Con Malta e Bulgaria, l’Italia a caccia di un posto a Euro2016

Pubblicato il 02 settembre 2015 da redazione

Italy's head coach Antonio Conte attends a press conference at Coverciano Sport Center, near Florence, Italy, 02 September 2015. ANSA/MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

Italy’s head coach Antonio Conte attends a press conference at Coverciano Sport Center, near Florence, Italy, 02 September 2015.
ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

FIRENZE.- Il sarto Antonio Conte fa i vestiti con la stoffa che ha. E confessa di sapere benissimo che sarebbe giudicato un fallimento, se il suo abito azzurro non fosse di successo. ”Si fanno tanti discorsi sulla crisi del calcio italiano, sui tanti stranieri e i pochi giovani a disposizione: ma poi quando gioca la nazionale è obbligata a vincere. Ci si dimentica tutto e ogni mancata vittoria è un fallimento”, dice alla vigilia di Italia-Malta.

L’avversario di oggi, alla ripresa della corsa verso Euro 2016 dopo la pausa estiva, non è il più indicato per discorsi da scenari ampi. L’obbligo di vittoria va da sè, vista la differenza tecnica. Eppure dopo un 2014 da luna di miele, il fuoco dentro della nazionale di Conte si è affievolito e il 2015 sta scivolando via senza finora neanche una vittoria. Riempire la casella vuota oggi e poi bissare domenica a Palermo contro la Bulgaria potrebbe rendere matematica la qualificazione; fatti salvi incroci favorevoli con i risultati di Croazia (cui va tolto un punto per la svastica di Spalato, in attesa del ricorso all’Uefa) e soprattutto della Norvegia che ora insidia il secondo posto azzurro.

”Non guardo troppo avanti, ma ai tre punti di domani: sarebbero preziosissimi per una qualificazione che al momento nessuno ha ancora in tasca”, ricorda Conte. Gli ostacoli, sono presto detti. Malta si preannuncia come avversario barricadero (”all’andata ci fece soffrire, ma colpimmo cinque pali”): sarebbe davvero una beffa se a dar fastidio all’Italia fosse l’attaccante Effiong, un nigeriano adottato dall’isola che sta al centro di tutte le rotte di migranti del Mediterraneo.

Firenze invece non promette tifo bollente neanche con la presenza di Renzi in città per una bilaterale con Malta, ma non allo stadio, vista l’attuale agenda del premier; sull’atmosfera peseranno forse le trascorse rivalità con lo juventino Conte. “Ma io non ci credo, altrimenti la Federcalcio mi dovrebbe far causa per ogni biglietto non venduto…”, ha scherzato il ct a Sky. In fondo poi Conte sa che il vero avversario ce l’ha in casa. ”Quando giocavo io, in nazionale eravamo tutti titolari: ora i tempi sono cambiati…”, dice amaro. ”Dobbiamo adeguarci”, la conclusione che richiama l’autodefinizione di ”sarto che fa il vestito con la stoffa che ha”.

Chiarito una volta per tutto il suo messaggio alla tante riserve italiane nei club poi chiamate in azzurro (”non ho mai detto che devono giocare dal primo all’ultimo minuto per non perdere la nazionale: certo, 5′ ogni tanto non possono bastare…”), spunta su tutti l’esempio Marco Verratti. Il centrocampista arrivato in azzurro ”senza mai aver giocato 1′ in A”, come ricorda lui stesso, ora è cresciuto al Psg. E oggi potrebbe esser lanciato in un centrocampo inedito con l”americano’ Pirlo.

”Per me il ruolo naturale di Verratti è interno di centrocampo, non centrale – la spiegazione di Conte, che ha sorriso a chi gli chiedeva se i due staranno insieme in campo, dopo averlo fatto in questi due giorni di preparazione – E guardate cosa è ora, dopo aver giocato a Parigi: un giocatore molto diverso. Sta maturando, è completo nella fase difensiva e offensiva. D’altra parte, anche Zaza quando giocava nel Sassuolo è cresciuto, o Immobile quando era titolare nel Torino”.

A ben vedere, nell’11 previsto in partenza gli unici titolari dei club sono ‘stranieri’ (Darmian, Verratti, Pellè) o naturalizzati (Eder), eccezion fatta per gli juventini. Nessuna sorpresa dunque se il leader sarà ancora Pirlo (”36 anni? Finché avrà questa voglia, avrà sempre spazio in azzurro”), uno che per trovare stimoli ha cercato un nuovo mondo. In azzurro la novità sarà la maglia, visto che la nazionale vestirà la nuova divisa da trasferta bianca con la striscia tricolore davanti. Per il resto, stranieri o giovani che siano, l’obbligo di vittoria è sempre lo stesso.

(dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora