Papa a Cuba: non serviamo le ideologie ma le persone

Pubblicato il 20 settembre 2015 da redazione

Pope Francis and Cuba's Fidel Castro shakes hands, in Havana, Cuba, Sunday, Sept. 20, 2015. The Vatican described the 40-minute meeting at Castro's residence as informal and familial, with an exchange of books. (ANSA/AP Photo/Alex Castro)

Pope Francis and Cuba’s Fidel Castro shakes hands, in Havana, Cuba, Sunday, Sept. 20, 2015. The Vatican described the 40-minute meeting at Castro’s residence as informal and familial, with an exchange of books. (ANSA/AP Photo/Alex Castro)

L’AVANA. – Non si servono le ideologie, ma le persone. In un luogo altamente simbolico per Cuba come la Plaza de la Revolución, gremita per la messa del Papa da una folla di oltre mezzo milione di persone, Francesco ha rinnovato il suo richiamo a “prendersi cura” degli ultimi, ma con una connotazione particolare per l’isola comunista. Il “servizio” agli altri, da lui invocato nell’omelia, “non è mai ideologico – ha sottolineato -, dal momento che non serve idee, ma persone”.

Dopo la messa Francesco ha incontrato Fidel Castro, nella residenza dell’anziano leader della rivoluzione cubana. L’incontro è durati 40 minuti ed è terminato con uno scambio di libri in dono.

All’ombra dei grandi ritratti murali di Che Guevara e dell’altro leader rivoluzionario Camilo Cienfuegos – il Papa invece compare con un’immagine in cui è ritratta anche Madre Teresa e con la scritta “Misionero de la misericordia” – e nella stessa piazza in cui celebrarono Giovanni Paolo II nel 1998 e Benedetto XVI nel 2012, Francesco ha incentrato tutta la sua omelia sull’attenzione verso la parte più “fragile” della società. Evitando sempre che gli altri diventino uno strumento.

“Chi vuole essere grande, serva gli altri, e non si serva degli altri!”, dice chiaramente, mentre “la vita autentica si vive nell’impegno concreto con il prossimo”. Per il Pontefice, inoltre, “servire significa, in gran parte, avere cura della fragilità”. “Avere cura di coloro che sono fragili nelle nostre famiglie, nella nostra società, nel nostro popolo – è la sua esortazione -. Sono i volti sofferenti, indifesi e afflitti che Gesù propone di guardare e invita concretamente ad amare. Amore che si concretizza in azioni e decisioni. Amore che si manifesta nei differenti compiti che come cittadini siamo chiamati a svolgere”.

E questo perché, secondo Francesco, “essere cristiano comporta servire la dignità dei fratelli, lottare per la dignità dei fratelli e vivere per la dignità dei fratelli”. Il cristiano, in altre parole, “è sempre invitato a mettere da parte le sue esigenze, aspettative, i suoi desideri di onnipotenza davanti allo sguardo concreto dei più fragili”. Per il Papa – questo un suo forte richiamo -, “la grandezza di un popolo, di una nazione; la grandezza di una persona si basa sempre su come serve la fragilità dei suoi fratelli”.

Ad ascoltare Francesco, in prima fila tra la folla dei fedeli, oltre al presidente Raul Castro, che il Papa incontrerà poi al Palazzo della Presidenza, anche la presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner, con cui scambia una cordiale stretta di mano a fine messa. E dopo il saluto finale del cardinale dell’Avana Jaime Ortega (unico arcivescovo di una capitale ad aver ricevuto tre Papi) che ringrazia Bergoglio per aver favorito la distensione con gli Stati Uniti e fa appello anche alla riconciliazione tra tutti i cubani, quelli che stanno nell’isola e gli altri fuori dai suoi confini, all’Angelus Francesco esorta a “vedere Gesù in ogni uomo sfinito sulla strada della vita; in ogni fratello affamato o assetato, che è spogliato o in carcere o malato”.

E soprattutto, dopo le voci della vigilia su un suo possibile incontro con rappresentanti delle Farc presenti a Cuba, pronuncia un forte appello per la pacificazione in Colombia. “Che il sangue versato da migliaia di innocenti durante tanti decenni di conflitto armato, unito a quello di Gesù Cristo sulla Croce, sostenga tutti gli sforzi che si stanno facendo, anche in questa bella Isola, per una definitiva riconciliazione”, dice il Pontefice. “Per favore – aggiunge -, non possiamo permetterci un altro fallimento in questo cammino di pace e riconciliazione”. E su questo ringrazia espressamente Raul Castro per aver promosso e ospitato il negoziato: “Grazie a lei, signor presidente, per tutto ciò che fa in questo lavoro di riconciliazione”.

(dell’inviato Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora