Chi avrà il coraggio di raccogliere la sfida?

Pubblicato il 16 settembre 2015 da Mauro Bafile

E’ accaduto negli Stati Uniti, in Argentina, in Brasile. Insomma, un po’ ovunque. Ed è parte dell’evoluzione della società, del Paese in cui si vive. Si voglia o no, è il prodotto degli anni che trascorrono inesorabilmente. Il Venezuela non ne è immune. Neanche la nostra comunità. Questa, infatti, non è più la stessa che arrivò oltre mezzo secolo fa in bastimenti stracolmi di nostalgia, amarezza e speranza; quella che con tanti sacrifici ha costruito aziende di successo e ha partecipato attivamente allo sviluppo culturale del Paese. Chi non ricorda il professore Edoardo Crema, il maestro Primo Casale o l’artista Giorgio Gori? E chi non ha visto almeno un’opera di teatro diretta da Antonio Costante?

Oggi la nostra Collettività è assai diversa. I pionieri poco a poco ci stanno lasciando e il loro posto è occupato man, mano da una generazione che si è formata nelle migliori università del mondo: a Roma, a Torino, a Parigi, a Londra, a Berlino, a Boston, a New York. Insomma, è una generazione con un valore culturale aggiunto, una ricchezza incommensurabile per il Paese. Ed è una generazione che partecipa attivamente alla vita politica, economica, sociale e culturale del Paese. E’ abituata a raccogliere le sfide, a non indietreggiare di fronte alle difficoltà. Ne ha dato esempio recentemente quando, nonostante la crisi economica, la precarietà politica e la crescente insicurezza è riuscita a organizzare i “Giochi Fedeciv”, una vera e propria Olimpiade che ci ha fatto dimenticare per alcuni giorni i problemi della quotidianità, che non sono certo pochi.

Ora la sfida per la nostra Collettività è un’altra: riscattare la Scuola Agustìn Codazzi, da sempre orgoglio degli italo-venezuelani. Lo abbiamo scritto in altre occasioni senza che mai l’attuale Giunta Direttiva o chi per lei provasse a smentirci: la nostra scuola è in crisi. E’ una crisi che, lo sappiamo, coinvolge tutti gli istituti privati del Paese. Il nostro non poteva esserne immune.

L’amministrazione del nostro istituto scolastico, per quanto meticolosa e oculata possa essere, risente evidentemente della crisi economica nazionale, dei provvedimenti presi dal Ministero “ad hoc” e della crescita delle spese alle quali non corrisponde un incremento proporzionale delle entrate. I miracoli non durano a lungo. E se non si corre ai ripari, con poche classi e sempre meno alunni è probabile che la nostra scuola, suo malgrado, debba chiudere i battenti.

Crediamo sia giunto il momento di intraprendere iniziative per riscattare la Nostra Scuola. Esempi di come poterla trasformare ve ne sono tanti, in Venezuela e all’estero. Altri istituti hanno già intrapreso iniziative che si sono dimostrate vincenti. Che dire di “La Scuola d’Italia Guglielmo Marconi” di New York? Recentemente in conversazione con il nostro Giornale la professoressa Maria Palandra, “Scholl Rector” di “La Scuola d’Italia”, ha spiegato come, grazie anche alla passione e l’impegno del ‘chairman’ del “Board of Trustees”, Stefano Acunto, sono riusciti a trasformarla, integrando il programma di studio italiano con quello americano in lingua inglese. E ora, con un nuovo “Edificio Sede”, che sarà inaugurato prossimamente, stimano per i prossimi anni un incremento progressivo degli alunni. Lo stesso ha fatto in Venezuela, con altrettanto successo, la “Unidad Educativa Escuela Humboldt”. E’ questa una proposta; una proposta che permetterebbe ai giovani di avere una più ampia e completa preparazione culturale e alla nostra Scuola un numero crescente di alunni. Idee, progetti, suggerimenti ve ne possono essere tanti. E tutti devono essere analizzati con meticolosa accuratezza; con la mente scevra da pregiudizi o atteggiamenti preconcetti.

Non entriamo nel merito della passività e dell’arroganza, come alcuni l’hanno catalogata, con cui l’attuale Giunta Direttiva sta affrontando la nuova realtà. Non crediamo sia questo il momento. Lo è, invece, per agire insieme. Si è riusciti a organizzare i ‘Giochi Fedeciv’, un’imponente manifestazione sportiva unica nel Paese. Nessuno pensava fosse possibile. Perché, oggi, non intervenire e contribuire al riscatto della nostra Scuola?

Le nostre istituzioni – leggasi Comites, Centri Italiani e Case d’Italia e Camera di Commercio, solo per nominarne alcune – hanno il dovere di aiutare la nostra scuola a superare la crisi. Non possono permettere che chiuda un’istituzione da sempre fiore all’occhiello della comunità. Dal canto loro, le istituzioni italiane in Venezuela – leggasi Ambasciata, Consolato, Istituto Italiano di Cultura – hanno la possibilità di contribuire a mantenere vivo un sogno; un sogno legato alle nostre origini, alla nostra lingua, alla nostra cultura.
Chi avrà il coraggio di raccogliere la sfida?

Mauro Bafile

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora