Renzi avverte Grasso e rilancia alla minoranza

Pubblicato il 21 settembre 2015 da redazione

Il premier Matteo Renzi parla alla direzione nazionale del Partito Democratico. Roma, 21 settembre 2015. ANSA/ FERMO IMMAGINE DA YOUDEM

Il premier Matteo Renzi parla alla direzione nazionale del Partito Democratico.
Roma, 21 settembre 2015. ANSA/ FERMO IMMAGINE DA YOUDEM

ROMA. – L’emendamento al comma 5 dell’art.2 è ancora da scrivere. E la minoranza non ha partecipato in direzione al voto sulla relazione di Matteo Renzi, passata all’unanimità, in coerenza con il principio che sulla Costituzione non vale la disciplina di partito. Ma la trattativa sul ddl Boschi resta aperta: il leader Pd rilancia sul modello della legge Tatarella per la scelta dei senatori e Pier Luigi Bersani, che alla riunione ha preferito la festa del Pd di Modena, parla di “un’apertura significativa”. Ma sull’esito della riforma pesa anche la scelta del presidente Pietro Grasso al quale il premier manda un nuovo avviso: “Se riaprisse sull’art.2 sarebbe un fatto inaudito”.

Chi si aspettava uno show down in direzione resta deluso così come, per i rapporti di forza usciti dal congresso, era scontata la schiacciante maggioranza a favore della proposta di Renzi. Ma d’altra parte l’obiettivo del leader Pd non è mettere all’angolo la sinistra ma portare a casa il risultato della riforma costituzionale. Un altro tassello, per il premier, di un percorso niente affatto scontato prima del suo arrivo al governo: “Un anno e mezzo fa la legislatura era alla fine. Noi abbiamo fatto una mossa ardita, come i giapponesi nella partita del rugby contro il Sudafrica, e c’è stata la svolta”.

Dopo giorni altalenanti tra avvicinamenti e allontanamenti sul nodo delle riforme, la direzione si riunisce al buio, senza contatti preventivi per concordare un punto di caduta. Pier Luigi Bersani preferisce non partecipare alla direzione e la minoranza fino all’ultimo avrebbe voluto evitare il voto finale. Ma Renzi vuole mettere nero su bianco gli equilibri del congresso e segnare i confini di un’eventuale accordo. “Se si vuole discutere nel merito va bene, noi cerchiamo il consenso più ampio, ma se dietro si cela un rilancio continuo si sappia che non accettiamo diktat”, è la premessa del premier il quale ribadisce che “l’elezione diretta dei futuri senatori non può sussistere” ma che “le soluzioni tecniche, un punto di intesa si può trovare”.

Il leader Pd non ha alcuna intenzione di riaprire il “vaso di Pandora” degli emendamenti. Ma per chiudere entro il 15 ottobre la riforma al Senato ha due scogli da superare: la minoranza dem e la decisione del presidente di Palazzo Madama sull’emendabilità dell’art.2. Due partite separate ma che si intrecciano.

A Grasso, senza giri di parole, il premier fa sapere che prendere decisioni diverse da quanto votato in doppia lettura conforme “sarebbe un fatto inedito” che spingerebbe i gruppi del Pd a riunirsi alla Camera e al Senato per decidere come reagire alla scelta. Alla sinistra, invece, pur non cedendo sull’elettività, avanza una nuova ipotesi di mediazione: l’elezione indiretta come quella usata nel ’95 con la legge regionale ispirata da Tatarella. “Siamo ad un passo, non ci facciamo fermare dai dettagli – chiede il premier – ma l’idea che il Pd stia a discutere in una sfibrante dialettica interna sull’ emendamento X o Y è riduttivo e frustrante per nostri militanti e volontari”.

La minoranza, da Gianni Cuperlo a Alfredo D’Attorre, alla fine apprezza l’apertura sul ddl Boschi anche se nel corso della riunione restano le distanze su molti temi, dagli effetti del jobs act alla Buona Scuola, dalle priorità per la legge di stabilità fino alla lettura del blairismo, un “disastro” per i bersaniani, un modello di sinistra vincente per Renzi. Ma se le distanze resteranno tali o saranno colmate, almeno sulla riforma costituzionale, si vedrà solo nei prossimi giorni. Certo, dalle elezioni greche e dalla sconfitta di Varoufakis, il leader dem trae una lezione: “Chi di scissioni ferisce, di scissioni perisce…Anche sto Varoufakis se lo semo tolti di mezzo”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

17:28Biotestamento: arcivescovo Torino, diritto vita prioritario

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "Gli anziani, le persone malate vanno difese e tutelate nei loro diritti e quello della vita è prioritario. Invece nel nuovo quadro normativo si aprono prospettive pericolose e inquietanti anche sui rischi di abusi sulla vita, motivati dai 'costi' di mantenimento delle persone malate". L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, esprime "apprezzamento" a don Carmine Arice, padre generale del Cottolengo, che ha annunciato l'intenzione di non applicare le disposizioni anticipate di trattamento per il fine vita. "Di fronte ad una richiesta di morte, la nostra struttura non può rispondere positivamente", ha spiegato don Arice, ricevendo il plauso dell'arcivescovo di Torino, che invita comunità religiose, istituzioni, associazioni e tutti i volontari del mondo sanitario e assistenziale della diocesi "ad avere il coraggio di fare scelte di coerenza morale e di testimonianza anche andando controcorrente". Un dovere, conclude, affinché "i valori della vita abbiano peno riconoscimento".(ANSA).

17:25Calcio: Kakà ha deciso, si ritira ma non torna al Milan

(ANSA) - SAN PAOLO, 16 DIC - Doccia fredda per i tifosi del San Paolo: Ricardo Kakà ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica e quindi di non accettare l'offerta del club 'tricolor', della cui tifoseria è uno degli idoli, di giocare per un anno nella squadra che lo ha lanciato. Kakà infatti, secondo quanto riporta il sito brasiliano 'Uol Esporte', ha confidato a persone a lui molto vicine di aver deciso di smettere, per dedicarsi agli studi e capire se può avere un futuro da dirigente. L'ex Pallone d'oro ha anche confermato di aver ricevuto una proposta dal Milan per fare il dirigente della società rossonera, ma di non essere orientato ad accettarla, almeno per ora. "Non è nel mio futuro immediato", avrebbe spiegato Kakà parlando del Milan. Di recente un altro idolo della torcida 'saopaulina', ovvero Raì, ha accettato una carica dirigenziale all'interno del club, e Kakà potrebbe essere il prossimo, mentre Lugano entrerà a far parte dello staff tecnico.

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

Archivio Ultima ora