Si tratta sul Senato, accordo possibile anche con gli altri partiti

Pubblicato il 10 settembre 2015 da redazione

commissione_affari_costituzionali

ROMA. – “I tempi stringono”, avverte il ministro Maria Elena Boschi. Se si vuole approvare la riforma costituzionale ed esaminare anche la legge sulle unioni civili prima della legge di stabilità, bisogna accelerare. E far approdare la riforma del Senato in Aula, ipotizzano i renziani, già il 24 settembre. Ma la strada è ancora tutta in salita perché le distanze nel Pd restano immutate. E se la rassicurazione del governo che non sarà messa la fiducia (“Non esiste al mondo”, dice il sottosegretario Luciano Pizzetti) tiene il confronto su toni più sereni, Pier Luigi Bersani si mostra pessimista: “Voto la riforma solo se si supera lo stallo sull’articolo 2, ma la vedo dura”.

Matteo Renzi, che sabato terrà a Verona la seconda tappa del suo tour in cento teatri d’Italia, ha provato a spostare il confronto sul terreno della “responsabilità”. Anche per questo ha passato per ora la palla a un tavolo “istituzionale permanente” dei gruppi Pd, che si è insediato in mattinata negli uffici del gruppo a Palazzo Madama. Ne fanno parte Boschi e Pizzetti, la presidente Finocchiaro, i capigruppo Rosato e Zanda, i capigruppo in commissione Lo Moro e Fiano, i responsabili istituzionali Pollastrini e Tonini. I nove hanno fatto un primo giro di tavolo. Adesso si proverà a entrare nel vivo, mettendosi innanzitutto al lavoro per trovare un’intesa sul tema delle competenze che del futuro Senato. Entro martedì, quando la commissione potrebbe iniziare a votare.

Sulle competenze, che i senatori – anche su richiesta dei presidenti di Regione – vorrebbero aumentare, un accordo è possibile. Non solo nel Pd ma anche, spiegano dalla maggioranza Dem, con gli altri partiti. Su quel piano si sta tra l’altro lavorando – con qualche spiraglio, assicurano i renziani – per persuadere Roberto Calderoli a ritirare gran parte dei suoi 500 mila emendamenti. Sul metodo di elezione dei futuri senatori, invece, le posizioni restano inconciliabili: i 28 della minoranza Pd chiedono di cambiare l’articolo 2 della riforma, governo e maggioranza dicono che la richiesta è irricevibile perché vorrebbe dire ripartire d’accapo.

Per questo Lo Moro, che insieme a Pollastrini rappresenta la minoranza al tavolo istituzionale, sottolinea che un’intesa dirimente può venire solo da “fuori”, da un accordo politico e non tecnico. Anche se Pier Luigi Bersani, che continua ad allontanare da sé l’ombra della scissione, esclude che risolutivo possa essere un vertice a due tra lui e Renzi: “Non ci credo agli incontri di Teano, Renzi parli con i senatori. I senatori pongono una domanda onesta sugli equilibri democratici, non di corrente o per salvare poltrone”. Ma Lorenzo Guerini avverte che non si possono “riportare le lancette al punto zero” e che la riforma “non è il terreno per regolare dinamiche interne al partito e preparare congressi”.

La prossima settimana la presidente di commissione e relatrice Anna Finocchiaro potrebbe dichiarare irricevibili tutti gli emendamenti all’articolo 2, creando un precedente per la scelta dirimente che il presidente Pietro Grasso dovrà compiere quando la legge sarà in Aula. Intanto, con il clima più sereno di confronto, con alcune concessioni su temi come le funzioni del Senato e il suo ruolo di garanzia, la maggioranza Pd confida di riuscire a toccare le corde dei più “responsabili” tra i senatori della minoranza Dem.

Altri consensi alla riforma costituzionale (o almeno l’uscita dall’Aula nei momenti più delicati) potrebbero arrivare – sostengono – dalle fila di Forza Italia. E se i bersaniani ostentano compattezza e confidano di trovare alleati nella loro battaglia in alcuni senatori di Ncd, i renziani salutano positivamente il richiamo ai suoi di Alfano (“Chi vuole andarsene da Berlusconi, Renzi, Salvini, vada…”).

Gli alfaniani, però, attraverso il capogruppo Renato Schifani chiedono di essere al tavolo tecnico con il Pd. In commissione, intanto, sfilano i presidenti di Regione Sergio Chiamparino, Enrico Rossi e Vincenzo De Luca. Tutti chiedono un ampliamento delle competenze e che i governatori siedano di diritto nel futuro Senato. E De Luca si spinge oltre: “No all’elezione libera”, diretta o indiretta, dei senatori: “Servono criteri oggettivi o al Meridione c’è rischio fortissimo di trasformismo e mercato politico”, con l’ingresso di “qualche pezzo di camorra democratica”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

12:30Francia: scontro treno-scuolabus, bilancio sale 6 morti

(ANSA) - PARIGI, 15 DIC - Il bilancio della collisione tra un treno regionale e uno scuolabus a Milau, nel sud-ovest della Francia, sale a 6 morti. E' quanto rivela France Info precisando che altri due ragazzi oltre ai quattro annunciati ieri non ce l'hanno fatta. Entrambi avevano 11 anni.

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

11:36Litiga per 2 euro con gestore pompa benzina e appicca fuoco

(ANSA) - VITTORIA (RAGUSA), 15 DIC - Un 40enne di Vittoria ha appiccato le fiamme alla colonnina di un distributore di carburanti nella periferia della cittadina, non lontano dall'ospedale. L'allarme è stato dato al commissariato dai vigili del fuoco. Dietro al gesto ci sarebbe la lite avuta la sera prima col gestore del rifornimento per due euro. L'uomo, che è stato arrestato, aveva inserito soldi per comprare le sigarette, ma parte del denaro era rimasta bloccata e, nonostante il proprietario volesse ridargli i soldi, se ne era andato furibondo meditando la vendetta. Gli agenti sono risaliti all'autore dell'incendio esaminando le immagini registrate dall'impianto interno di videosorveglianza. Nelle riprese si vede il 40enne introdurre una banconota nel distributore, selezionare la pompa da utilizzare, estrarre la pistola e "irrorare" l'area circostante con la benzina, poi allontanarsi e appiccare il fuoco. Nella casa dell'arrestato, in lavatrice, sono stati trovati gli indumenti indossati dall'uomo nelle immagini. (ANSA).

Archivio Ultima ora