Ambasciatore Silvio Mignano, omaggio floreale al “El Libertador”

IMG_0572

CARACAS – Rispettata la tradizione. Come è consuetudine, dopo aver consegnato le lettere crendenziali, anche l’ambasciatore d’Italia in Venezuela, Silvio Mignano, ha reso omaggio al “Libertador” Simón Bolívar, considerato il Padre della Patria in Venezuela. Nel corso di una semplice ma emotiva cerimonia, l’Ambasciatore Mignano ha deposto un omaggio floreale ai piedi della statua equestre dell’eroe nazionale, nella centrica Piazza Bolívar.

IMG_0584

Alla cerimonia erano presenti il Console Generale d’Italia, Mauro Lorenzini; la Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, Erica Berra; funzionari della nostra Ambasciata e del nostro Consolato, l’ex presidente e attuale membro del Comites, Michele Buscemi; l’ex presidente del Centro Italiano Venezolano, Pietro Caschetta; l’ing. Antonio Romani, Direttore Generale di Editorial Multistampa e il nostro Direttore, Mauro Bafile.

Come si ricorderà, il nostro Ambasciatore ha recentemente consegnato le Lettere Credenziali al presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Alla cerimonia, svoltasi nel Palazzo di Miraflores, erano presenti il Vice Presidente, Jorge Arreaza; la Ministra degli Affari Esteri, Delcy Rodríguez e il Vice Ministro degli Esteri con delega per l’Europa, Calixto Ortega. L’Ambasciatore Mignano era accompagnato dal suo vicario, Consigliere Fabio Messineo, dal capo dell’Ufficio amministrativo dell’Ambasciata, Dottor Aldo Volini, e dal Dottor Fabio Turrisi.

IMG_0581

Durante la cerimonia di consegna delle Lettere Credenziali, il capo dello Stato coglieva l’occasione per ricordare lo straordinario apporto della comunità italiana allo sviluppo economico e sociale del Venezuela, lodandone la laboriosità, l’onestà e l’atteggiamento sempre privo di qualsiasi traccia di colonialismo. Da parte sua, il nostro ambasciatore assicurava il suo impegno di intensificare ancor più le relazioni tra i due paesi. L’Ambasciatore sottolineava poi che la nostra Comunità è una ricchezza e che nei prossimi anni la sua missione diplomatica sarà improntata a cercare, con il governo, ogni forma di intesa e di mutua collaborazione nell’interesse del Venezuela e dell’Italia.