Euro 2016: rigore De Rossi, l’Italia a piccoli passi verso gli Europei

Pubblicato il 06 settembre 2015 da redazione

Italian midfielder Daniele De Rossi (C) celebrates with teammates after scoring on penalty the 1-0 goal lead against Bulgaria during UEFA EURO 2016 Group H qualifying round match at Renzo Barbera Stadium in Palermo, 6 September 2015. ANSA/MIKE PALAZZOTTO

Italian midfielder Daniele De Rossi (C) celebrates with teammates after scoring on penalty the 1-0 goal lead against Bulgaria during UEFA EURO 2016 Group H qualifying round match at Renzo Barbera Stadium in Palermo, 6 September 2015. ANSA/MIKE PALAZZOTTO

PALERMO. – A piccoli passi verso l’Europeo. Dopo l’1-0 su Malta, un’altra vittoria con un solo gol, stavolta sulla Bulgaria e con un rigore in apertura di De Rossi. Una rete alla volta e il biglietto per Francia 2016 si avvicina anche se la classifica del girone, con la Norvegia che scavalca la Croazia, si fa più intricata. L’azzurro di Palermo è meno sbiadito rispetto a quello fiorentino di fine estate. Niente colpi di mano, ma nemmeno bel gioco. Qualche guizzo, un paio di spunti interessanti, indicazioni positive (El Shaarawy), poi solo buoni propositi, che stridono con il tasso tecnico complessivo di una Nazionale ancora in cerca d’autore.

Suggestioni cromatiche a parte, rispetto alla sfida di giovedì, resta invariato il risultato: 1-0 ai maltesi, idem contro la Bulgaria, apparsa perfino meno scorbutica e ruvida, di certo lontana parente della squadra che all’andata aveva messo alle corde un’Italia salvata da Eder. Il vantaggio iniziale, arrivato dopo soli 6′ grazie a un rigore di De Rossi, ha semplificato tutto, ma i dubbi restano. La qualificazione a Francia 2016 non poteva essere matematica in ogni caso, ma la vittoria della Norvegia sulla Croazia complica i calcoli: una successo azzurro in Azerbaijan a ottobre potrebbe non bastare.

In ogni caso, meglio la vittoria di Palermo, dove gli azzurri sono apparsi più sciolti, ma la stoffa sulla quale lavora Conte resta la stessa. E non è una stoffa particolarmente pregiata. Senza Pirlo e con De Rossi playmaker, contro una avversario meno appiccicoso dei maltesi, l’Italia è riuscita ad apparire perfino meno prevedibile, ma solo a tratti. E, grazie anche agli inserimenti di El Shaarawy, scelto a sorpresa da Conte, in grado di creare spesso la superiorità numerica sulla fascia sinistra. Il ‘Faraone’ è stato abile nel dribbling e coraggioso a cercare il tiro. Una bella novità il suo recupero in chiave azzurra. Verratti a centrocampo sembra soffrire più la presenza di Pirlo che quella di De Rossi; il gioiellino del PSG ha giocato senza strafare ed è apparso presente, lucido, attento e mobile.

La partenza dell’Italia toglie il respiro ai bulgari e già dopo 60 secondi si capisce che la musica sarà diversa rispetto alla partita di tre giorni fa. Gli azzurri di Conte si presentano con lo spirito giusto per affrontare una sfida che vale tanto, tantissimo, in queste qualificazioni a Euro 2016. Un’apertura sulla destra mette Candreva nelle condizioni di incrociare il tiro; ne scaturisce un destro schiacciato che manda il pallone ad attraversare l’area, fino ad arrivare sui piedi di Pellè, che si fa ribattere la deviazione dal portiere. Arriva El Shaarawy che tenta una rovesciata e sfiora la traversa.

Le bollicine bucano l’afa e fanno presagire uno spettacolo gradevole. Illusione pura. Addirittura al 6′ l’Italia è già in vantaggio. Perfino troppo facile per essere vero. Uno dei due Minev, Veselin, tocca Candreva, che stava tentando di recuperare il pallone in area con le spalle alla porta, l’arbitro decide per il rigore. De Rossi trasforma due volte senza troppi problemi, poi esulta con rabbia, come avesse segnato il gol della vita. Palermo e lo stadio Barbera sono talismani irrinunciabili per il centromediano metodista della Roma, che 11 anni addietro contro la Norvegia firmò un gol all’esordio. Stessa piazza, stesso impianto, porta diversa. Peccato che nella ripresa il giallorosso scalci un avversario, dopo essere stato colpito precedentemente, e finisca negli spogliatoi per un rosso.

E, sempre De Rossi, cui viene perdonata anche un’entrataccia a piedi uniti, al 19′ la combina grossa, perdendo palla nella trequarti azzurra e innescando Mitsanski, che s’invola, arriva ai 16 metri e, con un perfetto diagonale rasoterra, costringe Buffon a un mezzo miracolo, per deviare in angolo.

L’Italia torna in avanti al 26′, con una punizione di Verratti che Pellè corregge di testa di poco alto. Al 31′ un tiraccio di Popov finice a lato, poi è solo Italia: al 32′ bella azione sulla destra, con Verratti che dà a Candreva, il laziale crossa sui piedi di De Sciglio che spara, ma il portiere in tuffo non trattiene e la difesa manda in angolo. Al 35′ unico lampo di Pellè: una bella girata che manda il pallone alto. Il tempo si chiude con una bordata di Parolo deviata in angolo.

Sempre Parolo ‘inaugura’ la ripresa, con una conclusione deviata in angolo dal portiere. Al 16′ la Bulgaria sfiora il pari con Nedelev che lambisce l’incrocio. Il finale è un possesso palla della Bulgaria, mentre l’Italia aspetta il contropiede vincente che non arriva. Solo il tempo di vedere De Rossi, espulso, che esce dal campo a testa bassa. La partita, però, l’ha risolta lui in qualche modo: la Francia è più vicina. Forse.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

00:42Gb: primo vescovo donna a Londra, nomina approvata da regina

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La Chiesa d'Inghilterra ha scelto per la prima volta una donna al vertice della diocesi di Londra: si tratta di Sarah Mullally, la cui designazione - fatta dalla gerarchia ecclesiastica - ha avuto il placet formale della regina, nominalmente capo della confessione anglicana. L'ufficializzazione dell'atto é stata confermata stasera da Downing Street. La reverenda Sarah Mullally, 55 anni, era finora vescovo di Crediton, nel Devon, e succede al reverendo Richard Chartres, ritiratosi a febbraio per ragioni di età. La Chiesa d'Inghilterra ha 'sdoganato', non senza qualche divisione, l'ordinazione episcopale femminile nel 2014 e ha nominato la sua prima donna vescovo nel 2015, quando Libby Lane fu indicata alla guida della diocesi di Stockport. Londra tuttavia rappresenta una sede di peso inedito affidata a una donna: é la terza per prestigio dopo quella di Canterbury - al cui vertice vi é il primate anglicano - e quella di York, entrambe finora sempre guidate da uomini.

23:16Investita dal compagno nipote di Mesina

(ANSA) - CAGLIARI, 18 DIC - La nipote di Graziano Mesina, l'ex primula rossa del banditismo sardo, è stata deliberatamente investita dal suo compagno in una via di Orgosolo, dove vive la coppia. La donna, Pasqualina Mesina, di 50 anni, è ora ricoverata in fin di vita all'ospedale San Francesco di Nuoro. Il fatto è successo intorno alle 20. Secondo quanto si è appreso, il compagno della Mesina, Giovanni Corrias, di 48 anni, l'avrebbe intercettata in strada travolgendola con la sua auto. L'uomo in passato si è reso responsabile più volte di violenze e maltrattamenti nei confronti della compagna.

22:36Calcio: Spalletti, Inter non è quella che ha perso sabato

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - "Stiamo vicini ai nostri calciatori perché non sono quelli che hanno perso 3-1, ma che hanno fatto 40 punti in 17 partite e bisogna rendergli onore": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, a Inter Tv, durante la cena di Natale del club nerazzurro. "I tifosi sono una seconda squadra - continua - ne fanno parte, sono dietro le quinte e ci accompagnano. Ci hanno applaudito anche dopo la sconfitta e ci aiutano a diventare più forti. Io ho solo due vizi, calcio e famiglia, chiamiamoli amori più che vizi. L'hashtag di stasera? Speriamo sia Natale senza tregua di serenità, abbracci e divertimento. Cerchiamo di stare più vicini possibile a questi colori, so da dove siamo partiti e cosa ci siamo portati dietro, arrivano anche le difficoltà, dobbiamo attraversarle per completare il nostro percorso verso gli obiettivi".

22:32Calcio: arbitro Rocchi, bilancio primi mesi Var è positivo

(ANSA) - PAESTUM (SALERNO), 18 DIC - "Il bilancio dei primi mesi con la Var è assolutamente positivo, si sapeva che le polemiche sarebbero arrivate. E' un momento decisivo per il campionato, dunque c'era da aspettarsele. Chiaramente siamo in una fase di rodaggio e il rodaggio prevede sempre qualche piccola difficoltà, che ci servirà per fare esperienza". Così Gianluca Rocchi traccia un bilancio dopo i primi mesi di Var in Italia, parlando a margine della 7/a edizione degli Italian sport awards, in corso a Paestum (Salerno). "Purtroppo le nostre esperienze nascono e passano da alcuni errori - prosegue l'arbitro fiorentino -. Bisogna che si accetti l'errore e chiaramente fare in modo che non si ripeta. L'arbitro rimane l'arbitro ed è quello che prende l'ultima decisione. La Var, secondo me, non deve essere invasiva, ma un supporto fondamentale laddove l'arbitro non arriva, o non vede una cosa o la vede palesemente sbagliata".

21:55Bellomo:ex corsista a pm Bari,altre 4 ragazze vittime

(ANSA) - BARI, 18 DIC - "Sono stata contattata da quattro ragazze che hanno avuto un'esperienza simile in altri anni e in altre città. Mi hanno ringraziata dicendomi che adesso hanno anche loro il coraggio perché sanno di non essere sole". Lo ha detto Rosa Calvi, avvocatessa 28enne di Cerignola (Foggia), al termine dell'audizione in Procura di Bari come persona informata sui fatti nell'ambito dell'indagine per estorsione a carico del consigliere di Stato Francesco Bellomo. Un mese dopo l'inizio delle lezioni, ha raccontato, sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. "Io vengo prima di tuo fratello" le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo "che ero una stupida a dire di no".

21:39Calcio: caso Ljajic, respinto il ricorso della Roma

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato l'8 novembre 2017 dalla Roma nei confronti della Fiorentina, della Figc e della Lega Serie A, contro la decisione della Corte Federale d'Appello sul caso dell'attaccante Adem Ljajic, ora al Torino, relativo al contratto di cessione dell'attaccante dalla Fiorentina al club giallorosso ed in particolare al pagamento del premio di rendimento. La Roma dovrà quindi pagare un milione di euro (più 5.000 a titolo di spese) in favore della Fiorentina per la corresponsione del "premio di rendimento" allegato al contratto stipulato tra le due società il 28 agosto 2013, nell'ambito dell'accordo di cessione delle prestazioni professionali sportive del calciatore Ljajic.

21:38Sci: Cdm, Olsson vince parallelo gigante di Alta Badia

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 18 DIC - Lo svedese Matt Olsson ha vinto lo slalom gigante parallelo di Coppa del mondo di Alta Badia. Secondo il norvegese Erik Kristoffersen e terzo l'austriaco Marcel Hirscher. Kristoffersen e' passato in testa alla classifica generale di coppa del mondo. Male, ancora una volta in questa disciplina, l'Italia con cinque atleti al via su 32 partecipanti. Manfred Moelgg, Florian Eisath e Riccardo Tonetti sono stati eliminati gia' ai sedicesimi. Roberto Nani e Luca De Aliprandini sono invece stati battuti subito dopo agli ottavi., La prossima gara sara' venerdi' sera: slalom speciale a Madonna di Campiglio.

Archivio Ultima ora