Arabia Saudita: Ong, manifestante sarà decapitato e crocefisso

Protesters stand in front of a placard reading '1,000 lashes and 10 years of prison for a blogger' and 'Freedom of speech is a human right' which they placed in front of the Saudi-Arabian embassy in Berlin,??Germany, 22??May 2015. ANSA/PAUL ZINKEN
Protesters stand in front of a placard reading '1,000 lashes and 10 years of prison for a blogger' and 'Freedom of speech is a human right' which they placed in front of the Saudi-Arabian embassy in Berlin,??Germany, 22??May 2015.     ANSA/PAUL ZINKEN
Protesters stand in front of a placard reading ‘1,000 lashes and 10 years of prison for a blogger’ and ‘Freedom of speech is a human right’ which they placed in front of the Saudi-Arabian embassy in Berlin,??Germany, 22??May 2015. ANSA/PAUL ZINKEN

ROMA. – Un ragazzo di 21 anni, colpevole di aver partecipato ad una protesta contro il Regno di Riad quando era ancora minorenne, verrà decapitato in Arabia Saudita e il suo corpo sarà crocefisso ed esposto in pubblico.

Lo riferiscono attivisti sauditi e l’Ong britannica Reprieve che si batte contro la pena di morte.

Ali Mohammed al-Nimr, questo il nome del giovane, fu arrestato a diciassette anni nel 2012 durante una manifestazione di sciiti a Qatif, nella provincia orientale saudita, e fu accusato di vari crimini tra cui di far parte di un’organizzazione terroristica.