Santos e Maduro richiamano gli ambasciatori per consultazioni

Pubblicato il 28 agosto 2015 da redazione

Frontera colombo-venezolana

Frontera colombo-venezolana

CARACAS. – Non si allenta la tensione fra Colombia e Venezuela dopo la chiusura della frontiera fra i due paesi, decisa da Nicolás Maduro, e la deportazione di oltre un migliaio di colombiani dal Venezuela. Il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha richiamato il suo ambasciatore a Caracas, e Maduro ha ripetuto la stessa mossa poche ore dopo, lasciando poco spazio per iniziative diplomatiche. Il ministro degli Esteri colombiano, Maria Angela Holguín, ha precisato che il suo governo non intende rompere i rapporti diplomatici con Caracas, ma ha sottolineato che “richiamare l’ambasciatore per consultazioni è la nostra prima risposta all’atteggiamento che ha mantenuto il governo del Venezuela”.

Giorni fa, in un incontro con la sua omologa venezuelana Delcy Rodríguez, Holguín era riuscita ad ottenere che si autorizzasse una visita dell’ombudsman colombiano, Armando Otalvaro, nelle località venezuelane vicine alla frontiera da dove sono state espulse centinaia di immigrati. Secondo informazioni diffuse dalla stampa di Bogotà, i cittadini colombiani sono perseguitati dalle forze dell’ordine, che li stanno deportando senza nemmeno dare loro il tempo di portarsi via le masserizie, e le loro case sono successivamente segnate e distrutte dalla Guardia Nazionale.

Il governo di Caracas nega queste versioni, sostenendo che si è trattato di meno di 10 abitazioni distrutte, tutte appartenenti a persone legate al contrabbando, e che l’episodio è stato ingigantito dalla stampa estera per minare la credibilità del governo di Maduro. L’ombudsman colombiano doveva monitorare di persona la situazione, ma arrivato alla frontiera il personale venezuelano non lo ha lasciato entrare nel territorio nazionale.

Preoccupato da una crisi che sta cominciando ad avere riflessi anche sulla politica interna -il suo predecessore ed oppositore, Alvaro Uribe, lo accusa ogni giorno di essere troppo accondiscendente con Maduro-Santos ha convocato una riunione straordinaria di gabinetto, ed ha deciso di portare la situazione a conoscenza delle organizzazioni regionali. Il presidente colombiano ha infatti richiesto un vertice urgente dei ministri degli Esteri della Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur) nonché una riunione dell’Organizzazione degli Stati Americani (Osa) per esaminare la situazione dei suoi connazionali deportati dal Venezuela.

“Una commissione dell’Unasur deve andare a vedere quello che sta succedendo, ma noi vogliamo che lo faccia subito, e non che si aspettino altri 10 giorni, mentre continua a crescere l’ondata di colombiani che scappano impauriti”, ha detto Holguín. La responsabile della politica estera di Bogotà ha puntualizzato che il suo governo “non si è mai opposto alla deportazione di persone che si trovano in situazione irregolare, ma il modo in cui vengono trattati è qualcosa che la Colombia non può tollerare né ammettere”.

Ultima ora

13:01Giochi: in Lombardia spesa top per slot. 10 mld 5 nel Lazio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Sono 49 i miliardi spesi di slot machines e video lottery nel 2016, oltre la metà del totale del gioco d'azzardo. È un caso il piccolo comune di Caresanablot, poco più di mille abitanti attaccato a Vercelli, dove la giocata pro capite in slot machine è la più alta d'Italia, 24.228 euro. Un dato drogato dalla presenza di una enorme sala giochi che richiama migliaia di 'pendolari' del gioco. Ma è Prato la provincia italiana con la spesa più alta nelle 'macchinette', 2.377 euro a persona. E la Lombardia, con oltre 10 miliardi di raccolta, è la regione dove si spende di più, seguita dal Lazio con oltre 5. Sono alcuni dei dati raccolti ed elaborati dal Gruppo Gedi, editore dei giornali locali del gruppo Finegil, e dalla società di datajournalism Dataninja, nel data base 'L'Italia delle slot' che raccoglie le cifre del 2015 e del 2016 su Slot e video lottery in regioni, province e comuni.

12:56Incidenti stradali: investe e uccide 65nne poi fugge, preso

(ANSA) - BRESCIA, 15 DIC - È stato identificato e denunciato per omicidio stradale un automobilista bosniaco che la notte scorsa ha travolto e ucciso poco prima di mezzanotte a Esine un uomo di 65anni di Artogne, nel Bresciano, Giovanni Battista Fontana, per poi allontanarsi senza prestare soccorso. La vittima, che era a piedi, era stata trovata a terra agonizzante nei pressi dell'ospedale di Esine. Nessun testimone ha assistito all'incidente. L'automobilista è stato individuato e bloccato grazie ai filmati di alcune telecamere fisse. Deve rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente.(ANSA).

12:56Tennis: Itf Dubai, Errani sconfitta in semifinale

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Si ferma in semifinale la corsa di Sara Errani nel torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: la 30enne romagnola, numero 143 del ranking mondiale, è stata sconfitta per 6-1 6-4 dalla svizzera Belinda Bencic, numero 98 Wta e quinta testa di serie. L'altra finalista è la croata Ajla Tomljanovic, numero 130 del ranking mondiale e settima testa di serie, che ha superato per 6-2 6-3 un'altra svizzera, Stefanie Voegele.

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

Archivio Ultima ora