Tra Rai Italia e Niaf accordo di Media Partnership

Pubblicato il 14 ottobre 2015 da redazione

niaf

NEW YORK. – Rai Italia e la NIAF, la National Italian American Foundation, hanno siglato un accordo di Media Partnership per il 40° anniversario della stessa fondazione.

La NIAF è la maggiore associazione che rappresenta e tutela gli oltre 20 milioni di cittadini italo-americani che vivono negli USA, con l’obiettivo di mantenere vivo il legame con le loro tradizioni storiche e culturali, anche attraverso l’istituzione di fondi e borse di studio, nonché di celebrare il contributo che, nei decenni, gli italiani hanno apportato alla storia americana.

In particolare, il 2015 segna il 40° anniversario della NIAF, che culminerà nel tradizionale gala che, come ogni anno, si terrà a Washington dal 16 al 18 ottobre prossimi, nel corso del quale, tra gli altri, verranno insigniti di un riconoscimento per la loro attività Sergio Marchionne, la cantante Connie Francis e il deputato Amato Berardi.

A proposito della Media Partnership con Rai Italia, il Presidente della NIAF, John M. Viola, ha dichiarato: “È un onore per la nostra Fondazione avere un partner che gode della notorietà a livello planetario di Rai Italia, specialmente in occasione del weekend del gala per il nostro 40° anniversario. Sia la NIAF che Rai Italia condividono la consapevolezza di quanto sia importante la diaspora italiana per il futuro dell’Italia: si tratta di quasi 100 milioni di italiani sparsi nel mondo, cui sia la NIAF che Rai Italia si rivolgono quotidianamente”.

Rai Italia è il canale della Rai per gli italiani nel mondo, che raggiunge oltre 31 milioni di abitazioni in quattro continenti. A partire dal 2013, accanto alla programmazione del meglio delle reti Rai, il canale ha avviato la produzione di programmi specificamente progettati per le nostre comunità all’estero.

Dice il Direttore di Rai Italia, Piero A. Corsini: “Rai Italia condivide con la NIAF l’obiettivo di rivolgersi a tutte le tipologie di italiani nel mondo. Non solo dunque quanti vivono ormai da decenni lontani dal proprio Paese, ma anche i loro discendenti e coloro che si trovino all’estero per periodi di tempo più o meno limitati.

Il nostro lavoro quotidiano è mantenere vivo il legame con il Paese d’origine, raccontare i mille volti e le infinite storie delle nostre comunità sparse nei quattro continenti, ricordare a tutti quali meraviglie e quali opportunità l’Italia abbia da offrire”.

Nel corso dell’evento a Washington, sarà proiettato il filmato Il viaggio dell’altra Italia, realizzato da Rai Italia con la regia di Luigi M. Perotti, un itinerario nei musei dell’emigrazione italiana da Halifax (Canada) a Buenos Aires, da Melbourne a Ellis Island (New York), fino al Museo dell’Emigrazione al Vittoriano di Roma.

Ultima ora

17:02Migranti: Ungheria, l’Italia continua a ricattarci

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - ''L'Italia ci ha ricattati e continua a farlo facendo pressione politica su di noi e sul resto dei Paesi dell'Europa centro-orientale''. Lo ha detto il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, a Roma durante un incontro informale con alcuni media italiani, facendo riferimento alla ricollocazione dei migranti legata all'approvazione del bilancio Ue.

16:54Calcio: Juventus, rientrano primi sei nazionali

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - Parte domani a Vinovo l''operazione Napoli' della Juventus che andrà al San Paolo per due sfide infuocate in campionato e Coppa Italia. Domani Massimiliano Allegri riavrà i primi sei dei 16 giocatori convocati nelle varie nazionali: Barzagli, che aveva lasciato il raduno azzurro sabato "per motivi personali", Pjanic, non chiamato per l'amichevole della Bosnia in Albania, Higuain, squalificato con l'Argentina, oltre a Dani Alves, Lichtsteiner e Mandzukic.

16:41Attacco Londra: il suv lanciato a 120 km all’ora sui pedoni

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - Lanciato a 76 miglia, circa 122 km all'ora, sui passanti: è la velocità raggiunta dal suv guidato mercoledì scorso da Khalid Masood nel suo attacco terroristico sul Westminster Bridge di Londra. Lo riporta la Bbc, sulla base dei rilevamenti della polizia britannica.

16:41Spari P.Chigi: Giangrande e Fedeli incontrano studenti

(ANSA) - PRATO, 27 MAR - Un incontro sul tema della legalità nella scuola, sull'amore e sui valori che spingono le persone a compiere gesti eroici. Come quello del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, che ha raccontato la sua storia a circa 140 studenti del liceo pratese "Cicognini-Rodari". Accanto a lui il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il militare circa 4 anni fa rimase vittima di un attentato di uno squilibrato nel giorno dell'insediamento del governo guidato da Enrico Letta. Nel suo discorso il maresciallo ha ripercorso le tappe fondamentali della sua carriera, che sono raccolte nel libro di Roberto Riccardi "Il prezzo della fedeltà" (Mondadori), il cui ricavato delle vendite andrà in beneficenza. All'appuntamento hanno partecipato anche il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e la figlia di Giangrande, Martina, a cui il padre ha tributato una lunga e struggente lettera di ringraziamento nel suo libro.

16:38Russia: Navalni, nella sentenza nulla di vero

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexey Navalni si è detto innocente: "Tutto ciò che è scritto" sul dispositivo della sentenza "non è vero", ha affermato, sottolineando che "l'errore principale è che sulla via Tverskaya c'erano solo 4.000 persone" e ribadendo di non aver opposto resistenza alla polizia. Il suo avvocato, Olga Mikhailova, ha dichiarato che la versione dei fatti fornita dalla polizia è completamente inventata. Secondo il giudice che ha letto la sentenza, Navalni viene condannato per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata con 4.000 persone, per aver spronato i dimostranti a violare l'ordine pubblico e per essersi rifiutato di andare in un ufficio di polizia spintonando gli agenti.

16:30Berlusconi, prestito a Lele Mora un atto di generosità

(ANSA) - MILANO, 27 MAR - Silvio Berlusconi si è presentato in aula a Palazzo di Giustizia a Milano per il processo per bancarotta a carico dell'ex direttore del Tg4 Emilio Fede. Berlusconi, accompagnato dai suoi legali Nicolò Ghedini e Federico Cecconi e dal suo medico personale, Alberto Zangrillo, è stato ascoltato come teste circa un prestito da circa 2,8 milioni di euro a Lele Mora nel 2010. "E' stato un mio atto di generosità" ha detto il Cavaliere. Secondo l'accusa, Emilio Fede avrebbe trattenuto oltre un milione di euro dei soldi che dovevano servire a salvare la società di Mora. Berlusconi ha risposto a tutte le domande del pm. Ha chiesto di non essere nè ripreso né fotografato durante la sua breve deposizione. Inoltre prima e dopo l'esame non ha rilasciato dichiarazioni ai cronisti. (ANSA).

16:25Sessione Cio 2019, Milano candidata unica

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Milano sarà candidata unica ad ospitare la 132ma Sessione del Cio nel settembre 2019. Lo rende noto il Cio. L'assegnazione ufficiale dell'evento è in programma a Lima il 17 settembre di quest'anno. Il Comitato olimpico internazionale ora nominerà una commissione di valutazione che sarà nel capoluogo lombardo il 23 e 24 maggio prossimi.

Archivio Ultima ora