Flusso record di migranti. L’Austria blocca i treni dall’Ungheria

Pubblicato il 10 settembre 2015 da redazione

Migrants, mainly from Syria, wait to board a train for Sweden, at Padborg station, Denmark, 10 September 2015. Danish police said 10 September they would not block migrants and refugees wanting to transit to Sweden, while some train services between Denmark and Germany resumed.  EPA/CLAUS FISKER DENMARK OUT

Migrants, mainly from Syria, wait to board a train for Sweden, at Padborg station, Denmark, 10 September 2015. Danish police said 10 September they would not block migrants and refugees wanting to transit to Sweden, while some train services between Denmark and Germany resumed. EPA/CLAUS FISKER DENMARK OUT

BRUXELLES. – Sono decine di migliaia i profughi che attraversano l’Europa in cerca di protezione. A piedi, a bordo di treni, o sui bus, famiglie intere hanno sfidato barriere e piogge torrenziali, per raggiungere le loro terre promesse. Ma di fronte ai numeri record in arrivo, l’Austria ha sospeso tutti i collegamenti con l’Ungheria, e Skopje sta valutando di costruire una barriera al confine con la Grecia, come Budapest ha già fatto con la Serbia. E mentre il premier ungherese Viktor Orban sta preparando una nuova stretta contro i rifugiati, la Danimarca ha ripristinato i treni con la Germania, facendo sapere che non ostacolerà il passaggio dei migranti diretti in Svezia. E gli Usa si sono detti pronti ad accogliere 10mila profughi siriani nel prossimo anno.

Intanto nell’Unione europea si cerca un accordo sulle quote obbligatorie per i ricollocamenti intra-Ue proposto da Jean Claude Juncker, in vista del consiglio Affari interni dei 28 di lunedì. L’intesa, dopo il sostegno dell’Europarlamento e l’appoggio convinto di Parigi e Berlino, appare più vicina e lo zoccolo duro dei falchi dell’Est sembra aver perso uno dei suoi elementi principali: la Polonia, secondo fonti comunitarie, sarebbe pronta ad accettare il sistema europeo di distribuzione per quote. Domani Jean Asselborn, in qualità di rappresentante della presidenza di turno della Ue, ed il ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier si riuniranno a Praga con i loro omologhi del cosiddetto ‘gruppo di Visegrad’ (Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia e Ungheria), tra i più contrari all’iniziativa della Commissione per cercare di convincerli. D’altra parte anche Bucarest ha ribadito la sua netta opposizione ad accogliere richiedenti asilo da altri Paesi Ue: di fatto con Sofia potrebbe voler negoziare il proprio ok al piano di Bruxelles in cambio dell’ingresso nello spazio Schengen, bloccato da anni per il veto di Germania e Olanda.

Tra le varie leve che l’esecutivo europeo potrebbe decidere di manovrare per vincere le resistenze, anche la flessibilità al Patto di stabilità per le spese per profughi e migranti, sostenute dalle autorità nazionali. Ufficialmente resta però una questione tutta da valutare e sulla quale per il momento Bruxelles non “vuole speculare”. Sul fronte italiano, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha ribadito la necessità di cambiare il regolamento di Dublino: “Per difendere” questa “trincea, rischiamo di perdere Schengen”, ha spiegato. Mentre il capo del Viminale Angelino Alfano si è dichiarato “soddisfatto della virata europea” nella gestione della crisi dei migranti “che ha isolato i razzisti” pur insistendo sulla necessità di una “gestione comunitaria dei rimpatri”.

Ma le cifre sono da esodo. Al confine serbo-ungherese, sotto una pioggia battente, si è ulteriormente intensificato, il flusso record di migranti e profughi: cercano in tutti i modi di entrare in Ungheria prima del 15 settembre, quando nel Paese entreranno in vigore norme più severe, che prevedono anche pene detentive per chi passa illegalmente la frontiera. Altre migliaia si preparano a entrare in Macedonia dalla Grecia, dopo che le autorità di Atene sono riuscite a registrare circa 17mila migranti che si trovavano sull’isola di Lesbo permettendogli di proseguire il loro viaggio in Europa. Anche qui famiglie intere sono in fila sotto un cielo inclemente.

Le moltitudini sono dirette in Germania, Svezia e altri Paesi del nord Europa. Angela Merkel è diventata la loro eroina: durante la visita ad un centro di accoglienza alla periferia di Berlino è stata accolta da calorosi applausi e in molti hanno voluto scattare dei selfie in compagnia della cancelliera tedesca, che ormai incarna il volto solidale dell’Europa. A dare una mano agli europei è giunto da Washington l’annuncio della Casa Bianca: gli Usa sono pronti ad aumentare il loro impegno, fino a considerare di accogliere 10mila migranti siriani nel prossimo anno, ha riferito il portavoce Josh Earnest. Sui migranti in fuga, l’Isis ha scagliato il suo anatema: chi decide “volontariamente di abbandonare Darul-Islam (la casa dell’Islam) per recarsi nelle terre degli infedeli compie un grave e pericoloso peccato e mette a rischio la vita e le anime dei figli”, hanno messo in guardia i jihadisti.

(di Patrizia Antonini)/ANSA)

Ultima ora

13:29Tennis: Ift Dubai, Errani ai quarti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sara Errani si è qualificata per i quarti di finale del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: al secondo turno la romagnola, numero 143 del ranking mondiale, ha sconfitto per 6-4 7-6 (7-4) la bielorussa Vera Lapko, numero 134 Wta e ottava testa di serie del torneo.

13:22Carceri: detenuto di 20 anni suicida a San Vittore

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Un detenuto marocchino di 20 anni, condannato per rapina e con fine pena 2020, si è impiccato nel bagno della sua cella nel carcere San Vittore di Milano. Ne dà notizia il segretario regionale lombardo del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), Alfonso Greco: "L'uomo era detenuto nel V Reparto detentivo del carcere di San Vittore e si è impiccato nel bagno della cella - spiega Greco -. Nonostante il tempestivo intervento dell'Agente di Polizia Penitenziaria, non è stato purtroppo possibile salvargli la vita. Un gesto grave, che lascia in noi amarezza e sgomento". Donato Capece, segretario generale Sappe, denuncia: "Tre detenuti che si tolgono la vita in carcere in meno di una settimana sono un fallimento per lo Stato. Vittime innocenti di un disagio individuale a cui non si riesce a fare fronte nonostante gli sforzi e l'impegno degli operatori". Capece ricorda che "sabato si era tolto la vita un detenuto a Regina Coeli a Roma, domenica un altro di Terni".

13:18Basket: Nba, ko a Cleveland Atlanta perde ancora

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Niente da fare per Marco Belinelli e gli Atlanta Hawks, sconfitti a Cleveland dai Cavaliers: 123-114 il punteggio a favore di LeBron James (autore di 25 punti) e compagni. Per il giocatore azzurro 8 punti in poco più di 20 minuti di gioco. Per gli Hawks, ultimi nella Eastern Conference, si tratta della 21/a sconfitta su 27 partite disputate mentre i Cavs hanno totalizzato il loro 20/o successo mantenendo il secondo posto alle spalle dei Boston Celtics. Nelle altre partite del campionato Nba disputate la scorsa notte vittorie dopo un tempo supplementare dei New York Knicks sui Los Angeles Lakers (113-109) e dei Philadelphia 76ers in casa dei Minnesota Timberwolves (118-112). I Brooklyn Nets hanno superato 103-98 i Washington Wizards, i Dallas Mavericks si sono aggiudicati per 95-89 il derby texano sui San Antonio Spurs e i Sacramento Kings hanno piegato 99-92 i Phoenix Suns. Infine successo esterno per 103-84 dei Denver Nuggets sui Detroit Pistons.

13:16Uomo muore dopo allenamento in palestra nel Foggiano

(ANSA) - MONTE SANT'ANGELO (FOGGIA), 13 DIC - Un 34enne è morto dopo aver sostenuto un allenamento, ieri sera, all'interno di una palestra in via Manfredonia, a Monte Sant'Angelo (Foggia). L'uomo, secondo quanto accertato dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia che indagano sull'episodio, aveva appena terminato l'allenamento e si era recato negli spogliatoi per cambiarsi e tornare a casa. All'improvviso si è sentito male e si è accasciato a terra. Malgrado l'immediato intervento dei sanitari del 118, per il 34enne non c'è stato niente da fare.

13:10Pakistan: bambina nasce in volo, la chiamano ‘Paradiso’

(ANSA) - ISLAMABAD, 13 DIC - Una giovane madre pachistana ha messo al mondo ieri sera, su un aereo della compagnia Pakistan International Airlines (PIA), in volo fra la città saudita di Medina e quella pachistana di Multan una neonata a cui, date le circostanze, è stato assegnato il nome di 'Jannat' (Paradiso). Un portavoce della PIA non ha esitato ad evocare un miracolo per commentare il lieto evento. "I miracoli - ha detto ringraziando l'equipaggio che si è adoperato per collaborare con il parto - non succedono tutti i giorni. Ma noi oggi ne abbiamo avuto uno piccolo con la nascita di una bellissima bambina!". "Lei ha aperto gli occhi nel cielo azzurro - ha concluso - ed anche per questo il papà Imran e la mamma Kausar, che lavorano in Arabia saudita e tornavano a casa per vacanze, sono stati d'accordo nell'assegnarle il nome di 'Jannat' (Paradiso).

13:09Calcio: Milan, ‘Donnarumma patrimonio sportivo ed economico’

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non è il tempo del mercato". Nella consueta rassegna stampa pubblicata sul sito del Milan, si conclude così il commento sull'intricato caso di Gianluigi Donnarumma e sull'ipotesi di cessione tornata d'attualità in questi giorni. "Gigio è un patrimonio del Club, sia sportivo (è reduce da ottime parate contro Torino e Bologna) che economico - si legge sul sito della società rossonera -. Tutto questo è valorizzato da un contratto fino al 2021 e rafforzato da un dialogo sempre aperto e positivo fra il giocatore e il suo allenatore, fra il giocatore e il direttore sportivo rossonero Mirabelli. Stabilito questo come ha già avuto modo di affermare proprio Rino Gattuso ieri, il Milan è concentrato adesso solo sul campo. È lì che la squadra rossonera deve continuare a lavorare per tornare grande. Non è questo il tempo del mercato - è la conclusione -, ma solo ed esclusivamente del campo".

13:07Brexit: Barnier, non accetteremo alcun passo indietro da Gb

(ANSA) - STRASBURGO, 13 DIC - "Non accetteremo alcun passo indietro rispetto alla dichiarazione congiunta" siglata venerdì scorso da Regno Unito e Unione europea. Lo ha detto il negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, durante un dibattito in plenaria al Parlamento europeo. I punti della 'fase uno' del negoziato, ha detto, "devono essere rapidamente tradotti in un accordo di ritiro giuridicamente stringente. Questa è una delle condizioni per il buon andamento del negoziato". Barnier ha anche sottolineato che questa "è una tappa importante ma ce ne saranno molte altre".

Archivio Ultima ora