Scontro Renzi e Ue, su tasse non decidono euroburocrati

Pubblicato il 28 settembre 2015 da redazione

Il premier Matteo Renzi al Clinton Global Initiative, l'evento organizzato ogni anno dalla fondazione della famiglia Clinton,  New York,  27 settembre 2015. ANSA/CHIGI PALACE PRESS OFFICE/TIBERIO BARCHIELLI

Il premier Matteo Renzi al Clinton Global Initiative, l’evento organizzato ogni anno dalla fondazione della famiglia Clinton, New York, 27 settembre 2015.
ANSA/CHIGI PALACE PRESS OFFICE/TIBERIO BARCHIELLI

BRUXELLES. – Spostare le tasse dal lavoro a casa e consumi. Bruxelles non cambia ricetta fiscale per l’Italia e gli altri paesi Ue, ma nemmeno il premier Matteo Renzi che torna alla carica e insiste: a decidere sarà il governo, e la tassa sulla prima casa verrà abolita con la legge di Stabilità.

E’ il rapporto annuale della Commissione Ue sulla fiscalità a riaccendere lo scontro, dove i tecnici di Bruxelles analizzano i trend fiscali dei 28 identificando debolezze e suggerimenti. Tra questi ultimi, anche l’eliminazione delle esenzioni Iva e una modifica dell’imposizione immobiliare, troppo alta sulle compravendite e bassa sulla proprietà.

“Quali tasse ridurre lo decidiamo noi, non un euroburocrate a Bruxelles”. E’ ‘tranchant’ Renzi da New York, sottolineando che “compito dell’Ue non è mettere bocca su quali scelte fiscali fa uno stato” e che questa “non deve decidere al posto dei singoli governi”. Anche perché il governo ha già deciso. “Confermo l’eliminazione nella legge di Stabilità della tassa sulla prima casa per tutti e per sempre”, ha rimesso in chiaro Renzi.

In ogni caso la valutazione di Bruxelles sarà fatta sul complesso della Legge di Stabilità, la cui bozza è attesa, insieme a quella degli altri stati membri, entro metà ottobre. E poi sulla base delle previsioni economiche d’autunno Ue. Da qui la precisazione giunta dalla Commissione Ue: “Non abbiamo ora un’analisi dettagliata del piano di riforma fiscale italiano, la faremo quando riceveremo la bozza del piano di bilancio”.

Il rapporto sulla fiscalità 2015, che non prende in conto gli ultimi annunci del governo, sottolinea che l’Italia come altri 15 Paesi ha “un peso fiscale relativamente alto sul lavoro, e ci sarebbe almeno un margine per spostare il peso fiscale a imposte meno distorsive, come quelle sui consumi, quelle ricorrenti sulla proprietà immobiliare e quelle sull’ambiente”.

Molti, Italia inclusa, hanno “il potenziale per finanziare lo slittamento aumentando le tasse meno dannose per la crescita”.

In particolare, sul fronte immobiliare, l’Italia come altri stati membri “ha tasse relativamente alte sulle compravendite immobiliari mentre le tasse annuali sulla proprietà non sono particolarmente alte”. Un sistema che di fatto, combinato a “una deducibilità relativamente generosa per gli interessi sui crediti ipotecari”, “continua a favorire l’accumulazione del debito”.

Secondo il rapporto, quindi, “c’è spazio per migliorare l’efficacia modificando la struttura tributaria”.

Altro nodo l’Iva, dove l’Italia ha un “gap significativamente più alto della media Ue”, sia per il gettito “molto al di sotto della media” che per la “scarsa conformità” alle norme amministrative per riscuoterla.

Di conseguenza per Bruxelles c’è un “particolare margine di manovra per migliorare l’efficienza del sistema Iva limitando l’uso di tassi ridotti e di esenzioni non obbligatorie”, in particolare nel settore tlc ed energetico.

Del resto già nelle raccomandazioni Ue adottate a luglio si chiedeva di “attuare la legge delega di riforma fiscale entro settembre 2015, con particolare riguardo alla revisione delle agevolazioni fiscali e dei valori catastali e alle misure per migliorare il rispetto della normativa tributaria”.

(Lucia Sali/Ansa)

Ultima ora

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

12:30Francia: scontro treno-scuolabus, bilancio sale 6 morti

(ANSA) - PARIGI, 15 DIC - Il bilancio della collisione tra un treno regionale e uno scuolabus a Milau, nel sud-ovest della Francia, sale a 6 morti. E' quanto rivela France Info precisando che altri due ragazzi oltre ai quattro annunciati ieri non ce l'hanno fatta. Entrambi avevano 11 anni.

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

11:36Litiga per 2 euro con gestore pompa benzina e appicca fuoco

(ANSA) - VITTORIA (RAGUSA), 15 DIC - Un 40enne di Vittoria ha appiccato le fiamme alla colonnina di un distributore di carburanti nella periferia della cittadina, non lontano dall'ospedale. L'allarme è stato dato al commissariato dai vigili del fuoco. Dietro al gesto ci sarebbe la lite avuta la sera prima col gestore del rifornimento per due euro. L'uomo, che è stato arrestato, aveva inserito soldi per comprare le sigarette, ma parte del denaro era rimasta bloccata e, nonostante il proprietario volesse ridargli i soldi, se ne era andato furibondo meditando la vendetta. Gli agenti sono risaliti all'autore dell'incendio esaminando le immagini registrate dall'impianto interno di videosorveglianza. Nelle riprese si vede il 40enne introdurre una banconota nel distributore, selezionare la pompa da utilizzare, estrarre la pistola e "irrorare" l'area circostante con la benzina, poi allontanarsi e appiccare il fuoco. Nella casa dell'arrestato, in lavatrice, sono stati trovati gli indumenti indossati dall'uomo nelle immagini. (ANSA).

11:28Sci: cdm, cancellata anche 2/a prova libera val d’Isere

(ANSA) - Val d'Isère (Francia), 15 dic - Come previsto anche la seconda prova cronometrata per la discesa di cdm donne di val D'Isere e' stata annullata per le abbondanti nevicate. Nella localita' francese domani e domenica erano in programma una discesa e un superG. Dopo l'annullamento delle due prove il programma prevede per domani un superG valido come recupero di quello non disputato per il maltempo una settimana a fa a St. Morizt. Poi la giuria decidera' le mosse successive. Tenendo conto che non si puo' disputare una discesa senza aver prima fatto almeno una prova cronometrata, e' probabile cosi' che domenica venga disputato almeno il superg originariamente previsto in Val d'Isère.

11:25Pedofilia: premier Australia,emersa tragedia nazionale

(ANSA) - CANBERRA, 15 DIC - Il rapporto della Commissione australiana d'inchiesta sulle risposte istituzionali sulla pedofilia "ha rivelato una tragedia nazionale. Ringrazio i membri della commissione e coloro che hanno avuto il coraggio di raccontare le loro storie". Così il premier australiano, Malcolm Turnbull, ha commentato i risultati dell'inchiesta che ha raccolto le deposizioni di oltre 15 mila persone e udito a porte chiuse oltre 8.000 vittime di abusi sessuali, in gran parte subiti in istituzioni religiose.

11:21Gentiloni, su migranti riconosciuta iniziativa Italia

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - Sulla migrazione "si è fatto un passo avanti soprattutto sulla dimensione esterna", "l'iniziativa italiana di questo anno è stata apprezzata in modo molto rilevante, ed è importante che lo sia dai leader dei Governi dei più diversi orientamenti e famiglie politiche, c'è un riconoscimento unanime dei passi fatti per la lotta contro i trafficanti di esseri umani". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni entrando al summit Ue.

Archivio Ultima ora