Giro d’Italia: da Olanda a Torino, nel 2016 con Nibali torna il Sud

Pubblicato il 05 ottobre 2015 da redazione

The winner of the 96th Giro d'Italia, Vincenzo Nibali of the Astana team, celebrates on the podium after the last stage from Riese Pio IX to Brescia , northern Italy, 2 6May 2013. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

The winner of the 96th Giro d’Italia, Vincenzo Nibali of the Astana team, celebrates on the podium after the last stage from Riese Pio IX to Brescia , northern Italy, 2 6May 2013. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

MILANO. – La partenza dall’Olanda, come nel 2010, l’arrivo a Torino, il ritorno del profondo sud e del Colle dell’Agnello. Le cronometro e il ricordo del terremoto del 1976, in Friuli. Ma soprattutto le salite: ce ne saranno tantissime.

Ecco il Giro d’Italia 2016, organizzato da Rcs Sport-La Gazzetta dello Sport, presentato all’Expo di Milano. Tremilatrecentottantatre chilometri di passione, sofferenza e gioia che, dal 6 al 29 maggio, coloreranno lo Stivale.

Il Giro che verrà è duro ed estremamente competitivo: scatterà dalla terra dei tulipani di venerdì, grazie a una speciale deroga dell’Uci, che ha concesso il terzo giorno di riposo – indispensabile per un trasferimento lunghissimo – e si concluderà nella città della Mole. Dopo le tre tappe oltreconfine, la ‘ripartenza’ dall’Italia martedì 10 maggio: da quel momento sarà grande battaglia da sud verso nord, sulla dorsale appenninica, per le strade .

A cronometro e in linea è un tracciato senza pause. Dopo la ‘tre giorni’ olandese, la prima sosta per il rientro in patria e il trasferimento nell’estremo sud, in Calabria, da dove la corsa risalirà. La 4/a frazione, da Catanzaro a Praia a Mare, è la prima nella Penisola. Il meridione, che era stato ‘tagliato’ quest’anno, torna così prepotentemente.

Il Giro d’Italia, tuttavia, resta orfano della Sicilia di Nibali e della Sardegna di Aru. Si arriva comunque a toccare la punta della Penisola, nell’attesa di un ulteriore ‘salto’ nella 100/a edizione 2017.

Il primo arrivo in salita è previsto all’Aremogna, sopra Roccaraso (L’Aquila). Rotto il ghiaccio, il Giro diventa durissimo, con un tracciato più che mai affascinante. Come la crono individuale nelle terre del Chianti (9/a tappa): da Radda a Greve (Firenze), poco più di 40 chilometri su un percorso suggestivo, da affrontare tutto d’un fiato.

Scalatori ancora protagonisti dopo il secondo giorno di riposo, il 17 maggio, nella Campi Bisenzio (Prato)-Sestola (Modena). Da Palmanova a Cividale verranno affrontati cinque passi, fra i quali il Montemaggiore: si correrà nel ricordo delle vittime del terremoto che sconvolse il Friuli e di cui l’anno prossimo ricorrerà il 40/o anniversario.

Il tappone alpino, da Alpago a Corvara, proporrà in un colpo solo Pordoi, Sella, Gardena, Campolongo, Giau, Valparola; cinque passi superano i 2 mila metri, solo il Campolongo si trova più in basso (quasi 1.900 metri). Questa tappa ricalca, nella sua quasi totalità, la Maratona dles Dolomites, gran fondo italiana che quest’anno celebra il trentennale.

Per chi ne avrà ancora l’indomani (22 maggio, 15/a), è in programma la cronoscalata da Castelrotto all’Alpe di Siusi, a quota 1.844 m. Il terzo giorno di riposo verrà accolto come manna dal cielo dai corridori che, nell’ultima settimana, si giocheranno tutto.

Il gran finale andrà in scena sulle Alpi occidentali, in Piemonte. A quel punto, ci sarà spazio solo per i verdetti. Da Muggiò a Pinerolo verrà scalato il Pra Martino, il 27 toccherà al Colle dell’Agnello: con i suoi 2.744 metri è la ‘Cima Coppi’ del Giro 2016.

Verrà affrontato prima dello sconfinamento in Francia, a Risoul. La penultima tappa proporrà tre passi a oltre 2 mila m.: Col del Vars, La Bonnette, Colle della Lombarda, e un traguardo in quota, a Sant’Anna di Vinadio, quindi gran finale da Cuneo a Torino.

Si prevede una corsa equilibrata, per scalatori, ricca di trasferimenti e, rispetto al 2015, con un Nibali in più. E’ lui l’uomo da battere.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora