Mafia: voto scambio, Roberti, bene la riforma del 2014

(ANSA) ROMA, 16 SET – “Tutti abbiamo interesse al buon funzionamento del 416 ter” il reato di voto di scambio: così il procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti. “La giurisprudenza – ha detto Roberti – ha lavorato: si sono formate due scuole di pensiero, quella che fa capo alla cosiddetta sentenza Polizzi del maggio 2014 e quella che fa capo alla sentenza Antinoro del giugno 2014. Il confitto tra queste due sentenze è più apparente che sostanziale”.

Condividi: