Nuova rivoluzione di Papa Francesco, apre Castel Gandolfo

Pubblicato il 11 settembre 2015 da redazione

Il treno Papale durante la visita di presentazione del nuovo collegamento turistico dalla Stazione Vaticana a Castel Gandolfo. Vaticano (Roma) 11 settembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

Il treno Papale durante la visita di presentazione del nuovo collegamento turistico dalla Stazione Vaticana a Castel Gandolfo. Vaticano (Roma) 11 settembre 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

CITTA’ DEL VATICANO/CASTEL GANDOLFO. – Ennesima ‘rivoluzione’ targata Francesco: Castel Gandolfo apre ai turisti. I primi trecento arriveranno domani con il treno direttamente dalla stazione interna al Vaticano. “Io a Castel Gandolfo non vado perché ho troppe cose da fare a Roma. Ma non voglio che queste ricchezze, queste bellezze, restino chiuse. Provvedete ad aprire le ville pontificie”: così il Papa – ha raccontato il direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci – ha dato disposizione ai suoi collaboratori affinché le stanze ‘segrete’ della residenza pontifica ai Castelli potessero aprirsi al pubblico.

“Un Papa che ha rinunciato alla sua residenza estiva per aprirla alla gente è un segno dei tempi”, commenta Paolucci. “Penso all’emozione e allo stupore – aggiunge – ma anche alla gratitudine che ciascuno dei visitatori proverà per questo imprevisto regalo del Papa”. Si potrà arrivare in treno, un mezzo popolare, secondo lo stile Francesco, e i turisti interessati potranno accedere direttamente dalla stazione dello Stato più piccolo del mondo. E in una sorta di ‘anteprima’ dalle rotaie pontificie è partito lo storico treno a vapore che portò nel 1964 Giovanni XXIII a Loreto, alla vigilia del Concilio Vaticano II.

Invece un treno moderno, meno suggestivo ma più comodo, porterà i primi turisti che hanno prenotato. “Siamo, come si dice in questi casi, in overbooking”, dice con una battuta monsignor Paolo Nicolini, delegato per i settori amministrativo-gestionali dei Musei Vaticani. E’ infatti già tutto esaurito non solo per domani ma per i prossimi tre sabati (queste visite al momento si faranno una volta a settimana).

Soddisfazione anche da parte delle Ferrovie che hanno inaugurato la tratta internazionale più piccola del mondo. Se infatti il treno è stato qualche volta utilizzato dai Papi, mai c’è stato un collegamento stabile che partisse da dentro la stazione vaticana. “Nei nostri centodieci anni di storia – ha commentato l’ad di Fs, Michele Mario Elia – abbiamo accompagnato diversi pontefici in giro per l’Italia, con veri e propri bagni di folla nelle stazioni e lungo le linee. Siamo felici di mettere il nostro know how e la nostra esperienza a disposizione di questa nuova iniziativa”.

Progetto che, tra l’altro, debutta proprio alla vigilia del Giubileo e che quindi conta di riscuotere un interesse di rilievo. Diversi i pacchetti messi a disposizione dei turisti, dal più economico di 16 euro al biglietto ‘full’ di 40 euro che consentirà in una sola giornata di vedere i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, i giardini, per poi prendere il trenino verso la Villa pontificia di Castel Gandolfo. Sconti famiglia e richiesti abiti decorosi.

Se da circa un anno erano già visitabili i giardini Barberini, ora l’accesso è a quelle stanze che fino ad oggi erano riservate al Papa e ai suoi più stretti collaboratori. E allora, salendo gli scaloni, si arriva finanche dietro al piccolo balcone da dove i Papi hanno recitato gli Angelus. Una galleria di ritratti ‘racconta’ i pontefici dal 1500 ad oggi. Ma il pubblico vedrà anche cimeli di altro genere: troni pontifici, antiche divise delle guardie del Papa, e le “pantofole”, tra cui una rossa damascata indossata da San Pio V.

All’esterno una vecchia Bmw, targata Scv1 che san Giovanni Paolo II usava per i suoi spostamenti interni alla residenza di Castel Gandolfo. “Abbiamo molta fiducia – dice il direttore delle Ville pontificie, Osvaldo Gianoli – che questa proposta possa incontrare il favore del pubblico. Si tratta di luoghi che sono stati chiusi per secoli”.

Poi il giro nella ‘Versailles’ dei Papi, l’immenso parco ricco di ulivi ma anche sculture floreali. Fino alla fattoria da dove ogni giorno partono uova fresche e yogurt bio per la dispensa di Casa Santa Marta. Tirano un sospiro di sollievo anche le amministrazioni locali (Castel Gandolfo e Albano), che senza Francesco erano rimaste in una sorta di “sede vacante”. Senza il Papa il turismo era molto calato ma da domani l’afflusso riprenderà e sarà, per la prima volta nella storia, costante.

(di Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora