Juve un punto e fischi, 1-1 di rigore col Chievo

Pubblicato il 12 settembre 2015 da redazione

Paulo Dybala of Juventus (R) celebrates after scoring a penalty against Chievo during Italian Serie A soccer match at the Juventus Stadium between Juventus and Chievo, Turin, 12 September 2015. ANSA/DI MARCO

Paulo Dybala of Juventus (R) celebrates after scoring a penalty against Chievo during Italian Serie A soccer match at the Juventus Stadium between Juventus and Chievo, Turin, 12 September 2015. ANSA/DI MARCO

TORINO. – Un rigore a 7′ dalla fine evita alla Juventus la terza sconfitta consecutiva. Ma contro un Chievo Verona fino a quel momento meritatamente in vantaggio di buono c’è soltanto il primo punto in campionato, accolto dai fischi dei tifosi in uno Stadium orfano della Curva Sud squalificata. Se per mister Allegri il campionato dei bianconeri doveva iniziare oggi, è iniziato malino. E la prestazione non fa ben sperare in vista dell’esordio in Champions League, martedì col Manchester City.

C’è tanto lavoro da fare per la Juventus, appena due gol nelle prime tre partite e un gioco che fatica a decollare. La squadra che fino a pochi mesi fa dominava l’Italia in lungo e in largo sembra essere ormai confinata alla storia. Al suo posto una formazione ancora priva di identità, e di gioco, che costringe mister Allegri a cambiare moduli e protagonisti. Ma sempre con lo stesso (scarso) risultato. A complicare i piani di mister Allegri, che al fischio d’inizio lascia in panchina Pogba, ritrova Marchisio a centrocampo e fa debuttare i brasiliani Alex Sandro ed Hernanes, il gol a freddo di Hetemaj. Il finlandese, che non segnava dall’aprile 2011, infila capitan Buffon dalla distanza dopo solo 5′, legittimando il primo posto in classifica e mandando in affanno i padroni di casa.

La reazione c’è, prima con Hernanes che da fuori area costringe Bizzarri alla paratona, poi due volte con Pereyra e con Dybala. La Juve attacca, ma là davanti l’intesa tra l’argentino e Morata deve ancora arrivare e il centrocampo non fa molto per aiutarli con Marchisio ancora lontano dal far rimpiagere Pirlo. L’unica nota lieta è Alex Sandro sulla sinistra, ma le sue cavalcate non creano veri pericoli alla squadra di Maran, che si difende con ordine, corre, spezza il gioco e riparte bene.

Tocca allora a Buffon prendere per mano la Juventus: all’intervallo il capitano zittisce i fischi – “abbiamo bisogno di voi” – poi rientra in campo e dopo 6′ salva il risultato con una paratona su Cesar. In campo, tra i bianconeri, c’è Pogba al posto di Marchisio, con Hernanes che fa il regista. Al 12′ è il palo a negare il pareggio a Pereyra. Un lampo nel buio. Al 17′ il grande brivido: Cesar segna in mischia e gela di nuovo lo Stadium, ma l’arbitro annulla per una trattenuta su Bonucci. Dopo venti minuti entra anche Cuadrado ed è la mossa che ravviva la Juve, mentre nel Chievo c’è spazio per l’ex Pepe (applauditissimo).

Il modulo è ora il 3-5-2 e la Juventus attacca a testa bassa. Il rigore del pari arriva grazie ad un affondo del colombiano, che trova la gamba di Cesar e, tra le proteste dei giocatori del Chievo, il fischio dell’arbitro. Sul dischetto Dybala, fino a quel momento insufficiente, non sbaglia. La Juventus tira così un sospiro di sollievo e si consola muovendo (poco) la classifica contro un Chievo bravo a capitalizzare il vantaggio iniziale che può recriminare qualcosa.

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora