Renzi apre alla minoranza Pd, non è prendere o lasciare

Pubblicato il 08 settembre 2015 da redazione

Pier Luigi Bersani con Matteo Renzi. ANSA/MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

Pier Luigi Bersani con Matteo Renzi. ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

ROMA. – “Nessun prendere o lasciare, nessuna disciplina di partito”. Matteo Renzi tiene aperto il dialogo con la minoranza Pd sulla riforma costituzionale. E dà “ancora qualche giorno” ai senatori, ma anche ai deputati per trovare un accordo che permetta di accelerare e approvare il ddl al Senato il prima possibile, per consentire anche alla legge sulle unioni civili di essere approvata prima del 15 ottobre, quando sarà presentata la legge di stabilità. Il premier invita la minoranza Pd a non drammatizzare o annunciare “barricate”. Ma tiene anche fermo quel paletto che finora ha impedito di avvicinarsi a un’intesa: cambiare l’articolo 2, come chiede la sinistra Dem, vorrebbe dire rimettere “tutto in discussione”. I presupposti per una intesa perciò, osservano a caldo dalla minoranza, il premier ancora non li ha creati.

Quando alle 20 Renzi apre l’assemblea del gruppo nella sala Koch di Palazzo Madama, alle orecchie dei senatori è da poco giunta una dichiarazione del ministro Maria Elena Boschi: “La maggioranza c’è, ha i numeri, e l’auspicio del governo è che ci sia anche tutto il Pd”. Ma non è il preannuncio di una dichiarazione di guerra. Anzi. Il premier apre e chiude il suo intervento con un richiamo alla “responsabilità” del Pd, che con le riforme del suo governo ha fatto “ripartire il Paese” e ora deve proseguire, per tenere fede a un impegno di superamento del bicameralismo perfetto che viene ripetuto “da 70 anni”. In nome di questa responsabilità, dichiara Renzi, “non vogliamo un muro contro muro e i toni profondamente esasperati di questi giorni. Non diciamo prendere o lasciare ma proprio perché è la Costituzione, non hanno senso barricate”.

La disponibilità del governo e della segreteria Pd al dialogo c’è ed è dimostrata, sottolinea, “dai 134 emendamenti approvati, 62 al Senato e 72 alla Camera” approvati finora: “Si può dire tutto meno che sia un atto di forzatura e in pericolo la democrazia”. “Non abbiamo invocato la disciplina sulla scuola e il Jobs act figuriamoci se lo facciamo sulla Costituzione”, replica Renzi a Pier Luigi Bersani, che in mattinata aveva lamentato l’assenza di un confronto e lo aveva avvertito: “Sulla Costituzione non c’è disciplina di partito”. Il senatore bersaniano Miguel Gotor, tra i capofila dei 28 firmatari degli emendamenti per il Senato elettivo, a margine dei lavori della commissione aveva parlato di “machismo costituzionale”. I 28, al termine di una riunione mattutina, avevano ribadito compattezza sugli emendamenti per il Senato elettivo e sottolineato che non c’è apertura possibile senza una modifica all’art. 2 del testo, che regola la composizione del Senato. Ma Anna Finocchiaro e Luciano Pizzetti prima, Boschi e Renzi poi, pur ribadendo l’apertura ad allargare le competenze del Senato e modificare il meccanismo di scelta dei senatori (“Concordate le modifiche anche con i deputati”, propone il premier), tengono fermo il no a cambiare l’articolo 2 perché, non si stancano di ripetere, è già stato approvato in lettura conforme dalla Camera e cambiarlo vorrebbe dire ripartire d’accapo.

In serata il presidente del Senato Pietro Grasso, chiamato in causa dall’una e dall’altra parte come l’arbitro che può decidere la partita ammettendo o meno emendamenti al ‘conteso’ articolo, si tira fuori dalla mischia e chiama i partiti alle loro responsabilità. “Ogni giorno che passa senza un confronto vero, a tavolino e non sui giornali, è un giorno sprecato, e fra un mese comincia la sessione di bilancio”, incalza. “Io mi potrò pronunciare solo in Aula, quando avrò gli emendamenti da valutare”, ribadisce. Come a dire che un’intesa politica deve precedere la decisione regolamentare e non si può appellare ad essa. Ma in ambienti renziani si fa notare che sapere se a norma di regolamento si possa intervenire sull’articolo 2 è dirimente per definire il perimetro entro il quale bisogna trovare quella intesa politica. Anche se, sottolineano gli stessi renziani, di fronte alla scelta di Grasso di aprire a modifiche che farebbero “ripartire d’accapo” il percorso, il governo potrebbe decidere di mettere sul piatto la vita stessa del governo, ponendo la questione di fiducia su quel singolo articolo.

I senatori di Forza Italia, che si riuniscono quasi in contemporanea, confermano il loro no alla riforma e notano che Renzi non ha i numeri per farla passare (avrebbe 183 senatori, da cui sottrarre i 28 della minoranza), anche perché starebbero aumentando i mal di pancia dentro Ncd. Ma Renzi per ora non va allo scontro. Tiene aperto il dialogo anche con gli altri partiti.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

Archivio Ultima ora