Opec in campo e il petrolio vola

Pubblicato il 31 agosto 2015 da redazione

Pump jacks and wells are seen in an oil field on the Monterey Shale formation where gas and oil extraction using hydraulic fracturing, or fracking, is on the verge of a boom on March 23, 2014 near McKittrick, California.

Pump jacks and wells are seen in an oil field on the Monterey Shale formation where gas and oil extraction using hydraulic fracturing, or fracking, is on the verge of a boom on March 23, 2014 near McKittrick, California.

ROMA. – L’inflazione europea resta al palo anche in agosto e per la Bce, che ormai da mesi si adopera per veder risalire i prezzi verso il target ideale, le sfide si fanno più consistenti. Di ritorno dalla breve pausa estiva, nella riunione del consiglio direttivo che si terrà giovedì il presidente Mario Draghi e i governatori delle banche centrali dell’eurozona si troveranno a dover affrontare le ultime evoluzioni della congiuntura internazionale e dei mercati finanziari.

Inevitabile, dunque, che gli occhi saranno puntati sullo scossone provocato dalla Cina e sul livello dei prezzi al consumo nel vecchio continente, che rischiano di subire un nuovo scossone dal secco rimbalzo del petrolio, che, dopo essere sceso ai minimi degli ultimi sei anni, in tre sedute consecutive ha messo a segno il maggior rialzo dal 1990, con un +27% visto per l’ultima volta appunto 25 anni fa, quando l’Iraq invase il Kuwait. Il motivo risiede principalmente nell’apertura dell’Opec, che si è dichiarata pronta a trattare con gli altri produttori globali per ottenere “prezzi equi” del greggio: il mercato ora scommette su un taglio della produzione di greggio da parte dei Paesi Opec e degli altri big, come Russia e Venezuela, dopo che anche gli Stati Uniti hanno ridotto le loro stime di produzione.

Secondo la prima stima flash di Eurostat, l’inflazione dell’Eurozona è rimasta stabile allo 0,2%, lo stesso livello di luglio. Gli analisti si attendevano un livello ancora più basso, pari allo 0,1%. A frenare l’aumento dei prezzi del mese scorso è stato nuovamente il calo di quelli dei prodotti energetici, che in agosto hanno registrato una flessione su base annuale del 7,1%, dopo un calo del 5,6% in luglio. In aumento, invece, sono risultati i prezzi del comparto alimentazione, bevande alcoliche e tabacchi (+1,2% contro +0,9% in luglio), e quelli dei servizi (+1,2%), mentre i beni industriali sono saliti dello 0,6% (+0,4% in luglio). L’inflazione core si è attestata all’1%.

Sulla scia dell’Eurozona, anche in Italia il carovita di agosto è rimasto fermo per il terzo mese consecutivo allo 0,2%. secondo quanto ha annunciato l’Istat, l’inflazione italiana è rimasta stabile per la maggior parte dei prodotti e i pochi movimenti registrati tendono a compensarsi tra loro. Tra questi, l’Istat segnala l’ulteriore caduta dei prezzi degli energetici non regolamentati (-10,4% sull’anno, da -8,7% di luglio), la flessione dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti(-0,1%, da +0,7% del mese precedente) e la ripresa di quelli dei servizi relativi alle comunicazioni (+1,4%, da -0,3% di luglio).

Giovedì spetterà dunque ai banchieri centrali riuniti nell’Eurotower valutare la situazione e decidere il messaggio da dare ai mercati e che azioni intraprendere. La Bce sta infatti comprando titoli per cercar di combattere un’inflazione sottotono ormai da tempo e ancora decisamente al di sotto del target del 2% fissato dalla stessa Bce. Alla luce del rallentamento dell’economia cinese e del calo dei prezzi del petrolio, proprio la settimana scorsa il capo economista della Banca centrale europea Peter Praet ha detto che la sfida è diventata più dura e che la Bce è pronta a fare di più se necessario.

D’altra parte i timori di un rallentamento della locomotiva cinese, che hanno innescato il panico sui mercati finanziari mondiali, e il pesante calo delle materie prime ed in particolare del petrolio, sprofondato ai minimi degli ultimi sei anni sotto i 40 dollari al barile (anche se ora è di nuovo affacciato a quota 50), hanno peggiorato le prospettive d’inflazione nell’Eurozona. Sempre la settimana scorsa, anche il vicepresidente della Bce Vitor Constancio ha sottolineato che il piano di acquisti di bond garantisce abbastanza flessibilità, in termini di importo, composizione e durata e potrebbe dunque andare avanti ben oltre la sua naturale scadenza per centrare l’obiettivo di far risalire l’inflazione vicino ma sotto al 2%. Attraverso il Quantitative easing la Banca Centrale sta rastrellando titoli al ritmo di 60 miliardi di euro al mese e lo farà almeno fino a settembre 2016.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora