Renzi lancia il manifesto d’autunno

Pubblicato il 30 agosto 2015 da redazione

Renzi lancia il manifesto d'autunno

Renzi lancia il manifesto d’autunno

ROMA. – “La rivoluzione non è un pranzo di gala, no?”. A testa bassa verso il cambiamento, citando Mao Tse Tung, Matteo Renzi si rimette i panni del rottamatore. Forte di “indici di fiducia e consumi che tornano a crescere” e di “nuovi dati positivi” in arrivo, come ogni italiano di ritorno dalle ferie il premier stila l’elenco delle sue priorità per la ripresa, in una lunga intervista al Corriere della Sera: riforma del Senato, unioni civili, emergenza migranti, rapporti con la minoranza dem e con le opposizioni.

La rivoluzione, diceva Mao, non è un’opera letteraria, un disegno, un ricamo, da fare con garbo, cortesia, riguardo, magnanimità. Perciò il premier si promuove per le cose fatte (“finalmente” cresciamo come Francia e Germania) ed usa toni perentori per quelle da fare. Pugno di ferro in guanto di velluto sul Senato: “Non vedo nessun rischio” di crisi di governo, “se vogliamo fare una forzatura sul testo uscito dalla Camera i numeri ci sono, come sempre ci sono stati”: sulla legge elettorale, sulla scuola, sulla Rai, sul Quirinale. E non esiste imbarazzo ad usare i voti di Denis Verdini: “ha già votato le riforme al primo giro”, mentre “la mia minoranza firma gli emendamenti con Calderoli e Salvini, Grillo e Brunetta”. Poi un piccolo spiraglio: sul Senato elettivo chiesto dalla sinistra Pd “una soluzione si può trovare”, “basta che non sia la scusa per ricominciare sempre da capo”.

Sulle unioni civili, porta in faccia ai fedelissimi alleati di Ap: “Le unioni civili si faranno. Punto”. “Anche qui ci sono i numeri per una forzatura ma spero di trovare un punto d’intesa ampio”, apre appena appena Renzi, per poi subito definire “molto corretto” il richiamo alla famiglia visto come fumo negli occhi da alfaniani e Chiesa.

Quanto all’emergenza migranti, il premier rivendica di aver giustamente preteso in Europa una gestione dei flussi non solo italiana. E oggi chiede “una politica di immigrazione europea, con un diritto di asilo europeo. Andremmo negli Stati di provenienza per valutare le richieste di asilo, evitando i viaggi della morte, gestiremmo insieme anche i rimpatri”.

Poche righe per liquidare Silvio Berlusconi (“un giorno vuole il Nazareno bis, un giorno le elezioni anticipate”) e il leader leghista Matteo Salvini (“L’Italia è in movimento, altro che ferma. Con buona pace di Salvini che organizza manifestazioni per bloccarla. Voglio vedere quanti imprenditori del Nord-est fermeranno le aziende per la sua serrata”). E avanti con il cambiamento “iniziato alla Leopolda”.

“Il mio obiettivo non è stare simpatico”, taglia corto Renzi per ricordare, anche a sé stesso, di essere “un ragazzo di provincia che a meno di quarant’anni è stato chiamato, con altri, a cambiare il sistema politico considerato più gerontocratico nell’intero occidente”. Subito fuori tre sassi dalla scarpa. “Oggi siamo al paradosso che chi a sinistra ha ucciso l’Ulivo, segandone i rami e promuovendo convegni come Gargonza per rilevarne l’insufficienza, si erga a paladino dell’ulivismo”: Massimo D’Alema, con le sue critiche di fine estate, è servito.

Poi tocca a Romano Prodi, che ha punzecchiato il premier per l’annuncio via Twitter sulla riduzione delle tasse. “Io le tasse le ho abbassate sul serio. Mi riferisco innanzitutto agli 80 euro; Prodi forse non lo ricorda perchè non rientra nella categoria, ma chi guadagna meno di 1500 euro al mese se ne è accorto”. A ruota la conferma che azzererà Tasi e Imu, quindi sarà la volta di Ires ed Irpef, mentre non toccherà le pensioni, neppure le più alte.

Infine: Letta candidato contro Renzi, magari da D’Alema e Bersani, nel 2017? “Non mi risulta, per me sarebbe molto divertente, potremmo confrontare i risultati dei rispettivi governi”, ironizza il premier. Del resto la rivoluzione, diceva Mao nella citazione scelta da Renzi, è un’insurrezione, un atto di violenza con il quale una classe ne rovescia un’altra.

(di Milena Di Mauro/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora