Giappone in piazza contro la “svolta militarista” di Abe

Pubblicato il 30 agosto 2015 da redazione

tokyo

ROMA. – Per molti giapponesi si sta rompendo un tabù sacrosanto: una grande manifestazione di oltre 100.000 persone arrivate a Tokyo da ogni angolo dell’arcipelago ha chiesto che il governo conservatore di Shinzo Abe fermi la legge che, per la prima volta dalla dolorosa fine della Seconda Guerra Mondiale, ritaglierà per le forze armate del Sol Levante un ruolo internazionale. Violando così il dettato della Costituzione pacifista, che vieta la guerra in qualsiasi forma se non per autodifesa.

La legge sulla sicurezza, che è in discussione alla Camera Alta del Parlamento, contiene delle clausole, che consentiranno alla Forze di Autodifesa (Sdf, questo il significativo nome che si sono date le forze armate) di operare all’estero, pur limitando l’uso della forza al “minimo necessario” e restringendo la casistica all’attacco diretto al Giappone; all’attacco a un Paese alleato, quando ciò costituisca una minaccia per il Giappone, e a quando “non vi sia altro mezzo per respingere un attacco che ponga una minaccia”.

Sembra poco, considerando che dal 2014 contingenti giapponesi partecipano a esercitazioni congiunte con gli Stati Uniti, Australia e India e che la marina e l’aeronautica nipponiche partecipano a operazioni anti-pirateria al largo del Corno d’Africa. E considerando che Tokyo, con una popolazione di circa 200 milioni, ha una forza militare professionale di 150.000 uomini – il doppio o triplo di un Paese europeo -, una sostanziosa e moderna marina che comprende anche una portaerei/portaelicotteri, e un moderno sistema antimissile che ha dovuto sviluppare per contrastare la minaccia balistica nucleare della Corea del Nord.

Gli osservatori notano come lo scenario dopo 70 anni sia cambiata radicalmente: finita la Guerra Fredda, Tokyo si trova ora ad affrontare, come molti altri paesi dell’Estremo Oriente, la rivalità territoriale, la crescente potenza militare e l’aggressività della Cina, con la quale ci sono dispute aperte, come sulle isole Senkaku, rivendicate da entrambi i Paesi. Ma per gran parte di un Paese profondamente pacifista, che ha sofferto sulla propria pelle le conseguenze del suo passato militarista e imperialista, con i milioni di morti, l’umiliante sconfitta, la distruzione e la ferita dolorosissima delle due bombe nucleari, questa ha l’aria di una “svolta militarista”: un cambio di mentalità e un potenziale, pericoloso coinvolgimento in conflitti dal quale il Paese resterebbe volentieri fuori. Una strada accidentata di cui si perde la visuale.

Ieri, in una giornata nuvolosa e umida, circa 120.000 persone (30.000 secondo la polizia), richiamate da varie organizzazioni pacifiste, si sono date convegno da tutto il Giappone nella piazza davanti alla Dieta, il parlamento di Tokyo. il momento culminante di una settimana di proteste in tutto il Paese.

“Sono venuta per fermare la legge”, dichiara la 52enne Hiroe Aoki, disegnatrice di libri per bambini. “Vorrei contribuire a preservare una società dove i bambini possano serenamente inseguire i loro sogni”, aggiunge Hiroe, citata dal quotidiano Asahi Shimbun. Ieri, fra le tante iniziative, alcune centinaia di madri si sono incontrate all’università di Kyoto per ascoltare il politologo Shinichi Yanamuro, secondo il quale il Giappone non ha bisogno di affidarsi al diritto alla “difesa collettiva” per contrastare le rivendicazioni cinesi.

La fondatrice del gruppo, Minako Saigo, 28 anni, dice: “Vogliamo armarci di conoscenza della legge e della storia per rispondere a chi ci accusa di opporci alla legge per motivi sentimentali”. Un tabù spezzato, che ora genera apprensione e sospetti, come in chi teme che le attività sempre più allargate dell’Sdf prima o poi imporranno di reintrodurre la leva obbligatoria.

(di Fabio Govoni/ANSA)

Ultima ora

18:32Calcio: Barzagli, rinnoverò presto con la Juve

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "Il rinnovo? Stiamo discutendo con la società, non ho firmato ma non c'è ansia: vedremo nelle prossime settimane o mesi". Andrea Barzagli conferma a Sky l'intenzione di proseguire con la Juventus, ma chiude la porta al ritorno in Nazionale. "Ho fatto il mio tempo, è giusto - dice il difensore bianconero - Peccato aver lasciare nel modo peggiore. Penso sia giusto ripartire con una Nazionale più giovane, abbiamo tempo per farla crescere. Speriamo sia rivoluzione, ma sensata. Nella rinascita della Juventus "ci ha messo molto del suo Allegri prosegue Barzagli - La cosa più importante è aver ricominciato a far fatica quello che alla fine ti fa vincere le partite e i campionati. Dybala è molto bravo a capire gli altri, quindi ha preso positivamente le parole di Nedved e Buffon: speriamo - conclude il difensore della Juventus - scatti qualcosa e lo faccia tornare quello di sempre".

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

Archivio Ultima ora