Addio alla Dust Lady, donna simbolo dell’11 settembre

Pubblicato il 26 agosto 2015 da redazione

Marcy Borders, 38 anni di Bayonne, New Jersey, coperta di polvere mentre cerca riparo in un ufficio dopo il primo crollo alle torri del World Trade Center l'11 settembre 2001.  ANSA / STAN HONDA

Marcy Borders, 38 anni di Bayonne, New Jersey, coperta di polvere mentre cerca riparo in un ufficio dopo il primo crollo alle torri del World Trade Center l’11 settembre 2001. ANSA / STAN HONDA

NEW YORK. – La sua immagine è nota in tutto il mondo, un’icona, divenuta uno dei simboli più forti della tragedia dell’11 settembre 2001: una ragazza spaurita, completamente ricoperta di cenere e lo sguardo perso nel vuoto che vaga come un fantasma all’uscita di una delle Twin Towers. Per questo Marcy Borders, che allora aveva 28 anni, è passata alla storia come “The Dust Lady”. Ed è stata molto probabilmente quella polvere mista a veleni, penetrata a fondo nei suoi polmoni, ad ucciderla 14 anni dopo, a stroncare la sua vita a soli 42 anni, causandole un cancro allo stomaco. Difficile pensare a un caso. Anche perchè le persone uccise dal tumore e che quel tragico giorno si trovavano nell’area di Ground Zero – a partire dai superstiti e dagli uomini dei soccorsi – sono oltre mille. Ma, pur non essendoci numeri certi, si arriva a oltre 4.000 casi di cancro potenzialmente collegati con la nuvola di cenere che l’11 settembre 2001 avvolse non solo l’area di Lower Manhattan ma gran parte del cuore di New York.

Marcy, afroamericana, si è spenta in un ospedale di Bayonne, in New Jersey. Pur avendo avuto la fortuna di sopravvivere nell’immediato alla tragedia, aveva comunque già pagato un tributo carissimo. La sua vita da quel giorno era stata stravolta, minata dalla depressione e dalla dipendenza dall’alcol. Non aveva mai più lavorato. E dire che era stata assunta appena un mese prima quell’11 settembre.

Era felice. Lavorava nell’ufficio di Bank of America situato all’81/o piano della Torre nord delle Twin Towers, la prima ad essere colpita dall’aereo dei dirottatori di al Qaeda. A salvarla era stata la sua caparbietà: disobbedendo agli ordini dei superiori che invitavano tutti alla calma e decidendo invece di fuggire a rotta di collo per le scale. E fu proprio quando giunse al piano terra, col fiato in gola, che il fotografo dell’Afp Stan Honda l’ha immortalata nel celebre scatto. Scatto poi pubblicato su Time insieme alle altre foto simbolo del disastro.

Poco tempo fa, parlando della sua malattia manifestatasi proprio quando la vita cominciava a sorriderle di nuovo, aveva detto in un’intervista di non avere dubbi sulla causa del suo cancro, nonostante qualcuno continuasse a sostenere la mancanza di prove di un collegamento con la tragedia dell’11 settembre. “La mia mamma ha combattuto una battaglia straordinaria”, ha raccontato al New York Post la figlia Noelle. “Non solo è la ‘Dust Lady’, ma è la mia eroina e vivrà per sempre attraverso me”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora