Al via la stagione 2015-2016 della Lvbp

Pubblicato il 06 ottobre 2015 da redazione

foto apre

CARACAS – Il 1945 verrà ricordato perché fu l’anno in cui venne riconosciuto il diritto di voto alle donne in Italia. A Firenze, per il trofeo Spaghetti Bowl, davanti a 25.000 spettatori, viene disputata la seconda partita di football americano in Italia: il risultato finale fu 5th Army Mudders 20 – 12th Air Force Bridgebusters 0. In quell’anno il Venezuela dichiaró guerra all’Italia. La fine della seconda Guerra mondiale e lo sgancio di due bombe atomiche sulle città di Hiroshima e Nagazaki.

Ma verrà anche ricordato perché in quell’anno viene fondata la ‘Liga Venezolano de Baseball Profesional’. Il 27 dicembre del 1945, un gruppo di imprenditori, tra cui spiccano i nomi di Martín Tovar Lange, Carlos Lavaud, Juan Antonio Yanes (noto come Yanesito) e l’italovenezuelano Juan Rafael Reggetti, propietari delle squadre di ‘Primera División’ Cervecería Caracas, Magallanes, Venezuela e Vargas si riunirono nell’ufficio di Yanesito che si trovava nell’edificio dove c’era la sala cinematográfica ‘Capitol’ per fondare la LVBP. E fu così che dal baseball dilettanti si passò al professionale.

Da quel momento, l’Asociación Venezolana de Baseball, che non aveva un peso nazionale, prese le rendini del gioco dilettantistico fino al 1951, quando fu fondata la Federación Nacional de Baseball, attualmente Federación Venezolana de Baseball Amateur.

Il 2 gennaio del 1946 fu ufficializzata la Liga Venezolana de Baseball Profesional, quel giorno fu eletto il primo consiglio direttivo: l’italovenezuelano Alfredo Scannone (presidente), Rafael Arroyo (secretario) ed Eduardo Kalil (tesoriere), completarono come dirigenti Otto Antillano, Enrique Acosta Clausel ed Arturo Valery.

Il 12 gennaio del 1946 si disputò la prima partita, lo scenario fu lo stadio ‘Cerveza Caracas’, noto in precedenza come stadio ‘San Agustín’, le squadre sul diamante furono Magallanes e Venezuela. Per la cronaca quella gara fu vinta dal Magallanes con lo score di 5-2 grazie all’ottima prestazione sul monte di Alejandro ‘Patón’ Carrasquel. Nel primo torneo si scendeva in campo tre volte alla settimana: giovedì, sabato e domenica, tutti gli incontri si disputavano in mattinata o nel pomeriggio. Allora non c’era l’illuminazione artificiale, la prima gara in notturna si gareggiò nella stagione successiva: lo scenario, fu sempre quello del Cerveceria Caracas.

Da quel momento hanno solcato i diamanti del Venezuela ed hanno fatto emozionare i tifosi campioni del calibro di Alfonso ‘chico’ Carrasquel, Luis Aparicio ‘El grande’, David Concepción, Luis ‘camaleón’ García, Ramon Monzant, Luis Leal, Johan Santana, Melvin Mora, Pablo Sandoval, José Altuve, Miguel Cabrera e tanti altri. Senza dimenticare gli italovenezuelani Giovanni Carrara, Marco Scutaro, Marcos Vecchionacci, Francisco Cervelli. Una notazione speciale per l’azzurro Alex Liddi che ha in un paio di occasioni ha indossato la maglia dei Cardenales.

Nella Lvbp, hanno fatto gavetta campioni che poi sono diventi star della Major League Baseball, tanto per nominare qualcuno, troviamo personaggi come: Greg Maddux (vincitore di 4 premi Premios Cy Young consecutivi tra il 1992 e 1995, gesta solamente riuscita a Randy Johnson) che ha indossato la maglia delle Àguilas del Zulia, Darryl Strawberry (vincitore di 4 World Series nelle stagioni 1986, 1996, 1998, 1999) con i Tiburones de La Guaira, Pete Rose (uno dei migliori battirori della Mlb) con i Leones del Caracas, Barry Bonds (ha 762 fuori campi nella Mlb) con i Navegantes del Magallanes e tanti altri.

I tifosi hanno visto coronarsi campioni le seguenti squadre: Leones del Caracas (20 titoli), Navegantes del Magallanes (12), Tigres de Aragua (9), Tiburones de la Guaira (7), Águilas del Zulia ed Industriales (5), Cardenales de Lara (4), Sabios de Vargas e Caribes de Anzoátegui (2) e Pastora (1).

I campioni in carica nella stagione 2015-2016 sono i Caribes de Anzoátegui, da oggi Magallanes. Leones, Tigres, Tiburones, Águilas, Bravos e Cardenales cercheranno quest’anno di spodestarli dal trono della Lvbp.

Le gare in programma per la prima giornata sono: Caracas-Caribes (a Puerto La Cruz), Lara-La Guaira (a Caracas), Tigres-Magallanes (a Valencia) e Bravos-Zulia (a Maracaibo).

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

11:44Usa: ancora tanti voli cancellati a Atlanta dopo blackout

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I voli all'aeroporto di Atlanta dovrebbero riprendere stamane alle 6 locali (le 12 in Italia), dopo il blackout di ieri che ha lasciato a terra migliaia di persone. Lo riferisce la Bbc. Ma anche oggi sono previste centinaia di cancellazioni. Georgia Power, la società che fornisce l'elettricità allo scalo americano, ha spiegato che il black out sarebbe stato provocato da un incendio in un impianto sotterraneo, forse per un corto circuito. L'interruzione della corrente, durata molte ore, ha provocato la cancellazione di oltre mille voli, e centinaia di cancellazioni sono previste ancora oggi. Quello di Atlanta è uno degli scali più trafficati del mondo, con 2500 voli e una media di 275 mila passeggeri al giorno.

11:40Calcio: Oddo, Milan si mostri club forte e protegga Gattuso

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - OIl - Il Milan protegga Gattuso. Così Massimo Oddo, allenatore dell'Udinese, ai microfoni di 'Radio anch'io sport', tende una mano al suo collega del Milan ed ex compagno nella Nazionale che vinse il Mondiale 2006 a Berlino. Rispondendo a una domanda sulla situazione del Milan, il tecnico dell'Udinese ha detto: "non mi permetto di giudicare altri, peraltro Gattuso è un mio amico, poi non conosco le cose. Quando si cambia allenatore ci sono problematiche che non sono mai le stesse -ha aggiunto Oddo, subentrato a Delneri sulla panchina dell'Udinese - Bisogna solo essere realisti mettersi a testa bassa e lavorare. Io sono stato fortunato a trovare un gruppo che ha reagito subito e fare dei risultati, sono stato aiutato da questi. Gattuso ha cominciato un lavoro. Il Milan dimostri di essere una società forte e lo protegga".

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

10:38Honduras: Hernandez confermato presidente, ancora proteste

(ANSA) - TEGUCIGALPA (HONDURAS) 18 DIC - Il presidente uscente Juan Orlando Hernandez è stato dichiarato vincitore nelle contestate elezioni in Honduras. Hernandez ha vinto con quasi il 43% delle preferenze rispetto al 41,42 dello sfidante Salvador Nasralla, che tuttavia aveva già annunciato di non riconoscere l'esito del voto, denunciando irregolarità. Anche l'Organizzazione degli Stati Americani ha proposto di rifare le elezioni, sottolineando che era impossibile determinare il risultato con certezza a causa di diverse irregolarità tra cui "deliberate intrusioni nel sistema informatico" utilizzato per il conteggio dei voti. In tutto il paese ci sono state proteste durante la notte e il partito di Nasralla ha chiamato alla mobilitazione anche oggi. Finora almeno 17 persone sarebbero morte negli scontri dal 26 novembre, giorno delle elezioni.

Archivio Ultima ora