Papa: riforma del processo per nullità matrimoni

Pubblicato il 08 settembre 2015 da redazione

Una foto di archivio mostra lo scambio degli anelli durante una cerimonia nuziale. ANSA / CRISTOFANI

Una foto di archivio mostra lo scambio degli anelli durante una cerimonia nuziale.
ANSA / CRISTOFANI

CITTA’ DEL VATICANO. – Celerità dei processi, non solo per l’introduzione di un processo breve, ma per lo snellimento di procedure che velocizza anche quello ordinario. Centralità del ruolo dei vescovi, nel segno della collegialità e in dialogo con le conferenze episcopali. Una “conversione delle strutture ecclesiali” per il servizio alle famiglie ferite, povere tra i poveri. Insistenza sul carattere il più possibile gratuito dei processi. Per questi elementi estremamente innovatori, la riforma dei processi canonici circa la dichiarazione di nullità dei matrimoni pubblicata ieri è un tassello fondamentale nella intera riforma della Chiesa avviata da papa Francesco. E fa presumere altre innovazioni per le famiglie ferite – nei campi legislativo e pastorale – da realizzare dialogando con il sinodo dei vescovi sulla famiglia che comincerà fra neppure un mese.

Il Papa nel documento dichiara di non voler “favorire la nullità dei matrimoni, ma la celerità dei processi”, e ovviamente non cancella la indissolubilità del matrimonio validamente contratto. La celerità è effettivamente raggiunta: un processo breve, con i tempi previsti per istruttoria e sentenza, potrebbe concludersi nel giro di pochi mesi; e lo snellimento delle procedure di quello ordinario – tra cui l’abolizione della ‘doppia conforme’ e una stretta sulla ammissibilità degli appelli – dovrebbe rendere possibile i tempi già richiesti per questo.

“Una causa – ha ricordato il decano della Rota mons. Vito Pinto – dovrebbe oggi durare un anno in prima istanza e sei mesi in seconda, ma nella realtà durano non meno di due e forse cinque o forse dieci anni, in tribunali di prima e seconda istanza”. Il processo breve per poter essere celebrato richiederà il consenso delle parti e che il vescovo riscontri attraverso testimonianze e documenti, la “manifesta nullità”.

Tra le “circostanze” di manifesta nullità, le nuove norme annoverano anche la “mancanza di fede che può generare la simulazione del consenso”, che apre alla problematica studiata da Benedetto XVI dai tempi in cui non era ancora papa, e raccoglie la 40.ma proposizione del sinodo dei vescovi del 2005. Un sacramento in cui manca la fede è difficile che sia un sacramento, constatava papa Ratzinger. Constatazione che aprirebbe alla dichiarazione di nullità per molti matrimoni celebrati per scelta familiare e sociale, senza una fede certa dei coniugi, o di uno dei due.

Se la accelerazione dei tempi colpisce subito, non meno rilevante è la valorizzazione che il Papa vuole realizzare del ruolo del vescovo. Bergoglio chiede che sia nelle grandi che nelle piccole diocesi il vescovo “non lasci completamente delegata agli uffici di curia la funzione giudiziaria in materia matrimoniale”, “affinché sia formalmente tradotto in pratica l’insegnamento del Concilio”. Di fatto il vescovo diventa l’anima del processo breve. Inoltre il Papa considera il fatto che i vescovi assumano in prima persona la “funzione giudiziaria in materia matrimoniale” un “segno di conversione delle strutture ecclesiastiche”, e raccomanda che tale conversione sia “condivisa” dalle Conferenze episcopali, che devono rispettare “assolutamente il diritto dei vescovi di organizzare la potestà giudiziale nella propria Chiesa particolare”.

La riforma è nata dal dialogo con il sinodo dei vescovi dello scorso autunno, e frutto del lavoro di un anno di una commissione di esperti, e ciò dovrebbe favorirne l’accoglimento da parte di tutta la Chiesa e una implementazione efficace. Si compone di due motu proprio, – “Mitis Iudex Dominus Iesus”, che cambia il codice di diritto canonico, e “Mitis et misericors Iesus” che modifica il codice dei canoni delle Chiese orientali, – di cui il primo modifica integralmente il Libro VII del Codice di diritto canonico, Parte III, Titolo I, Capitolo I. Le nuove norme, anche qui con grandissima rapidità, entrano in vigore il prossimo 8 dicembre, quando si apre il giubileo della misericordia.

(Giovanna Chirri/Ansa)

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora