Prove d’intesa Lega-Fi, Salvini apre ma fissa paletti

Pubblicato il 21 settembre 2015 da redazione

salvini-berlusconi-ape

ROMA. – L’incontro tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi ci sarà. A ripeterlo sono i fedelissimi del Cavaliere e del segretario della Lega. Ma, nonostante ancora non ci sia una data fissata (qualcuno parla anche di questa settimana) le aperture del leader leghista ad un accordo con Forza Italia fatte oggi sul Corriere lasciano ben sperare gli azzurri. “La strada è quella giusta”, sottolineano i fedelissimi del leader Fi che però scelgono la cautela consapevoli che il percorso per arrivare ad un’intesa che possa costituire la base per la ricomposizione del centrodestra è in realtà ancora lunga.

A smorzare gli entusiasmi infatti è lo stesso leader del Carroccio che, pur aprendo la strada ad un’intesa, fissa precise condizioni: “Io gli accordi li faccio se c’e’ un programma serio, guarda in Veneto con Luca Zaia, guarda in Lombardia con Roberto Maroni, altrimenti vado da solo come ho fatto in Toscana, nelle Marche. Non sono disposto a fare accordi a qualunque costo”. Al di là dei programmi infatti ci sono diverse questioni da dover ancora chiarire: il capitolo sulla futura leadership del centrodestra – ad esempio – non è stato mai affrontato così come è ancora tutto da sciogliere il nodo legato ai rapporti con i centristi di Angelino Alfano: Io – attacca Salvini – con Alfano, uno che preferisce la poltrona ai cittadini, non avrò mai nulla a che fare”.

La convinzione di tutti, Berlusconi per primo, è che alla fine Lega e Forza Italia troveranno un’intesa a partire dalle prossime elezioni amministrative che vedono tra le città chiamate al voto anche il comune di Milano. Nella rosa dei candidati resta in pole Paolo del Debbio, nome sponsorizzato dal leader del Carroccio e su cui anche gli azzurri sarebbero d’accordo: Ora sta a lui decidere, dicono da Fi anche se il giornalista Mediaset non è l’unico nome su cui si sta ragionando.

In settimana è in programma una nuova riunione dei coordinatori di Forza Italia con l’intento di entrare nel vivo delle scelte e arrivare poi al tavolo con gli alleati, Lega per prima, con nomi e punti programmatici su cui poter convergere. “Di fronte ad un Pd che tiene immobilizzato il Paese il centrodestra ha il dovere di un proporre agli elettori un progetto coeso”, spiega il senatore azzurro Andrea Mandelli.

Chi non ha dubbi è poi Giovanni Toti, consigliere di Forza Italia e governatore della Liguria: “L’accordo tra Forza Italia e Lega non solo si può, ma di deve fare. Gli accordi ci sono – spiega – basta sedersi attorno a un tavolo, trovare le persone giuste, e poi qualche dispiacere al Pd lo si può dare a cominciare dalle prossime amministrative”.

(di Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora