Riforme: arriva il sì del Senato. Lega sull’Aventino

Pubblicato il 12 ottobre 2015 da redazione

Una veduta dell'aula del Senato durante le votazioni sugli emendamenti della Riforma Costituzionale, Roma, 9 ottobre 2015. ANSA/GIORGIO ONORATI

Una veduta dell’aula del Senato durante le votazioni sugli emendamenti della Riforma Costituzionale, Roma, 9 ottobre 2015. ANSA/GIORGIO ONORATI

ROMA. – Il Senato approverà oggi pomeriggio in seconda lettura la riforma costituzionale, nel testo che presumibilmente sarà quello definitivo e che sarà sottoposto ai cittadini nel referendum dell’ottobre 2016.

Sembrava un passaggio parlamentare difficilissimo ad agosto, quando alcuni esponenti della minoranza Pd evocarono il “Vietnam”, e che invece ha compattato Pd e maggioranza, dividendo piuttosto le opposizioni (con la lega pronta all’Aventino) tanto che Silvio Berlusconi radunerà i propri parlamentari per evitare la spaccatura interna.

Venerdì scorso l’Aula di Palazzo Madama ha concluso il voto sugli emendamenti e gli articoli del ddl Boschi, approvando tra l’altro proprio l’ultima delle modifiche che ha recepito gli accordi dentro il Pd e dentro la minoranza.

Dopo il sì di oggi del Senato, il testo passerà subito alla Camera che, secondo le intese nella maggioranza, dovrebbe semplicemente confermarlo senza apportare alcuna modifica: cosa che dovrebbe avvenire entro Natale.

A quel punto, come prevede l’articolo 138 della Carta per le modifiche costituzionali, il ddl Boschi sarà nuovamente sottoposto al Senato e alla Camera ad una seconda e definitiva approvazione. In questa seconda lettura non sono previsti emendamenti, ma solo un sì o un “no” agli articoli e alla legge.

Quindi con dei passaggi parlamentari più snelli e rapidi che dovrebbero concludersi entro primavera 2016, così da tenere il referendum confermativo nell’autunno. Solo allora la riforma entrerà in vigore, e sarà attuata poi al momento dello scioglimento delle Camere, che Matteo Renzi dice debba essere a scadenza naturale, cioè nella primavera 2018.

Nella secondo lettura in Senato e alla Camera occorrerà la maggioranza assoluta, quindi 161 voti in Senato e 316 alla Camera, mentre oggi basterà la maggioranza semplice.

Tuttavia i senatori della maggioranza sono stati precettati per far sì che il testo sia approvato con un quorum elevato, superiore ai 170, per dar prova di compattezza politica. Per altro in diverse votazioni sugli emendamenti si è raggiunta anche quota 178, grazie anche ai sì di Ala, il gruppo di Denis Verdini.

Le opposizioni puntavano sulla spaccatura interna al Pd, ma l’accordo raggiunto il 23 settembre, al momento di presentare gli emendamenti, ha sminato il percorso per il governo. Non a caso proprio la minoranza Dem è stata spesso attaccata da M5s e dalla Lega.

Quest’ultima, dopo il fallito assalto a suon di milioni di emendamenti (82 milioni quelli presentati il 23 settembre) ha optato per l’Aventino, accusando di “inciucio” Fi che un paio di volte ha votato con la maggioranza.

Ed in imbarazzo si trova il partito di Silvio Berlusconi, che oggi stesso riunirà senatori e deputati per evitare la spaccatura. Alcuni dei suoi senatori (come Augusto Minzolini) propone di seguire la Lega nell’Aventino; altri come Altero Matteoli, sono per il “no” alla riforma, ma rimanendo il Aula; e c’è chi, come Riccardo Villari, annuncia il sì alla riforma e invita il partito a fare altrettanto, per potersi un domani sedersi al tavolo se si dovesse modificare l’Italicum.

Berlusconi punta almeno ad evitare di votare in ordine sparso.

(di GIovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

13:23Alpinismo: morto Abram, fu sul K2 nel 1954

(ANSA) - BOLZANO, 17 GEN - E' morto Erich Abram alpinista altoatesino: era l'ultimo componente della spedizione italiana sul K2 del 1954 ancora in vita. Ne ha dato notizia il Club alpinistico italiano Cai. Abram era nato a Vipiteno nel 1922. Il sodalizio che lo ebbe come socio onorario lo ricorda come un uomo "di carattere schivo e lontano dalle scene mediatiche". Abram (a destra nella foto) è deceduto in serenità la notte scorsa.

13:18Maltempo: sindaca Monsampietro Morico guida spazzaneve

(ANSA) - FERMO, 17 GEN - "Abbiamo alcune zone senza elettricità, quasi un metro di neve e le strade bloccate". Lo dice Romina Gualtieri, sindaca di Monsampietro Morico, 700 abitanti, uno dei Comuni terremotati delle Marche ora stretti nella morsa del maltempo. "Un'emergenza - racconta telefonicamente - che si aggiunge all'emergenza", tanto che la prima cittadina si è dovuta alternare alla guida del mezzo spazzaneve del Comune ("il trattoretto" lo chiama), con "il nostro unico dipendente", mentre il gruppo comunale della Protezione civile "sta rimuovendo dalla strada piante e alberi schiantanti dal peso della neve". Con gli sfollati "tutti in B&B nei pressi", è la viabilità notturna il problema principale, "con varie strade provinciali invase dalla neve e molti automezzi, anche attrezzati con catene e tutto il resto, bloccati o finiti di traverso. "Stiamo lavorando da 24 ore ininterrottamente - aggiunge Gualtieri - per soccorrere i conducenti e tirarli fuori".

13:15Saluto nazista a corteo pakistani, Daspo a 4 ultras

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Il questore di Brescia ha disposto il provvedimento di D.a.spo con divieto di accesso in tutti gli stadi e gli impianti sportivi nel territorio nazionale in occasione di tutti gli incontri di calcio, oltre ai luoghi di transito e trasporto di partecipanti a manifestazioni sportive, per quattro ultras appartenenti alla "Curva nord Brescia". Il provvedimento - spiega la Questura - è scaturito da un comportamento tenuto dai quattro in occasione di una manifestazione religiosa, l'11 dicembre per le vie della città. Al passaggio di un corteo che aveva visto la partecipazione di 5000 appartenenti alla comunità pakistana, i quattro erano usciti da un pub, inveendo con cori razzisti e gesta offensive. In particolare, era stato fatto il saluto nazista in direzione degli stranieri, oltre al gesto del dito medio e frasi come "botte, botte, botte".

13:13Incendi Genova: 300 sfollati e tre scuole chiuse

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Oltre ai quasi 300 sfollati dal quartiere Orizzonte di Pegli ci sono tre scuole chiuse in Val Varenna perché minacciate dalle fiamme. La decisione di non far svolgere le lezioni è stata presa autonomamente dai dirigenti scolastici. Lo rende noto l'assessore comunale alla Scuola Pino Boero. Le scuole sono la scuola dell'infanzia Val Varenna, la scuola media Alessi e il liceo Mazzini in piazza Bonavino. Sempre in Val Varenna due persone sono state sfollate dalla loro abitazione e ricoverate in ospedale. Tra Pegli e la Val Varenna operano 4 Canadair, un elicottero, 40 volontari e squadre di vigili del fuoco di Genova e provenienti in rinforzo da Milano, Emilia Romagna, Torino e Alessandria.

13:05Cucchi: omicidio preterintenzionale per 3 carabinieri

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - La procura di Roma ha chiuso l'inchiesta bis sulla morte di Stefano Chcchi (22 ottobre 2009) e ha contestato l'accusa di omicidio preterintenzionale ai tre carabinieri che lo arrestarono il 15 ottobre. I tre sono ritenuti responsabili del pestaggio del giovane geometra. Per altri due carabinieri sono ipotizzati i reati di calunnia e di falso.

13:03Trump: media, continuerà uso Twitter personale dopo venerdì

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il presidente eletto Donald Trump manterrà il suo account Twitter personale ed altri social media dopo il suo insediamento venerdì: lo hanno detto alla Nbc funzionari del suo team di transizione. Non e' chiaro ancora tuttavia, scrive l'emittente sul suo sito, come verranno gestiti gli account ufficiali '@POTUS' E '@FLOTUS', rispettivamente assegnati al presidente degli Stati Uniti e alla First Lady.

13:03Maltempo: allerta per innalzamento livello mare in E-R

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - La protezione civile dell'Emilia-Romagna ha attivato la fase di attenzione per 'evento costiero' (innalzamento del livello del mare con possibile inondazione) per i comuni della costa dell'Emilia-Romgna valida fino a mezzanotte di oggi. L'allerta riguarda: San Mauro Pascoli (Fc), Cesenatico (Fc), Gatteo (Fc), Savignano sul Rubicone (Fc), Cattolica (Rn), Riccione (Rn), Rimini (Rn), Bellaria-Igea Marina (Rn), Misano Adriatico (Rn), Cervia (Ra), Ravenna (Ra), Comacchio (Fe), Codigoro (Fe), Goro (Fe). Secondo l'allerta, condizioni di forte ventilazione da nord-est sul mare Adriatico determineranno condizioni di altezza dell'onda superiore ai valori di soglia sottocosta (3 metri), con possibilità di ingressioni marine. Per il vento e lo stato del mare resta in vigore l'allerta cominciata ieri e valida fino alle 24 di mercoledì. Possono verificarsi - viene spiegato - mareggiate con fenomeni di erosione dell'arenile e locali danni agli stabilimenti balneari.(ANSA).

Archivio Ultima ora