Bindi, non negare camorra è primo atto per combatterla

(ANSA) – NAPOLI, 15 SET – “Se qualcuno si è offeso non posso chiedere scusa perché ne sono convinta. Non ho mai parlato di dna. Credo che le camorre siano un elemento costitutivo della storia e della sociologia di questa città e di questa ragione così come le mafie sono elementi costituivi della storia, della sociologia e dell’economia italiana. Prenderne consapevolezza, non negarlo è il primo atto per combatterle”. Così Rosy Bindi commenta le reazioni a quanto detto ieri a Napoli.

Condividi: