La “bolla cinese” irrompe nella campagna elettorale

Pubblicato il 26 agosto 2015 da redazione

usa-cina

NEW YORK – Era dal 1996 che non si assisteva a una tale debacle. Panico, allarme. Dalla paura alla prudenza. Dopo il lunedì nero con crolli anche di oltre l’8 per cento, che ha mandato in ‘tilt’ tutte le Borse provocando perdite multimilionarie ovunque nei quattro continenti, il rimbalzo. Era atteso e, proprio per questo, pare non convincere. Anzi, invita a una cauta attesa. La decisione della People’s Bank of China, Banca centrale cinese, di dare una sforbiciata ai tassi – la quinta volta da novembre – e di ridurre la liquidità di riserva che le banche sono obbligate a tenere, è stata accolta dai mercati con moderato ottimismo.

Quanto sta accadendo oggi in Cina, e le sue ripercussioni pesanti in ambito internazionale, non sono un incidente di cammino. Il colosso asiatico ha la febbre. Si è beccata l’influenza. Per il momento, la situazione non pare fuori controllo. Ma il pericolo di contagio è lì. Latente. E l’influenza potrebbe trasformarsi in pandemia. L’economia europea, americana e dei paesi emergenti è ancora debole, dopo la crisi degli scorsi anni.

La grande locomotiva mondiale si è inceppata. Stenta a crescere. E quel 7 per cento del Prodotto Interno Lordo che dovrebbe registrare con un po’ di fortuna alla fine dell’anno, secondo il parere di non pochi istituti di analisi e di ricerca economica, potrebbe trasformarsi in un 4 o 5 per cento. Livelli assai lontani da quelli tradizionali a doppia cifra degli anni scorsi. Sicuramente distanti dalle proiezioni ufficiali di qualche mese fa.

Il dragone naviga in acque agitate mentre cerca di definire un nuovo modello di sviluppo economico; un modello assai diverso da quello attuale. La Cina non vuole più dipendere solamente dalle esportazioni e scommette sul consumo interno. Le imponenti opere d’infrastruttura, la costruzione di complessi urbanistici tuttora disabitati, la crescita dei centri urbani a danno delle campagne sono, in un certo senso, prodotto della trasformazione dell’economia cinese ancora fortemente dirigistica e dipendente dal settore statale. L’incremento dei posti di lavoro, che recentemente secondo il Financial Times ha registrato una contrazione nonostante gli stimoli del governo, sono il riflesso della transizione da un modello di sviluppo in cui l’asse portante erano le esportazioni a un altro in cui il perno principale è l’incremento del consumo interno.

L’economia mondiale, fatta eccezione per gli Stati Uniti, è in grosso affanno. La crisi che sconvolge l’economia cinese pesa come un macigno sull’Europa, che ha superato la recessione ma che stenta a uscire da una pesante tappa di stagnazione, e sui Paesi emergenti che trovano ossigeno nell’esportazione delle materie prime.

L’Europa ha lasciato alle spalle la crisi. Ma il motore stenta a riprendere velocità. Non gira come dovrebbe. Il pericolo del Grexit, nonostante resti l’incognita delle elezioni anticipate e si tema sempre lo spettro di un trionfo dei movimenti ‘euroscettici’, pare ormai scampato. Ma manca la spinta per decollare; lo stimolo che solo può dare un programma credibile che abbandoni gli schemi cari ai ‘falchi’ del rigore e l’‘austerity’ per abbracciare quelli più morbidi della flessibilità.
Anche i “Bric’s”, i mercati emergenti, sono in affanno. E a causa della “guerra delle valute”, forse più di altri. In effetti, il fronte aperto dalla Cina con la svalutazione dello yuan di quasi il 5 per cento in appena 3 giorni, ha provocato la rivalutazione del dollaro. Fin quando la moneta nordamericana mostrava segni di debolezza e i tassi d’interesse erano tutt’altro che attrattivi, gli investitori si rivolgevano ai mercati emergenti alla ricerca di nuovi rendimenti.

In un futuro assai prossimo, in cambio, si assisterà a un’inversione di rotta. Ma non è tutto. L’esplosione della peggiore delle “bolle” attese dai mercati avrà riflessi pesanti sull’esportazione delle materie prime: metalli, petrolio e prodotti agricoli. E il maggiore volume d’esportazione dei paesi emergenti è rappresentato proprio da queste. I Bric’s e soprattutto i paesi dell’America Latina sono arrivati tardi all’appuntamento con la modernizzazione delle proprie economie. Non sono riusciti a cogliere l’occasione offerta da un mercato avido di materie prime, per trasformare definitivamente il proprio apparato produttivo. Insomma, l’industria non è riuscita nella maggior parte dei casi a fare il grande salto di qualità per creare valore aggiunto. E ora, con i volumi delle materie prime destinati a subire una sforbiciata importante, non pare più possibile. O, almeno, sarà sicuramente assai più difficile.

Il mercato del dragone era il destino d’importanti quantità di materie prime che, con la battuta d’arresto della sua crescita, si ridurranno significativamente. I Bric’s, inoltre, temono che la crisi possa provocare un appesantimento dei propri debiti sovrani. Tutti, dai Paesi emergenti, come Brasile, Russia o Sudafrica, ai colossi energetici, come Arabia Saudita, Emirati Arabi, Kuwait o Venezuela, hanno la stragrande maggioranza dei propri debiti in dollari. Per questo, anche se per il momento, con le monete svalutate e con i rendimenti nominali elevati, il debito non rappresenta una grossa preoccupazione per i mercati emergenti, si temono gli eventuali sviluppi della crisi. Soprattutto, quello che potrà accadere quando la Fed inizierà ad aumentare i tassi d’interesse.

Per gli Stati Uniti la crisi cinese apre nuovi scenari. E allontana la possibilità di un incremento dei tassi d’interesse, oggi ai minimi storici. E’ difficile per la “Federal Reserve” sbrogliare la matassa. Un errore di valutazione, con il Paese avviato verso la ripresa, può inviare a produttori e a consumatori messaggi errati, ambigui e provocare una battuta d’arresto che sarebbe catastrofica. Preoccupa in particolar modo l’inflazione ancora troppo lontana dalla meta della ‘Federal’.
Per un gran numero di esperti e dotti in materia, un aumento dei tassi d’interesse sarebbe oggi un errore. Tutto rimandato a dicembre? Anzi, a marzo del 2016? C’è chi non concorda. E si augura un incremento dei tassi d’interesse per evitare ulteriori difficoltà al sistema finanziario. Sostiene che “tassi zero” creano tensioni e possono esacerbare le disfunzionalità del sistema finanziario.

La Cina, e la sua crisi, sono ritenute un pericolo per gli stati Uniti. E una minaccia anche per l’economia mondiale. I segnali erano già visibili. Quanto avvenuto in questi giorni non ha fatto altro che renderli evidenti. Nel 2014, il suo debito era stimato in 28mila miliardi. Insomma, una cifra che si è quadruplicata in pochissimi anni, se paragonata ai 7mila miliardi del 2007. Nonostante ciò, economisti e analisti considerano quel debito ancora gestibile.

A questo punto, era inevitabile che la crisi cinese si trasformasse in tema di campagna elettorale. Un piatto troppo succulento perché fosse ignorato. La destra repubblicana ha archiviato per il momento l’argomento emigrazione per tuffarsi in quello della “bolla asiatica”. La retorica “anti-cinese” quindi diventa furibonda e crea disagio al presidente Obama al quale si esige di mostrare i muscoli.

Scott Walker ha chiesto pubblicamente al presidente Obama di annullare la visita di Stato del presidente cinese, Xi Jimping. Il governatore del Wisconsin ha accusato senza mezzi termini la Cina di manipolare i mercati. E ha chiesto alla Casa Bianca di bollare senza più indugi la Cina come responsabile delle turbolenze che “minano anche gli interessi americani”.
Donald Trump, prima di Walker, in un twitt non era stato meno duro con l’amministrazione Obama, accusandola di aver ceduto ai cinesi l’iniziativa e di essere stato debole e permissivo con il paese asiatico.

Anche l’italo americano Chris Christie si è scagliato con veemenza contro il presidente Obama.
– Tutto ciò – ha detto il governatore del New Jersey – è parte della politica fallimentare dell’attuale amministrazione, di questo presidente. Il capo dello Stato – ha aggiunto – ha creato più debito; un volume maggiore di quello di qualunque altro presidente nella storia americana. Ora questo debito è in mano della Cina.

Carly Fiorina, altra candidata repubblicana, sostiene che questo è il momento di esercitare pressioni sulla Cina i cui governanti avrebbero, a suo avviso, sancito un tacito accordo con i governati: “Vi tiriamo fuori dalla povertà; in cambio, voi accettate censura, repressione, pessimi standard di sicurezza e inquinamento”.

La Casa Bianca è ovviamente preoccupata. La crisi e il panico creato nei mercati internazionali mettono in secondo piano altri problemi non meno importanti. Ad esempio, gli isolotti artificiali nel Mar della Cina e la cyber sicurezza. Il presidente Obama vede inoltre allontanarsi un altro dei suoi piani ambiziosi per entrare di prepotenza nella storia: dopo l’accordo nucleare con l’Iran e il “deshielo” con Cuba, l’inizio di una nuova stagione nelle relazioni tra Stati Uniti e Cina

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

22:36Calcio: Spalletti, Inter non è quella che ha perso sabato

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - "Stiamo vicini ai nostri calciatori perché non sono quelli che hanno perso 3-1, ma che hanno fatto 40 punti in 17 partite e bisogna rendergli onore": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, a Inter Tv, durante la cena di Natale del club nerazzurro. "I tifosi sono una seconda squadra - continua - ne fanno parte, sono dietro le quinte e ci accompagnano. Ci hanno applaudito anche dopo la sconfitta e ci aiutano a diventare più forti. Io ho solo due vizi, calcio e famiglia, chiamiamoli amori più che vizi. L'hashtag di stasera? Speriamo sia Natale senza tregua di serenità, abbracci e divertimento. Cerchiamo di stare più vicini possibile a questi colori, so da dove siamo partiti e cosa ci siamo portati dietro, arrivano anche le difficoltà, dobbiamo attraversarle per completare il nostro percorso verso gli obiettivi".

22:32Calcio: arbitro Rocchi, bilancio primi mesi Var è positivo

(ANSA) - PAESTUM (SALERNO), 18 DIC - "Il bilancio dei primi mesi con la Var è assolutamente positivo, si sapeva che le polemiche sarebbero arrivate. E' un momento decisivo per il campionato, dunque c'era da aspettarsele. Chiaramente siamo in una fase di rodaggio e il rodaggio prevede sempre qualche piccola difficoltà, che ci servirà per fare esperienza". Così Gianluca Rocchi traccia un bilancio dopo i primi mesi di Var in Italia, parlando a margine della 7/a edizione degli Italian sport awards, in corso a Paestum (Salerno). "Purtroppo le nostre esperienze nascono e passano da alcuni errori - prosegue l'arbitro fiorentino -. Bisogna che si accetti l'errore e chiaramente fare in modo che non si ripeta. L'arbitro rimane l'arbitro ed è quello che prende l'ultima decisione. La Var, secondo me, non deve essere invasiva, ma un supporto fondamentale laddove l'arbitro non arriva, o non vede una cosa o la vede palesemente sbagliata".

21:55Bellomo:ex corsista a pm Bari,altre 4 ragazze vittime

(ANSA) - BARI, 18 DIC - "Sono stata contattata da quattro ragazze che hanno avuto un'esperienza simile in altri anni e in altre città. Mi hanno ringraziata dicendomi che adesso hanno anche loro il coraggio perché sanno di non essere sole". Lo ha detto Rosa Calvi, avvocatessa 28enne di Cerignola (Foggia), al termine dell'audizione in Procura di Bari come persona informata sui fatti nell'ambito dell'indagine per estorsione a carico del consigliere di Stato Francesco Bellomo. Un mese dopo l'inizio delle lezioni, ha raccontato, sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. "Io vengo prima di tuo fratello" le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo "che ero una stupida a dire di no".

21:39Calcio: caso Ljajic, respinto il ricorso della Roma

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato l'8 novembre 2017 dalla Roma nei confronti della Fiorentina, della Figc e della Lega Serie A, contro la decisione della Corte Federale d'Appello sul caso dell'attaccante Adem Ljajic, ora al Torino, relativo al contratto di cessione dell'attaccante dalla Fiorentina al club giallorosso ed in particolare al pagamento del premio di rendimento. La Roma dovrà quindi pagare un milione di euro (più 5.000 a titolo di spese) in favore della Fiorentina per la corresponsione del "premio di rendimento" allegato al contratto stipulato tra le due società il 28 agosto 2013, nell'ambito dell'accordo di cessione delle prestazioni professionali sportive del calciatore Ljajic.

21:38Sci: Cdm, Olsson vince parallelo gigante di Alta Badia

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 18 DIC - Lo svedese Matt Olsson ha vinto lo slalom gigante parallelo di Coppa del mondo di Alta Badia. Secondo il norvegese Erik Kristoffersen e terzo l'austriaco Marcel Hirscher. Kristoffersen e' passato in testa alla classifica generale di coppa del mondo. Male, ancora una volta in questa disciplina, l'Italia con cinque atleti al via su 32 partecipanti. Manfred Moelgg, Florian Eisath e Riccardo Tonetti sono stati eliminati gia' ai sedicesimi. Roberto Nani e Luca De Aliprandini sono invece stati battuti subito dopo agli ottavi., La prossima gara sara' venerdi' sera: slalom speciale a Madonna di Campiglio.

21:26Calcio: voci dimissioni Gattuso, Milan smentisce

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Nella giornata convulsa in cui è stata annullata la cena fra squadra e dirigenza ed è stato deciso il ritiro a oltranza, si sono diffuse voci, rilanciate dai social e smentite dal club, secondo cui Rino Gattuso, contrariato per l'atteggiamento rilassato dei giocatori dopo la sconfitta di ieri Verona, oggi avrebbe presentato le sue dimissioni, respinte dalla società. Il Milan ha definito questa versione "assolutamente falsa" e via social ha chiarito che Gattuso era a Casa Milan per programmare il lavoro da svolgere in ritiro, che è stato deciso in maniera "condivisa" con la società.

21:16Natale: da Chef stellato pranzo gourmet per detenuti Verona

(ANSA) - VERONA, 18 DIC - Pranzo gourmet firmato dallo chef 'bistellato' Giancarlo Perbellini oggi per i detenuti del carcere di Montorio a Verona. Il cuoco veronese stamane è entrato nella Casa Circondariale per un'iniziativa speciale. Perbellini, a capo di ristorante insignito di due stelle dalla Guida 'rossa', ha cucinato insieme alla sua brigata un pranzo per oltre un centinaio tra detenuti e detenute, familiari e volontari del carcere di Montorio, aderendo al progetto nazionale di solidarietà "L'alt(r)A cucina...per un pranzo d'amore". L'iniziativa porta nelle carceri italiane pranzi stellati preparati da grandi chef e serviti da testimonial del mondo dello spettacolo, offrendo ai detenuti una giornata particolare e diversa. "Abbiamo portato un sorriso al palato dei detenuti - ha dichiarato Perbellini - E' stata un'esperienza irripetibile. La brigata è stata fiera di far gustare la nostra cucina a persone molto meno fortunate di noi".

Archivio Ultima ora