo e per questo sono ancora più onorato. Non vedo l’ora di incontrare il Presidente, Derek Warwick, che conosco e che stimo per la sua carriera in Formula 1. Spero dunque in un buon risultato al Gran Premio di Silverstone per onorare il mio ingresso nel Club British Racing Drivers”.

Sulla pista di Silverstone, il più a suo agio tra i piloti Yamaha, è Jorge Lorenzo. Lo spagnolo oltre a dividere il box con Rossi e ad avere in comune gli stessi punti in classifica, ha più vittorie (5) rispetto a quelle di Valentino (3). “Mi piace l’Inghilterra – ha detto Lorenzo – ci torno sempre volentieri. Soprattutto la pista di Silverstone è una grande opportunità per noi; ha un bel layout in cui la nostra Yamaha YZR-M1 si comporta sempre in modo perfetto. E’ una pista molto divertente, ma anche molto impegnativa perché è lunga e ha un sacco di curve e cambi di direzione ad alta velocità, quindi è necessario essere in perfetta forma per essere in grado di lottare per il podio. Ho vinto diverse gare a Silverstone nel passato e mi sento a mio agio, quindi speriamo in questa stagione possiamo raggiungere un altro grande risultato sul suolo britannico, dopo la vittoria di Brno”.

Condividi: