Lotta: Hasta la victoria, oro mondiale per l’Italia con sapore cubano

Lotta mondiali: Chamizo nella storia oro e pass olimpico nei 65 kg. della libera
Lotta mondiali: Chamizo nella storia oro e pass olimpico nei 65 kg. della libera
Lotta mondiali: Chamizo nella storia oro e pass olimpico nei 65 kg. della libera

ROMA. – “Hasta la victoria”. Fedele agli insegnamenti ricevuti nella natia L’Avana, Frank Chamizo Márquez ai mondiali di lotta libera non si è fermato fino a quando ha conquistato l’oro nella categoria 65kg. Ma il suo successo è andato ad impreziosire il bottino azzurro e non quello cubano: il 23enne atleta di origine caraibica, infatti, grazie al matrimonio con la collega Dalma Caneva, da qualche mese è italiano, italianissimo. Tanto che ai medaglieri azzurri ha già portato tre podi: l’oro all’Europeo Under 23 (a marzo in Polonia), l’argento ai Giochi europei (a giugno in Azerbaigian) e l’oro, appunto, ai Mondiali in corso negli Stati Uniti.

“Non ci sono parole per descrivere cosa significa per me aver portato all’Italia questa medaglia”, le prime parole del neo campione che, con questo successo, si è anche garantito il pass olimpico (il 72/o complessivo per l’Italia, in 11 discipline differenti). Una qualificazione quanto mai preziosa se è vero, come assicurano in Federazione, che con Chamizo il prossimo anno a Rio de Janeiro un’altra medaglia è tutt’altro che un sogno.

L’Italia, intanto, può già festeggiare, visto che non vinceva una medaglia iridata da oltre vent’anni (Giovanni Schillaci, bronzo nel ’94 a Istanbul) e un oro da addirittura trenta (Vincenzo Maenza nella grecoromana a Tokyo ’85); Italia che comunque non si era mai imposta nella libera ad un Mondiale. Festeggia, ovviamente, Chamizo e lo fa soprattutto in famiglia, quella acquisita: la sua cittadinanza, infatti, è conseguenza del matrimonio con Dalma Caneva, lottatrice azzurra anche lei che, a soli 21 anni, ha già messo in bacheca, fra l’altro, un argento al Mondiale e un oro all’Europeo juniores del 2014.

Entrambi tesserati con l’Esercito, le loro nozze sono state celebrate nel 2012 a Genova, città natia della ragazza, dopo che i due si erano conosciuti qualche tempo prima a Roma, in occasione di uno stage della Nazionale cubana. Il passaggio sotto la bandiera tricolore del giovane dell’Avana si è così realizzato con il conferimento della cittadinanza, il 2 gennaio.

E pensare che il successo di Chamizo a Las Vegas stava per sfumare proprio negli ultimi istanti di gara: nella finale contro l’uzbeko Ikhtiyor Navruzov, l’azzurro si è trovato sotto per 3-2 dopo aver condotto 2-1; ma, con una reazione che ha scatenato l’entusiasmo del pubblico dell’Orleans Arena, è riuscito a mettere a segno i due punti della vittoria (4-3) quando mancavano pochi secondi al termine.

Gioia pura e adesso il tifo è tutto per Aron Caneva, fratello minore di Dalma, anche lui in gara ai Mondiali nella categoria 86 kg.