Lazio, a Leverkusen è già finito il sogno Champions

Pubblicato il 26 agosto 2015 da redazione

Roms Stefan de Vrij (r) and Keita react after the UEFA Champions League play off second leg match between Bayer Leverkusen and Lazio Rome in Leverkusen, Germany, 26 August 2015.  EPA/ROLF VENNENBERND

Roms Stefan de Vrij (r) and Keita react after the UEFA Champions League play off second leg match between Bayer Leverkusen and Lazio Rome in Leverkusen, Germany, 26 August 2015. EPA/ROLF VENNENBERND


Leverkusen's players celebrate after Admir Mehmedi (unseen) scored the 2-0 during the UEFA Champions League play off second leg match between Bayer Leverkusen and Lazio Rome in Leverkusen, Germany, 26 August 2015.  EPA/Federico Gambarini

Leverkusen’s players celebrate after Admir Mehmedi (unseen) scored the 2-0 during the UEFA Champions League play off second leg match between Bayer Leverkusen and Lazio Rome in Leverkusen, Germany, 26 August 2015. EPA/Federico Gambarini

ROMA. – Penalizzata dagli errori difensivi di De Vrij e Mauricio e dall’inconsistenza di un attacco dove Keita non ha inciso facendo rimpiangere gli assenti Klose e Djordjevic, la Lazio è già fuori dalla Champions League. A Leverkusen perde 3-0 con un Bayer che gioca con molta più intensità dei biancocelesti e quindi con un ritmo che a questo punto della stagione la formazione di Pioli non può avere. Il Bayer, i cui giocatori arrivavano sempre per primi sul pallone, ha vinto per il motivo molto semplice che si è dimostrato migliore della Lazio, ennesimo team italiano a non superare lo scoglio estivo del playoff della massima competizione europea.

Così il sogno della Roma biancoceleste si spegne nello stadio del Bayer, finendo nella voragine degli errori dei suoi difensori centrali (ma perchè il titolare Gentiletti è stato tenuto in panchina?) al termine di un match nel quale il presunto fuoriclasse Felipe Anderson non è mai riuscito a prendere per mano la squadra e trascinarla dove avrebbe voluto essere. Trovare adesso di chi sia la colpa sarebbe forse ingeneroso, e si deve anche dire che una delle due ammonizioni a causa delle quali, al 23′ st, Mauricio è stato espulso forse non c’era, ma non bisogna sminuire i meriti di un avversario superiore, come nel dopopartita ha ammesso lo stesso Pioli.

Certo si è avvertita l’assenza di Biglia, come infatti si temeva, e nessuno è stato capace di fermare il 21enne Calhanoglu, calciatore dall’impressionante capacità di tiro, ma va detto che la società avrebbe potuto fare qualcosa di più in sede di mercato, per cercare di approdare a quel passaggio alla fase a gironi che avrebbe significato un bel pacco di milioni per le casse del club. Comunque ci ha messo del suo anche il tecnico, schierando la difesa a tre e gente come Radu, e tenendo fuori Cataldi a beneficio di un confusionario Onazi.

Nel buio dell’Arena del Bayer i lampi ci sono stati solo da parte dei padroni di casa, e se non ci fosse stato Berisha ad opporsi alle conclusioni di Bender e Calhanoglu il risultato avrebbe potuto avere proporzioni più vistose. Nel primo tempo la Lazio tiene botta per un quarto d’ora, poi il Bayer comincia a spingere e farsi pericoloso. Così al 40′, quando il gol era maturo, il Bayer passa dopo un errore di De Vrij che genera una carambola con pallone che batte su Mauricio per poi finire a Calhanoglu che ‘fulmina’ Berisha da posizione ravvicinata.

A inizio ripresa l’inizio del Bayer è travolgente e la Lazio appare groggy. Al 3′ st Mauricio sbaglia l’anticipo mettendo Bellarabi in condizione di segnare con un tiro a mezza altezza. Poi a far sobbalzare i tifosi provvede Bender prima che Pioli faccia uscire il difensore Radu per inserire l’esterno offensivo Kishna. Mossa inutile perchè la Lazio continua a non convincere e il tourbillon tedesco continua a far girare la testa ai biancocelesti. Così all’88’ arriva anche la rete del 3-0, su fulminea azione di contropiede innestata dalla sponda aerea di Kiessling, con palla all’ottimo Brandt, che va in velocità e appoggia a Bellarabi che segna la più facile delle reti.

E ora la Lazio è già fuori dalla Champions, dovrà accontentarsi dell’Europa League e intanto, dopo la finale di Supercoppa a Shangai, perde la seconda sfida decisiva della sua stagione. E il gioco propositivo della scorsa stagione per ora appare uno sbiadito ricordo.

Ultima ora

17:28Calcio: Pjanic, Roma? Proveremo a batterla

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Conosco bene la Roma, sa quello che vuole e sta facendo un ottimo campionato, sono una squadra importante di cui si parla poco". Tocca all'ex di turno Miralem Pjanic, protagonista nella bella vittoria di Bologna con un gol su punizione, parlare dei giallorossi, avversario della Juventus nel big match di sabato sera all'Allianz Stadium. La squadra di Di Francesco "ha tanta qualità - spiega il centrocampista bosniaco nell'intervista rilasciata a Jtv e anticipata sul sito ufficiale della società -. Giocheremo in casa nostra, il pubblico sarà importantissimo e proveremo a vincere". Prima, però, c'è un turno di Coppa Italia da superare, con i bianconeri impegnati mercoledì contro il Genoa. "Vogliamo farla nostra, il mister ce l'ha ripetuto anche oggi, puntiamo a vincere tutto - dice Pjanic -. Non sarà una partita semplice, ma da vincere assolutamente".

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

Archivio Ultima ora