Papa: Negli Stati Uniti da figlio di emigranti

Pubblicato il 23 settembre 2015 da redazione

papa-casa blanca

WASHINGTON. – Papa Francesco si presenta alla Casa Bianca come “figlio di una famiglia di emigranti”, “lieto di essere ospite di questa Nazione, che in gran parte fu edificata da famiglie simili”. Già nelle sue prime parole, nella cerimonia allestitagli davanti al presidente Barack Obama con gli onori militari e le fanfare, Bergoglio ricorda all’America la propria storia di Paese di emigranti. Richiamando così, con una nota della sua stessa biografia, la necessità e l’utilità dell’accoglienza.

“Grazie per il grande dono della speranza”, gli dice Obama nel South Lawn della Casa Bianca, davanti a 15 mila persone che non lesinano gli applausi, mentre le bandiere a stelle e strisce e del Vaticano sventolano affiancate. Un grazie, quello del presidente Usa, “non solo per il ruolo, ma per le qualità uniche come persona. Nella umiltà, semplicità, nella dolcezza delle parole e la generosità dello spirito vediamo in lei un esempio vivente degli insegnamenti di Gesù”. “Voi ci ricordate dei costi della guerra, in particolare sui deboli e ci spingete verso l’imperativo della pace”, aggiunge. “Benvenuto alla Casa Bianca. Il nostro giardino non è mai stato così affollato”, scherza Obama dopo aver accolto, insieme alla first lady Michelle, papa Francesco arrivato alla Casa Bianca sulla Fiat 500L che in questi giorni americani alterna alla “papamobile” aperta.

“Ma la misura e lo spirito di questa riunione è solo una piccola dimostrazione dei 70 milioni di cattolici americani e il modo in cui il vostro messaggio di amore e speranza ha ispirato così tante persone intorno al mondo. E’ un onore e un privilegio darle il benvenuto in Usa”. Obama non manca di ringraziare anche Bergoglio “per l’impagabile sostegno dato al nostro ‘nuovo inizio’ con il popolo cubano”.

Ma una particolare sintonia tra i due, rimasti poi a colloquio nello Studio Ovale per oltre mezz’ora, si respira in particolare sul tema della lotta al riscaldamento globale. “Santità, voi ci ricordate che abbiamo un obbligo sacro di proteggere il pianeta, dono magnifico di Dio”, dice il presidente, dichiarando si appoggiare l’appello del Papa “a tutti i leader mondiali per sostenere le comunità più vulnerabili al cambiamento climatico”.

E Francesco – nel suo primo discorso in inglese – sulla base della sua “Laudato si'” apprezza apertamente l’iniziativa di Obama “per la riduzione dell’inquinamento dell’aria”, perché “il cambiamento climatico è un problema che non può più essere lasciato ad una generazione futura”, e perché la cura della “casa comune” esige “un riconoscimento serio e responsabile del tipo di mondo che possiamo lasciare non solo ai nostri figli, ma anche ai milioni di persone sottoposte ad un sistema che le ha trascurate”. E su questo tema cita anche Martin Luther King e il suo celebre discorso “I have a dream”: “siamo stati inadempienti in alcuni impegni, ed ora è giunto il momento di onorarli”. Il Papa richiama anche alla difesa della libertà religiosa “da qualsiasi cosa la possa mettere in pericolo o compromettere” e a sostenere “gli sforzi della comunità internazionale per proteggere i più deboli nel nostro mondo”. E la sua chiusa è davvero a stelle e strisce: “God bless America!”.

La visita al presidente è l’apertura dei cinque giorni pieni che Francesco trascorrerà in terra Usa. A Washington, tra imponenti misure di sicurezza, la folla lo acclama con ovazioni e sventolii di bandierine al suo passaggio sulla ‘jeep’ bianca. Nell’incontro in cattedrale con gli oltre 400 vescovi americani forte è il suo richiamo all’unità e al superamento delle divisioni nella Chiesa, mentre sullo scandalo della pedofilia, che negli anni passati ha travolto le diocesi Usa, l’appello è a “continuare a operare affinché tali crimini non si ripetano mai più”. E in attesa della storica visita al Congresso, primo Papa al Parlamento americano, la discussa canonizzazione del missionario spagnolo padre Junipero Serra, evangelizzatore della California nel 18/mo secolo, contestata dai nativi americani.

(Fausto Gasparroni/Ansa)

Ultima ora

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

12:23Skinheads:movimento Dodici Raggi,in rete foto manifestazione

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Eccoci! Ci accusavate di agire la notte...ma il San Martino è nostro dall'alba al tramonto. Ci troverete sempre qui, oggi come allora!": sono le parole scritte dai militanti della Comunità Militante dei Dodici Raggi per accompagnare le foto della manifestazione organizzata lo scorso 18 novembre sul Monte San Martino di Duno (Varese), poco lontano dal Sacrario eretto in memoria dei caduti partigiani, per ricordare i morti dell'esercito tedesco. Manifestazione per cui, insieme ad altri episodi, alcuni militanti ora sono sotto indagine. Sul loro sito i "ragazzi con il bomber nero" come si definiscono, ricostruiscono la storia dei Varese Skinheads, nati nel 1993: "L'impronta da subito inconfutabilmente - scrivono - è quella di ispirazione nazionalsocialista e di matrice pagana". Raccontano dei periodi più duri, "come quelli degli allontanamenti di membri più o meno importanti e quelli delle prime carcerazioni, anche con accuse molto gravi". "Guai giudiziari, che ad oggi - si legge sul sito - hanno portato alla carcerazione di sei membri del gruppo e l'incriminazione per vari reati di quasi tutti gli altri". Poi cinque anni fa "dall'unione con gli ultras 7LAGHI nasce la COMUNITA' MILITANTE DEI DODICI RAGGI con l'apertura di un fight-club e di una sede, base logistica per le attività dei due gruppi. Il territorio di influenza della nostra scena - ammettono - è sempre stato molto limitato. Le città più grandi della provincia, Busto Arsizio, Tradate, Saronno, Gallarate gravitano nell'orbita di altre realtà o ne hanno una propria, il che fa di Varese qualcosa al di fuori del comune, se non altro per la dimensione".

12:19Austria: esplosione impianto gas, feriti e un morto

(ANSA) - BERLINO, 12 DIC - In un'esplosione in un impianto di distribuzione di gas a Baumgarten an der March, in Austria, decine di persone sono rimaste ferite e almeno una persona ha perso la vita. Lo scrivono i media austriaci. Il giornale der Standard, nella sua edizione online, parla di 60 feriti. Secondo l'Apa, che cita la Croce rossa, i feriti sarebbero 18, e ci sarebbe una vittima. Le cause dell'esplosione non sono ancora chiare.

Archivio Ultima ora